Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Alimentatore da banco, di base

Apparecchi di misura: oscilloscopi, multimetri, analizzatori di rete ecc
0
voti

[161] Re: Alimentatore da banco, di base

Messaggioda Foto UtenteFabiano71 » 2 apr 2020, 23:50

Purtroppo non mi è stato possibile arrivare ad una taratura accettabile con il trimmer. Ho provato con e senza resistenza in parallelo, collegando il pin dx e poi il pin sx... ma se metto un punto a 0, qualunque esso sia, la progressione letta dallo strumento è completamente sballata rispetto a quello letto dal multimetro collegato al carico. Le prove sono state tante, tutte fallite. L’unica che mi manca è quella di modificare solo un ramo del trimmer, collegando cioè la resistenza in parallelo tra un pin ed il cursore e usare questo valore variabile per tarare lo zero. Ma non l’ho fatto senza sentire il vostro parere.
Aspetto lumi sull’interposizione dello strumento tra cavo e boccola di uscita (soluzione B quindi), e se cioè tutti e tre i cavi che arrivano alla boccola vanno scollegati e connessi allo strumento e se no, quali.
Attendo anche suggerimenti sulla soluzione trimmer, come valori diversi da provare e/o collegamenti diversi. A domani, notte
Avatar utente
Foto UtenteFabiano71
40 1 4
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 156
Iscritto il: 3 lug 2018, 15:04

0
voti

[162] Re: Alimentatore da banco, di base

Messaggioda Foto Utentesetteali » 3 apr 2020, 9:01

Fabiano71 ha scritto:..........
Aspetto lumi sull’interposizione dello strumento tra cavo e boccola di uscita (soluzione B quindi), e se cioè tutti e tre i cavi che arrivano alla boccola vanno scollegati e connessi allo strumento e se no, quali.
Attendo anche suggerimenti sulla soluzione trimmer, come valori diversi da provare e/o collegamenti diversi. A domani, notte


La boccola di massa, quella centrale, non ha niente a che fare con lo strumento, lasciala stare collegata allo chassis.
L'amperometro va collegato in serie alla tensione d'uscita, prima della boccola positiva.

Comunque aspetta Foto Utenteedgar che ha in mente più di me la modifica da fare e come proportela.
Alex
https://www.facebook.com/Elettronicaeelettrotecnica
Il Mercatino di EY
<< vedi di pigliare arditamente in mano, il dizionario che ti suona in bocca,
se non altro è schietto e paesano.
(Giuseppe Giusti) <<
Avatar utente
Foto Utentesetteali
7.625 5 5 8
Master
Master
 
Messaggi: 3974
Iscritto il: 15 dic 2013, 21:09

0
voti

[163] Re: Alimentatore da banco, di base

Messaggioda Foto Utenteedgar » 3 apr 2020, 9:35

Va collegato così:
Elind_amp.jpg
Avatar utente
Foto Utenteedgar
7.062 3 5 8
Master
Master
 
Messaggi: 3597
Iscritto il: 15 set 2012, 22:59

0
voti

[164] Re: Alimentatore da banco, di base

Messaggioda Foto UtenteFabiano71 » 3 apr 2020, 19:40

edgar ha scritto:Va collegato così:
Elind_amp.jpg

Ok, ho deciso di operare così: per evitare di tagliare cavi ho dissaldato direttamente il terminale di R109, (ci sono altri due altri cavi di minor sezione che risalderò direttamente al resistore) per poi con uno spezzone raggiungere lo strumento. Il mio dubbio ora è relativo alla sezione del cavo: quello dell’alimentatore sarà circa 8/10 awg, e io ne ho uno in silicone ma solo 14awg. Considerando che con la modifica si allunga di un bel po’ la lunghezza totale non vorrei che ci fossero delle cadute di tensione o problemi di surriscaldamento. Inoltre lo strumento usa dei cavi 18 awg che per quanto possa accorciare potrebbero essere un altro punto debole del sistema. Volendo ho anche del cavo per impiantistica civile anche da 6mm2 ma è tutt’altro che flessibile e sarebbe un bel problema ammaestrarlo all’interno dello chassis.
Posto le foto e attendo vostre info per la realizzazione definitiva, mentre continuo con quello che ora ho a disposizione per fare le prove.
Nelle foto da sx verso dx cavo dell’ali, cavo che ho in silicone, cavo dello strumento
Immagine Immagine
Avatar utente
Foto UtenteFabiano71
40 1 4
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 156
Iscritto il: 3 lug 2018, 15:04

0
voti

[165] Re: Alimentatore da banco, di base

Messaggioda Foto Utenteedgar » 3 apr 2020, 20:17

Puoi usarne due in parallelo
Avatar utente
Foto Utenteedgar
7.062 3 5 8
Master
Master
 
Messaggi: 3597
Iscritto il: 15 set 2012, 22:59

0
voti

[166] Re: Alimentatore da banco, di base

Messaggioda Foto UtenteFabiano71 » 3 apr 2020, 20:20

edgar ha scritto:Puoi usarne due in parallelo

Non ci avevo pensato...grazie :ok:
Ho sostituito i cavetti originali dello strumento un po' troppo sottili ed ora sono almeno decenti. Ora faccio le prove e posto un video
Avatar utente
Foto UtenteFabiano71
40 1 4
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 156
Iscritto il: 3 lug 2018, 15:04

0
voti

[167] Re: Alimentatore da banco, di base

Messaggioda Foto UtenteFabiano71 » 3 apr 2020, 20:54

Allora, finalmente una lettura stabile da parte dell'amperometro, forse anche di più del mio multimetro (probabilmente perché è collegato direttamente sul cablaggio interno, chissà).
Questa volta fare un azzeramento dello strumento è stato semplice, e il discostamento tra le due letture era irrilevante fino al primo ampere o addirittura perfettamente sovrapponibile, poi intorno ai 2A la differenza è salita a circa 10 mA, che tutto sommato, con tutto il macello che ci ha fatto fare in questi ultimi giorni lo ritengo un ottimo risultato. Chiaramente farò prove più accurate in seguito, aumenterò la sezione dei cavi e li accorcerò, ma sono tutte rifiniture. C'è comunque un microscopico trimmer sull'amperometro che dovrebbe servire a fare una taratura, ma ho seri dubbi che sia il caso di andarlo a toccare. Aspetto comunque vostri suggerimenti.
https://youtu.be/pChA5jGPs7U
Avatar utente
Foto UtenteFabiano71
40 1 4
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 156
Iscritto il: 3 lug 2018, 15:04

0
voti

[168] Re: Alimentatore da banco, di base

Messaggioda Foto Utenteedgar » 3 apr 2020, 21:12

Fabiano71 ha scritto:intorno ai 2A la differenza è salita a circa 10 mA

10 mA su 2 A sono lo 0,5% di errore. Se non hai un amperometro di alta precisione potrebbe benissimo essere che l'errore (0.5% ricordiamolo) sia del multimetro anzichè dell'amperometro, così come potrebbe essere che uno dei due magari fa -0,3% e l'altro + 0,2%.
Se ben ricordo hai un paio di amperometri da pannello, se l'altro non è mai stato usato prova anche quello.
Avatar utente
Foto Utenteedgar
7.062 3 5 8
Master
Master
 
Messaggi: 3597
Iscritto il: 15 set 2012, 22:59

0
voti

[169] Re: Alimentatore da banco, di base

Messaggioda Foto UtenteFabiano71 » 3 apr 2020, 21:22

edgar ha scritto:
Fabiano71 ha scritto:intorno ai 2A la differenza è salita a circa 10 mA

10 mA su 2 A sono lo 0,5% di errore. Se non hai un amperometro di alta precisione potrebbe benissimo essere che l'errore (0.5% ricordiamolo) sia del multimetro anzichè dell'amperometro, così come potrebbe essere che uno dei due magari fa -0,3% e l'altro + 0,2%.

Ho fatto la stessa identica considerazione
Se ben ricordo hai un paio di amperometri da pannello, se l'altro non è mai stato usato prova anche quello.

Purtroppo levare lo shunt, dissaldandolo con l’attrezzatura che ho io, avrebbe significato correre il rischio di far danni allo stampato. Quindi ho preferito sacrificarlo e troncare lo shunt con il tronchese...quando l’ho fatto la soluzione A nella mia testa era prontamente a portata di mano, e invece...
Avatar utente
Foto UtenteFabiano71
40 1 4
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 156
Iscritto il: 3 lug 2018, 15:04

0
voti

[170] Re: Alimentatore da banco, di base

Messaggioda Foto UtenteFabiano71 » 3 apr 2020, 21:24

Ora devo fare una prova a fondo scala, cioè 6A. Posso usare la lampada alogena da 55w che stavo usando prima e se si devo usare precauzioni?
Avatar utente
Foto UtenteFabiano71
40 1 4
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 156
Iscritto il: 3 lug 2018, 15:04

PrecedenteProssimo

Torna a Strumentazione

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti