Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Flussante in casa consigli

Tecniche per la costruzione e la riparazione di apparecchiature elettriche e non. Ricerca guasti. Adattamenti e riutilizzazioni

Moderatore: Foto Utentestefanob70

1
voti

[11] Re: Flussante in casa consigli

Messaggioda Foto UtentePietroBaima » 15 mag 2014, 12:00

DirtyDeeds ha scritto:Ma poi, perché questa mania di voler trovare dei surrogati? ||O

Ma sì!
L'ho visto fare molte volte, quando una piccola boccetta di flussante costa pochi euro.
La qualità sarà dozzinale, ma pur sempre superiore a quella delle brode homemade.
Non ho mai capito l'utilità di farsi in casa un qualcosa che si trova in commercio così facilmente.
Se poi l'uso diventa professionale e servono dei flussanti costosi di qualità, a maggior ragione
serve un prodotto commerciale ben testato.
Boh.

gammaci ha scritto: l'anima dello stagno da saldatura è fatta di colofonia e cloruro di zinco che all'atto della fusione sgrassano e proteggono dall'ossigeno atmosferico consentendo una adesione ottimale della lega al rame.

Più o meno.
La colofonia si usa ancora, ma l'ossido di zinco corrode ed è un discreto conduttore, che lascia dei residui conduttivo/corrosivi sulla scheda. Non si usa più come disossidante se non per usi non elettronici (per esempio la brasatura dei tubi di rame e simili). Che io sappia oggi si usano delle soluzioni di sali organici che hanno un pH non così basso e che si attivano per effetto della temperatura.
Molte aziende hanno dei brevetti sulle miscele che producono, specialmente in campo professionale.
Dopo la saldatura le schede vengono lavate con sgrassatori, solventi organici ed inorganici ed alcoli, per immersione in vasche dove i liquidi vengono movimentati per evitare il deposito delle emulsioni di colofonia e altre sostanze più difficilmente solubili.Le composizioni chimiche dei lavaggi cambiano anche in funzione di cosa è stato montato sulla scheda, per esempio so che viene utilizzata anche la separazione per flottazione, ma, se ricordo bene, non si può utilizzare sulle schede che hanno connettori in ABS (ma non ricordo perché, forse per il solvente utilizzato :oops: )
Anyway, le lozioni fai-da-te, fatte in casa, sono solo degli inguacchi che servono per sporcare le schede, corroderle e fare delle saldature pessime, perché non hanno la composizione e la quantità giusta dei vari componenti chimici utilizzati.
Se poi serve proteggerle dall'ossidazione perché, per esempio, devono funzionare in ambienti umidi o con condensa, ci sono degli incapsulanti siliconici o resinofenolici, da colare dentro il contenitore che ospita la scheda. Per protezioni "light" esistono delle lacche spray.
Ma io non le userei se non dovessi per forza farlo.
Basta pensare al momento in cui, hobbisticamente, mi troverò a dover riparare la scheda :D

gammaci ha scritto:La vernice isolante a base di colofonia è invece fatta con una miscela di colofonia e cera d'api, non l'ho mai provata non tolto che prediligo gli esperimenti da piccolo chimico preferisco dei prodotti sicuri e commerciali

Concordo!
A quanto vedo, ti piace molto anche la chimica.

Ciao,
Pietro.
Generatore codice per articoli:
nomi
emoticon
citazioni
formule latex

Io capisco le cose per come le scrivete. Per esempio: K sono kelvin e non chilo, h.z è la costante di Planck per zepto o per la zeta di Riemann e l'inverso di una frequenza non si misura in siemens.
Avatar utente
Foto UtentePietroBaima
77,0k 6 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 9361
Iscritto il: 12 ago 2012, 1:20
Località: Londra

1
voti

[12] Re: Flussante in casa consigli

Messaggioda Foto Utentegammaci » 15 mag 2014, 12:39

Pietro ti quoto in toto, i tempi cambiano e non si può non condividere quanto detto da Foto UtenteDirtyDeeds
E vero che una volta (circa anni 60 ma 70 anche) non era cosi facile acquistare del flussante, l'unica occasione era la fiera del radioamatore grrrrrr cioé una volta l'anno ;-)

Comunque si lo ammetto la chimica mi piace essendo figlio d'arte è un modo per ricordare mio padre.
Ultimamente sono riuscito a sintetizzare i ferrofluidi in casa, veri ferrofluidi con l'acido oleico da olio di oliva.
Al tremillesimo tentativo finalmente qualcosa è uscito, comperarli spendevo 10 ma forse 100 volte meno :cry:
Avatar utente
Foto Utentegammaci
3.768 2 4 7
Master
Master
 
Messaggi: 1046
Iscritto il: 27 feb 2014, 12:20

0
voti

[13] Re: Flussante in casa consigli

Messaggioda Foto UtentePietroBaima » 15 mag 2014, 16:25

gammaci ha scritto:Ultimamente sono riuscito a sintetizzare i ferrofluidi in casa, veri ferrofluidi con l'acido oleico da olio di oliva.

Complimenti. E' un impresa davvero difficile.
Davvero bravo. :ok:

gammaci ha scritto:Al tremillesimo tentativo finalmente qualcosa è uscito, comperarli spendevo 10 ma forse 100 volte meno :cry:

La soddisfazione non ha prezzo!!!
Come dice l'amico Foto UtenteTardoFreak, si fa per soddisfazione, non per risparmio!

Ciao,
Pietro.
Generatore codice per articoli:
nomi
emoticon
citazioni
formule latex

Io capisco le cose per come le scrivete. Per esempio: K sono kelvin e non chilo, h.z è la costante di Planck per zepto o per la zeta di Riemann e l'inverso di una frequenza non si misura in siemens.
Avatar utente
Foto UtentePietroBaima
77,0k 6 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 9361
Iscritto il: 12 ago 2012, 1:20
Località: Londra

0
voti

[14] Re: Flussante in casa consigli

Messaggioda Foto Utentegammaci » 15 mag 2014, 18:29

Come dice l'amico TardoFreak, si fa per soddisfazione, non per risparmio!

Ehhh vero :ok:
La soddisfazione è stata grande visti i fallimenti che l'hanno preceduta. Per inciso l'acido oleico non era vero e proprio acido oleico ma piuttosto "Verde di Lorenzo" non so se ne hai mai sentito parlare. Per il vero acido oleico servirebbe una colonna di frazionamento e non mi sembrava il caso.
E ad esser sincero all'inizio non avevo intenzioni nobili, mi muoveva il vil denaro. Lo scopo era realizzare uno Stirling senza parti mobili in cui il fluido lavorante fosse proprio il ferrofluido. Poi cambiai idea per un doppio circuito "idraulico" con polietilenglicole come lavoro e ferrofluido come generatore.
Visti i problemi ho poi accantonato l'idea per altre sperimentazioni chimichenergelettriche
Forse un giorno lo ripiglio mah? ogni tanto li faccio spikare e mi diverte #-o va beh...
Ciao
Gabriele
Avatar utente
Foto Utentegammaci
3.768 2 4 7
Master
Master
 
Messaggi: 1046
Iscritto il: 27 feb 2014, 12:20

0
voti

[15] Re: Flussante in casa consigli

Messaggioda Foto Utentedean95 » 17 mag 2014, 14:21

a mio avviso,una siringa o una boccettina di flussante piccola che costa una decina di euro,non si può vedere :D

già dopo la saldatura i residui si notano e rovinano la scheda ( pallini gialli minuscoli),figurarsi allora questi metodi..!
Avatar utente
Foto Utentedean95
262 1 5 8
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 950
Iscritto il: 20 ago 2010, 17:21

0
voti

[16] Re: Flussante in casa consigli

Messaggioda Foto UtenteMavKtr » 17 mag 2014, 14:39

Per i residui, dipende dal tipo di flussante... se è presente la colofonia e quasi sicuro che resteranno dei residui, ma ci sono altri tipi molto più "puliti". Ovviamente dipende anche da cosa devi saldare, ma la colofonia da una certa garanzia anche con i materiali più ostici all'adesione dello stagno. In ogni caso, se si parla di PCB, conclusa la fase di saldatura, la scheda deve essere sempre ripulita.

Per il prezzo, pazienza la siringa, ma se cerchi bene ne trovi anche da circa 100 ml intorno ai 10 euro.
Avatar utente
Foto UtenteMavKtr
855 1 4 6
Expert
Expert
 
Messaggi: 734
Iscritto il: 3 mar 2012, 7:23

Precedente

Torna a Costruzione, riparazione, riutilizzo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti