Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Massa di due alimentazioni diverse in un circuito domotico

Piccole automazioni, installazioni elettroniche e domotica

Moderatore: Foto Utentestefanob70

0
voti

[1] Massa di due alimentazioni diverse in un circuito domotico

Messaggioda Foto Utentedclogin » 13 mag 2018, 14:38

Ciao,
chiedo il vostro aiuto in quanto ho un dubbio sul collegamento delle masse nel circuito che ho realizzato per aprire e chiudere un carico in 220AC tramite un Raspberry.

Come vedete dallo schema, ho collegato al Raspberry una scheda relè chiamata Automation HAT alimentata dai 5VDC del Raspberry.

Ecco il link alla scheda https://shop.pimoroni.com/products/automation-hat.

Il relè del Raspberry apre o chiede il collegamento di una alimentazione esterna in 12VDC alla bobina di un un relè sempre esterno al Raspberry.

La mia domanda è semplice, devo collegare tra loro le masse del Raspberry (GDN) e dei 12VDC esterni (si veda collegamento in tratteggio) oppure posso lasciare "indipendenti"?

Chi mi ha venduto la scheda mi ha scritto di collegarle tra loro ovvero:
12/24 V supply -> NO side of Automation HAT relay, then COM from Automation HAT relay -> External relay. Finally, wire both the other side of the external relay to the GND on the Automation HAT, and also the GND from the 12/24 V supply to the GND on the Automation HAT and you should be alrigh


Per cortesia mi illuminate? Cosa succede se collego tra loro le masse e cosa succede se non le collego?

Grazie dell'aiuto, daniele
Allegati
IMG_0889.jpg
Avatar utente
Foto Utentedclogin
0 2
 
Messaggi: 5
Iscritto il: 28 mar 2017, 22:51

0
voti

[2] Re: Massa di due alimentazioni diverse in un circuito domoti

Messaggioda Foto UtenteSerTom » 16 mag 2018, 8:54

Salvo miei errori di comprensione ... per aspetti strettamente funzionali NON è necessario collegare le 2 masse.
Il "bello" dei relè (elettromeccanici) è che mantengono una separazione galvanica tra bobina di comando e contatti di uscita ... e consentono proprio di mantenere separate le masse, quando per altri motivi, non possono essere messe in comune.
Ad esempio, se quella alimentazione a 12V non fosse "flottante" ma derivata da altri apparecchi, allora potrebbe diventare "critico" accomunare le masse.
Se invece, come penso, sia l'alimentazione a 5V della Raspberry che quei 12V sono "flottanti" allora la messa in comune è possibile.
Ma proprio da questo potrebbe derivare il "consiglio" di metterle in comune.
Se le 2 alimentazioni derivassero, per esempio, da 2 alimentatori isolati (i classici corpo-spina, tanto per capire tipo alimentatore carica cellulare) allora i 2 circuiti essendo assolutamente "liberi" potrebbero avere potenziali (pensa alle tensioni elettrostatiche) anche sensibilmente differenti. Anche migliaia di volt.
Questo potrebbe creare dei problemi a livello, essenzialmente, di compatibilità elettromagnetica.
E' anche per questo motivo che in genere anche i "circuiti in bassissima tensione" sono spesso collegati a terra. Ovvero messi in comune sulla "massa generale del pianeta" (terminologia NON tecnica).

Una soluzione molto usata è, non la messa in comune diretta ma attraverso una coppia (in parallelo) tra resistenza (in genere 100 ohm o giù di li) ed un condensatore da 100nF (pure lui a spanne).

L'argomento non è proprio banale e comprende aspetti piuttosto specifici ...

Bye O_/ Ser.Tom
Avatar utente
Foto UtenteSerTom
4.106 1 4 8
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 1918
Iscritto il: 18 mag 2012, 9:57

0
voti

[3] Re: Massa di due alimentazioni diverse in un circuito domoti

Messaggioda Foto Utentemarioursino » 16 mag 2018, 10:22

Da quello che ho capito utilizzi il relè sulla scheda HAT per alimentare un altro relè di potenza maggiore.

Io direi che il riferimento (massa) dell'alimentazione 12 V non debba essere collegato al riferimento Raspberry/HAT, si tratta di un circuito isolato ed "intermedio" (in pratica non cambia nulla se la colleghi o meno).

Avatar utente
Foto Utentemarioursino
2.841 3 9 12
Master
Master
 
Messaggi: 1219
Iscritto il: 5 dic 2009, 4:32


Torna a Automazione civile

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti