Pagina 6 di 6

Re: F = dp/dt?

MessaggioInviato: 21 mag 2011, 0:57
da DirtyDeeds
Sono un po' annebbiato da una bella mangiata e qualche birra, però provo a darti una risposta: al limite, ci ripenso poi meglio.

La meccanica newtoniana, a quel che mi risulta, non ha una risposta standard per questo tipo di problemi, nel senso che tali fenomeni non sono compresi nel modello. L'unica strada "newtoniana" che mi viene in mente è quella di considerare comunque valido il principio di conservazione della quantità di moto per tutto il sistema, quindi considerando anche la quantità di moto dei fotoni emessi (presa però dalla teoria relativistica in modo, diciamo, "truffaldino"), e poi procedere più o meno come prima. Direi (a naso) che si dovrebbe pervenire sempre a un'espressione del tipo

m(t)\frac{\text{d}v}{\text{d} t} = 0

che ci direbbe che il carrello continua a non accelerare. Da un punto di vista filosofico, forse, questo modo di procedere è però un po' insoddisfacente: in fondo, è un aggiustamento ad hoc della teoria di Newton per incorporare un fenomeno non previsto.

C'è da dire che non sarebbe l'unico caso in cui si fa una forzatura di questo tipo e che poi magari funziona (entro certi limiti). Nella maggior parte dei casi, quando trattiamo il moto delle particelle cariche usiamo insieme la meccanica newtoniana e l'espressione della forza di Lorentz: quest'ultima, però, non è Galileo-invariante e non può quindi far parte della meccanica newtoniana. Per fortuna, però, questo modo di procedere può essere dimostrato corretto a partire dalla meccanica relativistica, nel limite di velocità non relativistiche. Probabilmente capita la stessa cosa nel caso da te proposto.

Re: F = dp/dt?

MessaggioInviato: 1 ott 2013, 16:57
da belva87
DirtyDeeds ha scritto:L'autore (io, insomma) si è divertito a scriverlo e spera che qualcuno si sia divertito (o si divertirà) a leggerlo, tanto basta. Come tutto ciò che viene scritto da tutti su Electroyou, d'altronde.

Alla stragrande!! :mrgreen:
Mi sono davvero scompisciato dalle risate, sopratutto quando dici di fare l'esperimento con la vasca da bagno :mrgreen:
Ho cercato anche di capire quello che hai scritto, ma sono onesto, non ci ho capito granchè :roll:
Mi viene anche da dire, quante storie per un buco sul pianale di un carretto.. :mrgreen:
Però mi hai fatto tornare la voglia di continuare a studiare Analisi 3 perciò ti ringrazio anche di questo, oltre ad avermi fatto divertire insieme anche agli altri interventi di compagni di forum :mrgreen:
O_/

Re: F = dp/dt?

MessaggioInviato: 1 ott 2013, 20:45
da DirtyDeeds
belva87 ha scritto:Mi sono davvero scompisciato dalle risate, sopratutto quando dici di fare l'esperimento con la vasca da bagno


Bene :D

belva87 ha scritto:Ho cercato anche di capire quello che hai scritto, ma sono onesto, non ci ho capito granchè


Vedila in questo modo: la fisica modella il mondo che ci circonda attraverso delle equazioni; alla base della fisica ci sono dei principi, a volte un po' sottili, che pongono dei vincoli molto forti alle equazioni che si possono scrivere per modellare il mondo: il principio di relatività è uno di questi. In parole povere, questo principio dice che osservatori in moto uniforme l'uno rispetto all'altro vedono gli stessi fenomeni. Allora, ciò che ho voluto dire con questa lunga discussione è che l'equazione F = dp/dt applicata ai sistemi a massa variabile non rispetta i vincoli imposti dal principio di relatività; la seconda legge di Newton, insomma, va usata correttamente.

belva87 ha scritto:Però mi hai fatto tornare la voglia di continuare a studiare Analisi 3 perciò ti ringrazio anche di questo


Allora ho sbagliato qualcosa, avrei dovuto farti tornare la voglia di continuare a studiare Fisica I :mrgreen: