Pagina 3 di 3

Re: Posso farmi impianto e dico da solo per box prefabbricat

MessaggioInviato: 9 mag 2019, 22:12
da 6367
Europa? autorità garante della libera concorrenza e del mercato? se ci siete battete un colpo!
L'attività di impiantista in Italia e quanto di più protezionistico vi possa essere.

Per fare l'impiantista in regola, in Italia, bisogna essere "abilitati" (iscritti alla camera di commercio). Il fai da te è rigorosamente proibito.

L'abilitazione, però, è subordinata ad adempimenti burocratici-fiscali-commerciali, non è una abilitazione tecnica sulla conoscenza e competenza, tramite di esami, titoli di studio, tirocinio.

L'abilitazione si ottiene per "ereditarietà": è necessario essere stati alle dipendenze di un altro abilitato per ereditare l'abilitazione. Non c'è altra possibilità. Per quanto si possa competenti non esiste alcun modo per far valere la propria competenza. Al non iscritto alla camera di commercio, all'elettricista in pensione, all'elettricista non autonomo, è fatto assoluto divieto di mettere mano sull'impianto, anche a casa propria o di sua mamma, anche a titolo gratuito.

Il titolo di studio (diploma, laurea,..) casomai riduce il periodo necessario per acquisire l'abilitazione sempre per ereditarietà, ma solo la laurea lo azzera (ma sappiamo bene che la laurea non è necessaria né sufficiente per fare di te un buon elettricista).

Conoscenza e competenza non sono verificate. Anche chi non ha mai preso in mano un cacciavite, anche chi non conosce la legge di Joule, anche chi non ha nemmeno un diplomino, anche chi non ha mai visto le norme neanche da lontano, potrebbe trovarsi magicamente abilitato se ha trovato un altro abilitato che tramite un rapporto di dipendenza gli ha trasmesso l'abilitazione.

Un po' come la successione apostolica dei vescovi: per quanto tu possa essere idoneo, se non c'è un vescovo che ti trasmette l'episcopato imponendoti le mani non puoi diventare vescovo.

Come se non bastasse, l'installatore abilitato da un altro abilitato, ha il privilegio esclusivo di "certificare" il proprio lavoro senza che un terzo possa controllare e verificare quello che ha fatto. :D

Re: Posso farmi impianto e dico da solo per box prefabbricat

MessaggioInviato: 10 mag 2019, 6:41
da albertagort
Hai scritto "e sappiamo bene che la laurea non è necessaria né sufficiente per fare l'attività di installatore"

e come no?
Con a laurea in ingegneria si può aprire una ditta di installazione anche il giorno dopo della tesi. Anche se non si è mai tenuto una forbice in mano.

Re: Posso farmi impianto e dico da solo per box prefabbricat

MessaggioInviato: 10 mag 2019, 7:05
da Goofy
Oltre a quella in ingegneria mi sembra che siano riconosciute anche le lauree in architettura, in fisica e in scienze nautiche.

Re: Posso farmi impianto e dico da solo per box prefabbricat

MessaggioInviato: 10 mag 2019, 7:09
da iosolo35
Leggi bene Foto Utentealbertagort cosa scrive Foto Utente6367, la laurea azzera il periodo di esperienza pratica alle dipendenze di una ditta di installazione di impianti elettrici, purtroppo è così e sappiamo benissimo che questo non ha un senso logico.
Rimango comunque dell'idea che ci sono delle regole e vanno rispettate, non hai l'abilitazione per eseguire l'impiantista elettrico? non puoi fare ciò che non sia manutenzione ordinaria nel rispetto della legge, se dopo invece vuoi fare di testa tua ed eseguire modifiche nel tuo impianto fallo pure ma ne sarai responsabile.
Un domani quando vorrai vendere/affittare l'appartamento dovrai consegnare, tra le altre cose, anche la dichiarazione di conformità con gli allegati ma, se le modifiche non le ha realizzate un installatore come puoi produrla? ricordo che a valle del marzo 2008 non si può "sanare" il tutto con la rispondenza.

Re: Posso farmi impianto e dico da solo per box prefabbricat

MessaggioInviato: 10 mag 2019, 8:36
da 6367
albertagort ha scritto:e come no?
Con a laurea in ingegneria si può aprire una ditta di installazione anche il giorno dopo della tesi. Anche se non si è mai tenuto una forbice in mano.


Volevo dire (ora correggo il post): non è la laurea che fa di te un buon installatore.
Certo, una laurea è meglio che niente, almeno si dovrebbero sapere i principi dell'elettrotecnica e si dovrebbe saper leggere una norma. Ma il mestiere dell'ingegnere o del fisico o dell'architetto non è quello dell'installatore.

Re: Posso farmi impianto e dico da solo per box prefabbricat

MessaggioInviato: 10 mag 2019, 11:58
da Mike
albertagort ha scritto:ammetto di concordare in pieno sul discorso del buon senso.
Mi farebbe un po' paura il discorso dell'assicurazione, quella volta che dovesse esserci un problema. Questa è una cosa che bisogna sempre tener conto. E valutare cosa vale la pena fare e cosa no, in base appunto al "buon senso"


Il DM 37/08, come tutte le leggi (fiat) promulgate negli ultimi 30 anni, sono provvedimenti arbitrari sostenuti da delle categorie a danno di altre categorie, il tutto per il mantenimento del sistema (giuspositivismo). Non che prima non lo fossero, ma almeno le leggi erano pochissime e scritte meglio. Non cercare il buon senso e men che meno la logica, non esiste, sono solo interessi da mantenere da parte di qualcuno a scapito di altri.
L'unica legge che ritengo valida, anche se di diritto positivo, è la L. 186/68 perché è basata sulla logica e il buon senso. Antesignana del "nuovo approccio" della marcatura CE, con solo due articoli chiari regola in maniera semplice un settore complesso.

L'assicurazione paga anche in caso di dolo, poi possono fare rivalsa, ma lo possono fare su qualcosa di concreto non per la mancanza di un pezzo di carta. Se il lavoro è stato eseguito a regola d'arte, tale rimane, anche senza il pezzo di carta previsto per legge.

Re: Posso farmi impianto e dico da solo per box prefabbricat

MessaggioInviato: 4 giu 2019, 11:26
da IngMar
Salve a tutti. Scusate se mi intrometto.
Se ho un impianto (presumibilmente ante 46/90) costituito da filtubo probabilmente, nel quadro non è presnete un DIFFERENZIALE(con dubbi sull'integrità ed esistenza a questo punto di un impianto di terra). La spesa media quale potrebbe essere? considerando nel migliore dei casi solo la sostituzione dei cavi e inserimento di un differenziale. La DICO esistente (essendo una casa comprata tramite agenzia) va integrata con una dico parziale?
grazie

Re: Posso farmi impianto e dico da solo per box prefabbricat

MessaggioInviato: 4 giu 2019, 11:31
da Mike
Difficile stabilire una spesa media, dai 500 ai 1000? L'impianto va visionato e verificato, dopo di che si può valutare quali adeguamenti fare e relativi costi. Nel tuo caso l'intervento minimo sarebbe di adeguamento: trasformazione. Al termine dei lavori va redatta un DICO dei lavori eseguiti, la citazione della dichiarazione precedente dipenderà da quali interventi sono stati svolti.

Re: Posso farmi impianto e dico da solo per box prefabbricat

MessaggioInviato: 4 giu 2019, 11:38
da IngMar
Alcune foto come esempio.

Re: Posso farmi impianto e dico da solo per box prefabbricat

MessaggioInviato: 4 giu 2019, 15:31
da Mike
Gli interventi minimi ai fini della sicurezza:
1. installazione di DG in prossimità del punto di consegna a protezione del montante (se non c'è già)
2. installazione di MTD 30 mA come generale sul centralino esistente
3. rifacimento di tutte le giunzioni con appositi morsetti.
4. verifica del collegamento a terra delle masse.
5. collegare a terra le massi eventualmente non collegate, oppure adottare sistemi di protezione dai contatti indiretti alternativi.