Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

IV Declinazione latina - Spunto

Impariamo insieme l'inglese, ... ma anche l'italiano, il francese, lo spagnolo, il tedesco, ... lo swahili!

Moderatori: Foto UtenteIsidoroKZ, Foto UtenteDirtyDeeds

2
voti

[1] IV Declinazione latina - Spunto

Messaggioda Foto Utentemaxiteris » 6 nov 2018, 11:37

Ciao ragazzi,
a parte il termine usato nel titolo "spunto" che non mi entusiasma ma non riesco a trovare un sinonimo efficacce forse "Ispirazione" o "Idea" io conierei "proto-idea" ma non è efficace, ovviamente tale problema si ritrova in inglese ... possibili termini: "Cue", "Idea"..

Veniamo però alla questiona principale: sono sempre rimasto affascinato dalle origine delle delcinazioni in particolare latine che sono le uniche che ho studiato con quesiti come:
    Perche in numero di 5?
    Come sono stati raggrupati i termini per declinazione?
    Origine fonetica di ogni declinazione?

Poi in particolare mi ha sempre incuriosito la IV che ha come vocale principale la "u" che è una vocale comune a molti dialetti dell'italia centrale ...

Infine sapete dove posso documentarmi in merito?

Grazie

PS. Tranqui poi ritorno ai miei soliti post di elettronica :D
Avatar utente
Foto Utentemaxiteris
226 3 7
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 371
Iscritto il: 11 apr 2012, 9:32

4
voti

[2] Re: IV Declinazione latina - Spunto

Messaggioda Foto Utentearkeo2001 » 6 nov 2018, 12:27

Per il termine che cerchi non mi viene in mente niente di meglio che "intuizione", ho dato un'occhiata al dizionario sinonimi e contrari ma non ho trovato nessuna ispirazione :D

Detto questo, nell'800 i filologi europei "scoprirono" il sanscrito e immediatamente notarono parentele strettissime con greco, latino e buona parte delle lingue appunto dette indoeuropee. Si è potuto capire ben presto che l'andamento temporale è caratterizzato da una sistematica semplificazione. Il sanscrito ha otto casi, e dieci "coniugazioni" (in realtà sono classi di verbi), il duale e praticamente tutte le complicazioni che si ritrovano però parzialmente nelle varie lingue indoeuropee; per esempio il greco ha tre declinazioni ma ha il duale mentre il latino non ha il duale ma più declinazioni, cinque contro tre, il latino ha perso la forma media mentre il greco ce l'ha. In ogni caso già lingue antiche come greco e latino hanno accorpato casi, ridotto le coniugazioni e semplificato la grammatica. La sottigliezza della flessione sanscrita, in latino si ottiene con preposizioni diverse per lo stesso caso, per esempio strumentale e ablativo sanscriti sono accorpati nell'ablativo latino. Le lingue del ramo hanno avuto evoluzioni molto diverse. Alcuni termini si sono sorprendentemente poco mutati, basta pensare al sanscrito "gam" e all'inglese "to go" mentre in italiano "andare" è proprio un'altra parola. In altri casi è andata diversamente, per esempio Skr. "raja"=> Lat. "rex"=> It. "re", mentre "king" non gli somiglia granché. In italiano le declinazioni sono praticamente scomparse mentre per esempio il romeno ha conservato delle forme ancora riconoscibili. Se ricordo bene l'articolo si pospone ed è la contrazione dei pronomi dimostrativi ("servitor illud" = >"servitor-ul"). Invece l'inglese ha preso una direzione opposta. E' ancora una lingua indoeuropea ma ha caratteri molto forti delle lingue isolanti come il cinese. E così via....

Con un panorama tanto complicato non dovrebbe essere difficile accettare l'idea che non ci sono motivi del perché declinazioni e casi sono quelli che sono; il filologo vede che certi schemi sono ricorrenti e fa gli specchietti, che poi entrano nell'uso. Anche oggi vediamo il processo all'opera, il congiuntivo sta cadendo in disuso quindi il filologo di domani potrà solo prendere atto che la lingua si è evoluta così e ci sarà un modo di meno nell'elenco. Se ti interessa l'argomento nulla di meglio che cercare "filologia indoeuropea" con gluglu ed esce di tutto. Quella disciplina è davvero l'entry point ideale.

Questo per quanto ricordo. Sul destino della IV declinazione non ricordo abbastanza e non ho a portata di mano i libri su cui lessi qualcosa, quindi evito di dire (altre) sciocchezze :D
--
Avatar utente
Foto Utentearkeo2001
445 3 7
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 309
Iscritto il: 1 ago 2012, 9:12

1
voti

[3] Re: IV Declinazione latina - Spunto

Messaggioda Foto Utenteabusivo » 6 nov 2018, 12:35

maxiteris ha scritto:... Tranqui poi ritorno ai miei soliti post di elettronica :D

Meno male!
Per un attimo ho creduto che la tua barriera a IR avesse cominciato a darti alla testa.
Avatar utente
Foto Utenteabusivo
8.360 3 4 7
Master
Master
 
Messaggi: 4716
Iscritto il: 16 ott 2012, 18:43
Località: L'Aquila

1
voti

[4] Re: IV Declinazione latina - Spunto

Messaggioda Foto UtenteEcoTan » 6 nov 2018, 12:36

arkeo2001 ha scritto:ricordo

Mi viene in mente anus che significa anello in terza declinazione, e significa vecchia in quarta.
Avatar utente
Foto UtenteEcoTan
5.262 4 10 13
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 3074
Iscritto il: 29 gen 2014, 8:54

2
voti

[5] Re: IV Declinazione latina - Spunto

Messaggioda Foto Utentemaxiteris » 6 nov 2018, 13:14

arkeo2001 ha scritto:Con un panorama tanto complicato non dovrebbe essere difficile accettare l'idea che non ci sono motivi del perché declinazioni e casi sono quelli che sono


Buona riposta Foto Utentearkeo2001, grazie.
Occorrebbe quindi ampliare l'ambito facendo degli studi di
"filologia indoeuropea"
...
Il tempo però è tiranno... magari piu in là... :-)
comunque una base di linguistica è molto importante nello studio delle lingue, sia sulla grammatica ma anche nel lessico anche perche a mio avviso nell'apprendimento delle lingua vista la fonologia, e la grammatica il grosso poi è il volume lessicale da memorizzare.
Mi sembra che il lessico fondamentale si aggiri sui 2000 vocabili (poi dipende dalla lingua ect per esempio per lo spagnolo con 4000 vocabili ho raggiunto una buona autonomia sia nella espressione che nella comprensione (scritta ed orale), con l'inglese ho dovuto portare la soglia a 8000 vocabili soprattutto per la comprensione...) ed avere un modo di diciamo "normalizzare" i vocabili aiuta...
Avatar utente
Foto Utentemaxiteris
226 3 7
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 371
Iscritto il: 11 apr 2012, 9:32

1
voti

[6] Re: IV Declinazione latina - Spunto

Messaggioda Foto Utentemaxiteris » 6 nov 2018, 13:16

abusivo ha scritto:Per un attimo ho creduto che la tua barriera a IR avesse cominciato a darti alla testa.


TI confermo che mi sta dando alla testa... ma ci drovremmo essere.. almeno nella strada da seguire per completare il progetto...
Avatar utente
Foto Utentemaxiteris
226 3 7
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 371
Iscritto il: 11 apr 2012, 9:32

4
voti

[7] Re: IV Declinazione latina - Spunto

Messaggioda Foto UtenteIsidoroKZ » 7 nov 2018, 2:12

maxiteris ha scritto:Perche in numero di 5?


Diciamo anche quattro e mezzo, la quinta non ce l'ha fatta a svilupparsi. Ci sono solo due parole attestate in tutti i casi al singolare e al plurale, molte sono solo al singolare, neanche tutti i casi, e talvolta in comune con la prima declinazione.

Non mi vengono in mente al momento dei testi di storia della lingua latina, ma da qualche parte dovrei avere qualcosa.
Per usare proficuamente un simulatore, bisogna sapere molta più elettronica di lui
Plug it in - it works better!
Il 555 sta all'elettronica come Arduino all'informatica! (entrambi loro malgrado)
Se volete risposte rispondete a tutte le mie domande
Avatar utente
Foto UtenteIsidoroKZ
102,7k 1 3 8
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 18286
Iscritto il: 17 ott 2009, 0:00

1
voti

[8] Re: IV Declinazione latina - Spunto

Messaggioda Foto Utentemaxiteris » 7 nov 2018, 10:08

IsidoroKZ ha scritto:Diciamo anche quattro e mezzo, la quinta non ce l'ha fatta a svilupparsi.

In effetti dal Liceo ho ricordi offuscati della quinta mi pare si faceva poco e fosse molto vicina alla prima o terza....
[/quote]



IsidoroKZ ha scritto:Non mi vengono in mente al momento dei testi di storia della lingua latina, ma da qualche parte dovrei avere qualcosa.


Sarebbe molto gradito ... :-)

comunque la filologia e lingiustica comparativa è molto affascinante... su questo poi mi pare che noi italiani abbiamo dato un grande contributo..
Avatar utente
Foto Utentemaxiteris
226 3 7
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 371
Iscritto il: 11 apr 2012, 9:32

1
voti

[9] Re: IV Declinazione latina - Spunto

Messaggioda Foto UtenteIsidoroKZ » 7 nov 2018, 15:06

Il primo libro di cui mi sono ricordato e` Palmer, La lingua latina, Einaudi. Letto e in parte studiato tanti anni fa, non ho un ricordo chiaro, e adesso e` chissa` dove sotto una copertura, visto che stanno lavorando nella vecchia casa. Aveva una lunga parte introduttiva a partire dal proto'latino fino a quello volgare ed ecclesiastico. Poi c'e` la parte di grammatica comparatica e storica, fonetica, morfologia e sintassi.

Se sei interessato al legame fra le u dei dialetti centrlai e la quarta declinazione, forse potresti anche guardare Rohlfs, Grammatica storica della lingua italiana e dei suoi dialetti. Di latino ricordo anche un libro di Vineis, ma il resto dei neuroni li` attorno non rispondono :(. Guardo se ce l'avessi in casa.
Per usare proficuamente un simulatore, bisogna sapere molta più elettronica di lui
Plug it in - it works better!
Il 555 sta all'elettronica come Arduino all'informatica! (entrambi loro malgrado)
Se volete risposte rispondete a tutte le mie domande
Avatar utente
Foto UtenteIsidoroKZ
102,7k 1 3 8
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 18286
Iscritto il: 17 ott 2009, 0:00


Torna a English corner, (ma anche italiano)

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite