Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

interruttore differenziale tipo A o F

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto Utentelillo, Foto UtenteMike, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago

0
voti

[11] Re: interruttore differenziale tipo A o F

Messaggioda Foto Utenteziomangrovia » 11 ago 2021, 17:50

Franco012 ha scritto:Nella categoria differenziali, ci sono quelli che hanno una particolare resistenza ai disturbi, ma non è detto che si trovino in commercio già accoppiati ad un magnetotermico. Nel caso di BTICINO abbiamo infatti visto che non ci sono nel catalogo (almeno mi sembra), per cui in tal caso è necessario installare separatamente l'interruttore magnetotermico e l'interruttore differenziale. Il risultato finale è uguale, cambia solo lo spazio occupato (ed eventualmente il costo).


Spiegazione eccellente, chiarissimo.
Molto interessante l'accoppiamento in parallelo di più differenziali, non sapevo fosse possibile.

questo potrebbe andar bene?
https://campoelettrico.it/magnetotermico-differenziale-interruttori/magnetotermici-differenziali-abb/interruttore-differenziale-magnetotermico-45ka-25a-1n-apr-30ma-abb-ds1lc25r30.html
Ultima modifica di Foto Utenteziomangrovia il 11 ago 2021, 17:55, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Foto Utenteziomangrovia
55 1 2 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 215
Iscritto il: 28 ago 2015, 6:27

0
voti

[12] Re: interruttore differenziale tipo A o F

Messaggioda Foto UtenteFranco012 » 11 ago 2021, 17:55

Non solo è possibile, ma lo prevede espressamente la normativa tecnica CEI per i nuovi impianti/ristrutturazioni: ci devono essere almeno due differenziali (il dimensionamento viene effettuato in base alle caratteristiche della linea da proteggere e al carico previsto per ciascuna linea).
L'interruttore che hai citato va bene solo se a monte di quello c'è un altro magnetotermico (ad esempio subito a valle del contatore) con capacità d'interruzione di 6 kA, anziché di 4,5 kA.
In alternativa, puoi impiegare l'interruttore che hai citato, ma nella versione con capacità d'interruzione di 6 kA.
Dovrebbe essere questo:

ABB DS201C25APR30.png
ABB DS201C25APR30
Big fan of ƎlectroYou
Avatar utente
Foto UtenteFranco012
4.954 3 3 7
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2172
Iscritto il: 8 ago 2015, 19:40
Località: Sardegna

0
voti

[13] Re: interruttore differenziale tipo A o F

Messaggioda Foto Utente6367 » 11 ago 2021, 20:13

I requisiti di immunità agli scatti intempestivi dei tipo F sono abbastanza severi, mi viene difficile pensare inferiori a quelli "generici".
Se non erro Legrand BTicino ha completamente sostituito i suoi HPI con i tipo F e non escluderei che altri seguano il suo esempio.
Avatar utente
Foto Utente6367
20,8k 6 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6566
Iscritto il: 9 set 2005, 0:00

0
voti

[14] Re: interruttore differenziale tipo A o F

Messaggioda Foto Utenteziomangrovia » 12 ago 2021, 13:42

6367 ha scritto:I requisiti di immunità agli scatti intempestivi sei tipo F sono abbastanza severi, mi viene difficile pensare inferiori a quelli "generici".


Non ho capito questo punto.
Avatar utente
Foto Utenteziomangrovia
55 1 2 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 215
Iscritto il: 28 ago 2015, 6:27

0
voti

[15] Re: interruttore differenziale tipo A o F

Messaggioda Foto UtenteFranco012 » 12 ago 2021, 15:05

Ritengo che Foto Utente6367 si riferisse in particolare a quanto ho detto al post [2], ossia:

"I differenziali di tipo "A" ed "F" non sono concepiti in maniera specifica per avere un'alta resistenza ai disturbi, bensì per intervenire in particolari condizioni, là dove un differenziale di tipo "AC" non sarebbe in grado d'intervenire. Tuttavia, per norma costruttiva, presentano anche una certa resistenza ai disturbi, superiore ai normali differenziali di tipo "AC", ma inferiore agli interruttori concepiti espressamente per tale esigenza"

Se ho capito giusto, la differenza di resistenza ai disturbi non è così elevata tra un differenziale di tipo "F" ed uno indicato in maniera specifica come "antidisturbo". In conclusione, a questo punto converrebbe mettere direttamente un differenziale di tipo "F", che assicura sia l'intervento in particolari condizioni (correnti di guasto con andamento che si discosta molto dalla tradizionale sinusoidale), sia un'ottima resistenza ai disturbi.
P.S.
Sempre che la mia interpretazione sia esatta.
Big fan of ƎlectroYou
Avatar utente
Foto UtenteFranco012
4.954 3 3 7
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2172
Iscritto il: 8 ago 2015, 19:40
Località: Sardegna

0
voti

[16] Re: interruttore differenziale tipo A o F

Messaggioda Foto Utenteziomangrovia » 12 ago 2021, 16:10

Franco012 ha scritto:Nella categoria differenziali, ci sono quelli che hanno una particolare resistenza ai disturbi, ma non è detto che si trovino in commercio già accoppiati ad un magnetotermico. Nel caso di BTICINO abbiamo infatti visto che non ci sono nel catalogo (almeno mi sembra), per cui in tal caso è necessario installare separatamente l'interruttore magnetotermico e l'interruttore differenziale. Il risultato finale è uguale, cambia solo lo spazio occupato (ed eventualmente il costo).


Avrei trovato questo:

https://catalogo.bticino.it/BTI-GC8813F25-IT
Avatar utente
Foto Utenteziomangrovia
55 1 2 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 215
Iscritto il: 28 ago 2015, 6:27

0
voti

[17] Re: interruttore differenziale tipo A o F

Messaggioda Foto UtenteFranco012 » 12 ago 2021, 16:19

Vale sempre quanto già scritto nel post [12]:

Franco012 ha scritto: L'interruttore che hai citato va bene solo se a monte di quello c'è un altro magnetotermico (ad esempio subito a valle del contatore) con capacità d'interruzione di 6 kA, anziché di 4,5 kA.
In alternativa, puoi impiegare l'interruttore che hai citato, ma nella versione con capacità d'interruzione di 6 kA.
Big fan of ƎlectroYou
Avatar utente
Foto UtenteFranco012
4.954 3 3 7
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2172
Iscritto il: 8 ago 2015, 19:40
Località: Sardegna

1
voti

[18] Re: interruttore differenziale tipo A o F

Messaggioda Foto Utente6367 » 13 ago 2021, 15:21

Franco012 ha scritto:
Se ho capito giusto, la differenza di resistenza ai disturbi non è così elevata tra un differenziale di tipo "F" ed uno indicato in maniera specifica come "antidisturbo". In conclusione, a questo punto converrebbe mettere direttamente un differenziale di tipo "F", che assicura sia l'intervento in particolari condizioni (correnti di guasto con andamento che si discosta molto dalla tradizionale sinusoidale), sia un'ottima resistenza ai disturbi.
P.S.
Sempre che la mia interpretazione sia esatta.


Esatto.

Per i tipo F (e i tipo B) esistono prove di tenuta agli scatti intempestivi nella norma di prodotto (IEC 62423).

Per gli altri è tutto secondo le dichiarazioni del fabbricante.

Nella sostanza sono prodotti abbastanza simili.
Avatar utente
Foto Utente6367
20,8k 6 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6566
Iscritto il: 9 set 2005, 0:00

0
voti

[19] Re: interruttore differenziale tipo A o F

Messaggioda Foto UtenteFranco012 » 13 ago 2021, 15:52

Grazie per il chiarimento :ok:
Big fan of ƎlectroYou
Avatar utente
Foto UtenteFranco012
4.954 3 3 7
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2172
Iscritto il: 8 ago 2015, 19:40
Località: Sardegna

0
voti

[20] Re: interruttore differenziale tipo A o F

Messaggioda Foto Utenteziomangrovia » 13 ago 2021, 17:17

Sembra incredibile ma non riesco a trovare un interruttore magnetotermico differenziale di tipo F 25A da 0,03 A con capacità d'interruzione di 6 kA
Avatar utente
Foto Utenteziomangrovia
55 1 2 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 215
Iscritto il: 28 ago 2015, 6:27

Precedente

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 51 ospiti