Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

cromare stampa 3d

Tecniche per la costruzione e la riparazione di apparecchiature elettriche e non. Ricerca guasti. Adattamenti e riutilizzazioni

Moderatore: Foto Utentestefanob70

0
voti

[31] Re: cromare stampa 3d

Messaggioda Foto Utentelodovico » 4 ott 2018, 13:09

grazie Foto Utenteboiler,
credo che nell week end nessuno potra impedirmi di fare l'esperimento che mi hai indicato :-)
Continuando a cercare nei forum astrofili informazioni relative alla alluminatura fai da te degli specchi per telescopi ho trovato che abbastanza recentemente e' stato individuato un metodo che a quanto pare, da' ottimi risultati, confrontabili con quelli di un'alluminatura in campana di vetro con sublimazione.
Il metodo fa uso del nitrato d'argento e mi pare una variante o un perfezionamento del metodo 'chimico' indicato nei miei precedenti post per l'argentatura di un comune specchio.
Pare che in questa variante, il limite da te indicato sulla riflettenza solo dal lato vetro, non c'e' piu, dunque lo specchio risulta riflettente anche dallo strato esposto opposto, e con riflettivita' molto buona.
Questo a quanto pare ha aperto agli astrofili la possibilita di produrre da se lo specchio per il loro telescopio, includendo la fase finale di alluminatura/argentatura che prima era quasi impossibile ( tranne in casi limitati di 'fai da te avanzato' di cui sopra) da realizzare 'in casa', e che pertanto richiedeva l'invio a ditte specializzate, con notevole perdita di tempo ed esborso di denaro.
Inoltre consente di 'rinfrescare' l'argentatura frequentemente con costi molto limitati.
Il metodo si chiama 'Martin process' , riporto qui il link
http://lcao.co.za/index.php/MirrorSilvering
dove viene descritto ampiamente, e con le dovute avvertenze sulla pericolosita' legata al tipo e modo d'uso delle sostanze chimiche coinvolte, che sono queste:

IMG_20181004_125819.png


Ho letto attentamente il procedimento, e ho notato due cose:
1)viene data una grande importanza al processo di pulizia del vetro
2)il vetro viene posto con la parte che diventera' riflettente rivolta verso il basso

Ora, non ho capito se sono questi due accorgimenti quelli che permettono di superare il limite che abbiamo detto (della riflettenza solo attraverso il vetro'), o da cos'altro dipende.
Tu cosa ne pensi?
Qual'e' ' il trucco '?

Grazie ancora!
O_/
Avatar utente
Foto Utentelodovico
1.945 3 4 6
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2129
Iscritto il: 24 feb 2014, 12:54

2
voti

[32] Re: cromare stampa 3d

Messaggioda Foto Utenteboiler » 4 ott 2018, 16:07

A me sembra una variante del processo di Tollens. Forse cambiano un po' le concentrazioni e l'agente riducente, ma il principio è lo stesso. Non so, prova e facci sapere.

Per quel che riguarda la posizione della superficie da argentare: sì, tenerla in giú aiuta ad evitare che si formino "grumi" sulla superficie.

E la pulizia mi sembrava evidente che fosse importantissima.
Non so cosa usi come substrato, ma per i materiali vetrosi il processo preparatorio è il seguente:
- pulizia grossolana: soluzione alcalina, se necessario calda e con bagno ad ultrasuoni
- pulizia fine: in bagno di vapore di solvente. Si prende un contenitore alto e stretto, ci si mettono un paio di centrimetri di solvente adatto sul fondo (isopropanolo, acetone,... dipende da cosa si vuole pulire) e si copre il contenitore con il substrato, la faccia da pulire in basso. Poi si scalda delicatamente (!!!) fino a far bollire il solvente. In questo modo i vapori di solvente (quindi solvente distillato) si condensano sulla faccia da pulire, sciolgono le impurità e ricadono nel contenitore, dove vengono ri-distillate... eccetera. L'avvertenza ovvia è che visto che il tutto non può essere ermetico avrai vapori estremamente infiammabili in vicinanza della tua sorgente di calore
- opzionale (e estremamente pericoloso): pulizia finale ed idrofilizzazione del vetro. Se il vetro è idrofilo si ottengono depositi molto migliori e piú aderenti. Per renderlo idrofilo si può usare del plasma d'ossigeno (non proprio alla portata di tutti) oppure della soluzione piranha (3 parti di acido solforico concentrato e una parte di acqua ossigenata al 30%). È importante versare l'acqua ossigenata nell'acido e non viceversa! La soluzione va usata a caldo. Il substrato deve essere completamente asciutto. Eventuali residui di solvente dal passaggio precedente portano ad esplosioni della miscela. Il vetro va lasciato in "infusione" mezz'ora (o piú), dopodiché va risciaquato con acqua distillata e poi immediatamente immerso nella soluzione d'argentatura.
Sottolineo la pericolosità di questa soluzione: ognuno fa quello che crede di poter fare in base alle proprie abilità e esperienze. La soluzione attacca violentemente tutto quello che è organico.

Boiler
Avatar utente
Foto Utenteboiler
16,4k 5 7 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2899
Iscritto il: 9 nov 2011, 12:27

2
voti

[33] Re: cromare stampa 3d

Messaggioda Foto UtentePietroBaima » 4 ott 2018, 17:02

La soluzione piranha è troppo aggressiva per essere usata a casa, a meno che uno non sia incredibilmente esperto e ne conosca il comportamento nel dettaglio.
Anche i chimici esperti la trattano con grande cautela.

Quindi sottolineo le avvertenze di Foto Utenteboiler.

PS: i guanti sono inutili, non proteggono dalla piranha.
Generatore codice per articoli:
nomi
emoticon
citazioni
formule latex

Io capisco le cose per come le scrivete. Per esempio: K sono kelvin e non chilo, h.z è la costante di Planck per zepto o per la zeta di Riemann e l'inverso di una frequenza non si misura in siemens.
Avatar utente
Foto UtentePietroBaima
79,8k 6 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 10006
Iscritto il: 12 ago 2012, 1:20
Località: Londra

1
voti

[34] Re: cromare stampa 3d

Messaggioda Foto Utenteboiler » 4 ott 2018, 17:23

PietroBaima ha scritto:La soluzione piranha è troppo aggressiva per essere usata a casa


Forse hai ragione. Allora andiamo con il plasma. Tanto... se già prendevamo in considerazione di farci lo sputtering in casa... il passo è breve :mrgreen:

Foto Utentelodovico, qui si scherza, ma Foto UtentePietroBaima ha ragione. È un reagente veramente aggressivo!

Boiler
Avatar utente
Foto Utenteboiler
16,4k 5 7 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2899
Iscritto il: 9 nov 2011, 12:27

1
voti

[35] Re: cromare stampa 3d

Messaggioda Foto UtentePietroBaima » 4 ott 2018, 17:29

:D
Generatore codice per articoli:
nomi
emoticon
citazioni
formule latex

Io capisco le cose per come le scrivete. Per esempio: K sono kelvin e non chilo, h.z è la costante di Planck per zepto o per la zeta di Riemann e l'inverso di una frequenza non si misura in siemens.
Avatar utente
Foto UtentePietroBaima
79,8k 6 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 10006
Iscritto il: 12 ago 2012, 1:20
Località: Londra

0
voti

[36] Re: cromare stampa 3d

Messaggioda Foto Utenteboiler » 4 ott 2018, 17:34

Pensandoci bene, si potrebbe anche silanizzare il vetro... ah, aspetta... i silani... molto facili da gestire anche quelli :mrgreen:
Avatar utente
Foto Utenteboiler
16,4k 5 7 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2899
Iscritto il: 9 nov 2011, 12:27

0
voti

[37] Re: cromare stampa 3d

Messaggioda Foto Utentelodovico » 4 ott 2018, 19:21

Grazie ad entrambe per gli avvertimenti :-) ,
beh devo dire che la soluzione Piranha l'avevo gia esclusa a priori dal nome :mrgreen:
...si effettivamente sul web si trova di tutto e di piu, il problema è che io metto tutto sullo stesso piano e per questo scrivo in questo forum frequentato da alcune persone esperte (spero) come Foto Utenteboiler: dalle risposte cerco di capire cosa vorrebbe dire cimentarsi in questo o quel progetto, e se è alla mia portata o meno;
per fare un esempio, sul web ho trovato un piccolo gruppo che si occupa di fusione nucleare fai da te,
https://it.emcelettronica.com/fusione-nucleare-fatta-casa-fai-da-te
ma per ora il metodo non l'ho preso in considerazione perché ad occhio mi sembra troppo impegnativo per un eventuale cromatura delle mie stampe 3d, eventualmente ve lo sottoporrò piu avanti, e potete stare tranquilli che in ogni caso vi avviserò prima di iniziare con gli esperimenti... :mrgreen:

Probabilmente chi ha letto questo thread si è un po perso nel cercare di capire quali sono i miei reali obiettivi, e non posso dargli torto xche anche io a questo punto non so piu bene quali sono :D

L'idea di partenza (da cui il titolo del thread) era di trovare un modo per rendere lucenti e specchianti le mie stampe, ma casualmente la ricerca mi ha portato a rispolverare un argomento di mio interesse che riguarda l'alluminatura 'fai da te' degli specchi dei telescopi, di mio interesse xche qualche tempo fa volevo cimentarmi nel progetto di autocostruzione di un telescopio (come penso quasi tutti gli astrofili) progetto che poi ho abbandonato, anche per i motivi sopra esposti , compreso lo sputtering e i silani- (che dato il contesto immagino non abbiano nulla a che vedere con gli abitanti della Sila :mrgreen: )

Ma tornando all'argomento del thread:
Foto Utenteboiler, visto che mi hai detto che attendi i miei risultati, credo che mi cimenterò nell'impresa.
Visto però che mi hai informato a sufficienza sui possibili esiti catastrofici del mio esperimento, aggiungendo altri metodi potenzialmente ancora piu pericolosi, l'idea è quella di seguire la procedura descritta nell'articolo che ho postato, che forse è piu alla portata dell'astrofilo di media prudenza :D

Ecco, qui in realtà devo dire che navigo un po nell'incertezza, perché a fianco degli avvisi e raccomandazioni, trovo su altre fonti la massaia che prepara lo specchio (probabilmente con le stesse sostanze chimiche fin qui presentate) tranquillamente e con quasi zero precauzioni (tranne i guanti), come se stesse preparando la pasta per le lasagne :D



Notate però che questa massaia è in realtà una tutor della ditta Angel Gilding,
https://angelgilding.com/
master indiscussa in questo tipo di attività (così sembrerebbe leggendo i commenti entusiastici trovati qua e là)

Di chi mi devo fidare?
Forse 'la massaia' usa prodotti già 'quasi resi inerti' e quindi non piu pericolosi?
Ad esempio , per prudenza, per cominciare io metterei anche gli occhiali ed una mascherina (non so bene di che tipo, però...)

Grazie!!
O_/
Avatar utente
Foto Utentelodovico
1.945 3 4 6
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2129
Iscritto il: 24 feb 2014, 12:54

0
voti

[38] Re: cromare stampa 3d

Messaggioda Foto Utentelodovico » 5 ott 2018, 18:42

...spero che non mi abbiate abbandonato dopo l'ultimo mio post , ovviamente mi fido di voi e di nessun altro :^o :D
adesso ho un problema di reperimento delle materie prime:
- nitrato d'argento
- nitrato d'ammonio
- acido nitrico
- acido tartarico
- idrossido di potassio o di sodio (saranno equivalenti?)
dove li posso trovare?
guardando gli store online i materiali si possono trovare, ma a parte agno3, per gli altri il taglio di vendita e' a kg/lt, per fare una prova non mi sembra il caso di acquistarne in quantita'...
io lavoro a torino, abito vicino a vercelli, quindi mi chiedevo se nella zona (da torino a vercelli) c'e' qualche negozio che vende al dettaglio questo tipo di materiali
avete suggerimenti?

grazie!!
O_/
Avatar utente
Foto Utentelodovico
1.945 3 4 6
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2129
Iscritto il: 24 feb 2014, 12:54

1
voti

[39] Re: cromare stampa 3d

Messaggioda Foto Utentevenexian » 5 ott 2018, 18:56

lodovico...

hai la vetreria adatta? le protezioni personali? qualcuno con un minimo di esperienza che ti dia una mano?

Io non voglio passare per Cassandra, ma se vuoi giocare a fare il 'piccolo chimico', devi cominciare proprio con l'acido nitrico? Lo sai vero che uno schizzo in un occhio è irreparabile?

Ci sono tante cose interessanti da fare, ne hai scelta una che non ti darà un risultato appagante al costo di un rischio che non vale proprio la pena.

Pensaci.
Immagine
Avatar utente
Foto Utentevenexian
6.319 3 4 7
Master
Master
 
Messaggi: 2188
Iscritto il: 13 mag 2017, 10:07
Località: Venezia (ma va?)

0
voti

[40] Re: cromare stampa 3d

Messaggioda Foto Utentelodovico » 5 ott 2018, 19:29

grazie Foto Utentevenexian,
l'argentatura dello specchio del mio telescopio e' sempre stato un mio pallino, ti assicuro che prendero' tutte le precauzioni del caso, e anche di piu'.

Per ora sto solo raccogliendo informazioni.

Tra i prodotti che ho elencato il piu aggressivo e pericoloso e' l'acido nitrico? da cio che ho capito serve per pulire il vetro,
posso considerare un alternativa...
ne esiste qualche altra altrettanto efficace e meno rischiosa? (escludendo quella di far bollire il solvente, per il rischio di incendio...)

Grazie ancora.
Ciao!
Avatar utente
Foto Utentelodovico
1.945 3 4 6
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2129
Iscritto il: 24 feb 2014, 12:54

PrecedenteProssimo

Torna a Costruzione, riparazione, riutilizzo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti