Pagina 2 di 2

Re: rilevazione incendi atex

MessaggioInviato: 29 lug 2017, 0:52
da Mike
e7o7 ha scritto:in questo caso il sensore va certificato perché in collegamento con la centralina?
(e quindi potrebbe trasferire energia)

Esatto, bisogna verificare che il sensore non possa innescare una eventuale atmosfera esplosiva presente nel tubo sonda, notoriamente sono sistemi certificati Ex-ia.

Re: rilevazione incendi atex

MessaggioInviato: 31 lug 2017, 16:24
da e7o7
Mike ha scritto:
e7o7 ha scritto:Esatto, bisogna verificare che il sensore non possa innescare una eventuale atmosfera esplosiva presente nel tubo sonda, notoriamente sono sistemi certificati Ex-ia.


giusto per condividere quanto ho trovato, mi è arrivato il certificato...
Screenshot_7.jpg
Screenshot_7.jpg (3.56 KiB) Osservato 800 volte

Re: rilevazione incendi atex

MessaggioInviato: 9 ago 2017, 9:21
da e7o7
Devo scegliere l'elemento di misurazione, un tubo in teflon o in metallo. Ovvio, il teflon si lavora più facilmente.

Ma mi viene il dubbio... questa tubazione di un centinaio di metri, pone problemi di elettricità statica?

Prendendo il libro di Carrescia sugli impianti in luogo a rischio di esplosione, sintetizza il problema dell'elettricità statica negli ambienti con polveri dicendo che se la superfice supera 0.5mq (il mio caso) ci si deve porre il problema e che la norma EN 60079-14 se ne è dimenticata.
Però parla di plastica che riveste materiali metallici (e quindi non mi pare pertinente).

Mi pare che il problema non si ponga, essendo l'apparecchio certificato con il tubo in gomma e non coinvolto in movimento di materiale. Sbaglio?

Re: rilevazione incendi atex

MessaggioInviato: 9 ago 2017, 10:46
da Mike
e7o7 ha scritto:Mi pare che il problema non si ponga, essendo l'apparecchio certificato con il tubo in gomma e non coinvolto in movimento di materiale. Sbaglio?

Il costruttore dovrà aver valutato il rischio e adottato le opportune modalità di protezione e/o aver scritto nel manuale le eventuali precauzioni a carico dell'installatore.