Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Sistemi di ricarica veloce in corrente continua

Tutti gli argomenti relativi ai veicoli elettrici

Moderatori: Foto Utentem_dalpra, Foto Utente6367

0
voti

[311] Re: Sistemi di ricarica veloce in corrente continua

Messaggioda Foto Utenterichiurci » 13 set 2018, 15:52

ok non cercherò ulteriormente di convincerti...parlano la mia e la tua esperienza, nonchè quel poco di competenza elettronica che io ho

Ah dimenticavo parlano anche TUTTI i veicoli elettrici minimamente attuali, nei quali il BMS comunica col CB, e perfino con l'inverter
Se invece ti attacchi alla semantica ok, diciamo che non serve un dialogo ma che ci sia comunicazione, anche a senso unico può bastare ;-)
Avatar utente
Foto Utenterichiurci
27,8k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 7644
Iscritto il: 2 apr 2013, 16:08

2
voti

[312] Re: Sistemi di ricarica veloce in corrente continua

Messaggioda Foto Utentefpalone » 13 set 2018, 16:22

ciao Foto UtenteLucaCassioli,
nelle batterie "grandi" e soprattutto laddove il produttore della batteria e del caricatore sono differenti, è necessaria una comunicazione tra BMS e caricatore.
In linea di massima il BMS, che conosce stato di carica, temperatura e le altre variabili di stato della batteria, invia dei segnali di controllo (massima corrente erogabile o massima tensione da applicare) al convertitore, andando di fatto a pilotarlo.
Anche attività "strane" come supplementary charging, o carica di bilanciamento, da eseguire periodicamente per ripristinare il bilanciamento tra celle, vengono comandate dal BMS ed attuate dal caricatore.
Avatar utente
Foto Utentefpalone
11,9k 5 7 10
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2321
Iscritto il: 26 dic 2007, 17:46
Località: roma

1
voti

[313] Re: Sistemi di ricarica veloce in corrente continua

Messaggioda Foto Utente6367 » 13 set 2018, 16:37

fpalone ha scritto:In linea di massima il BMS, che conosce stato di carica, temperatura e le altre variabili di stato della batteria, invia dei segnali di controllo (massima corrente erogabile o massima tensione da applicare) al convertitore, andando di fatto a pilotarlo.


Prima di cadere in un curioso equivoco, la ricarica in DC (caricabatteria nella stazione di ricarica), non è sconsigliabile in quanto il BMS non piloterebbe il caricabatteria, come affermano alcuni "esperti" dai pulpiti.
Il BMS a bordo del veicolo pilota il caricabatteria tramite i segnali di controllo digitale che si scambiano.

O_/
Avatar utente
Foto Utente6367
18,8k 5 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6077
Iscritto il: 9 set 2005, 0:00

2
voti

[314] Re: Sistemi di ricarica veloce in corrente continua

Messaggioda Foto Utentefpalone » 13 set 2018, 16:59

6367 ha scritto:o pilota il caricabatteria tramite i segnali di controllo digitale che si scambiano.

Assolutamente sì, è impensabile fare diversamente.
Una colonnina di ricarica deve gestire batterie diverse, con diverse chimiche, capacità, tensioni e correnti nominali. Solo il BMS, che è montato sull'auto, può sapere come regolare la carica.
Anche su installazioni stazionarie di accumulo, dove il "caricabatterie" (in realtà PCS) è dedicato ad una sola batteria di un fornitore e di un tipo noto, si procede nello stesso modo.
Avatar utente
Foto Utentefpalone
11,9k 5 7 10
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2321
Iscritto il: 26 dic 2007, 17:46
Località: roma

0
voti

[315] Re: Sistemi di ricarica veloce in corrente continua

Messaggioda Foto Utenterichiurci » 13 set 2018, 17:15

ma infatti... jump forse confonde con i pochi mezzi privi di questo dialogo, tipicamente vecchi scooter elettrici con batterie al pb, dove comunque l'affidabilità non era certo granchè.

Anche la mia Elettra con batterie al pb aveva un "BMS" primitivo non comunicante con il CB... il risultato era che era previsto il richiamo in fabbrica dell'auto OGNI 1000 km, e poi le abbiamo rilevate noi appassionati, tutte con poche centinaio di km sul groppone e ferme da decenni perché con batterie totalmente inservibili.

Nell'articolo, molto "basic", ho pure messo alcune figure per aiutare a capire



evidentemente non bastano...
Avatar utente
Foto Utenterichiurci
27,8k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 7644
Iscritto il: 2 apr 2013, 16:08

0
voti

[316] Re: Sistemi di ricarica veloce in corrente continua

Messaggioda Foto UtenteLucaCassioli » 13 set 2018, 17:47

fpalone ha scritto:Una colonnina di ricarica deve gestire batterie diverse, con diverse chimiche, capacità, tensioni e correnti nominali.

Scusate eh... ma alla colonnina che gliene frega di che batterie sta caricando? E' una presa di corrente! Fine. L'unica differenza con la presa di corrente di casa è che non è sempre sotto tensione, ma si accende solo sotto determinate condizioni di sicurezza.

fpalone ha scritto:Solo il BMS, che è montato sull'auto, può sapere come regolare la carica.

Appunto, ogni circuito fa il mestiere suo:
il battery management system gestisce ("management") la batteria;
la colonnina, o EVSE (Electric Vehicle Supply Equipment - Presa di corrente per veicoli elettrici) fornisce la corrente.

Questo per quanto riguarda la ricarica in AC da colonnina.

Per quanto riguarda quella da casa:
* gli scooter (anche al litio) e le bici hanno un semplice CB che legge tensione e corrente di batteria, senza bisogno di nessun messaggio dal BMS;
* le auto usano comunque una colonnina: se è avvitata al muro si chiama WALLbox ("wall" = muro), se è in giro sul pavimento, attaccata al CAVO, si chiama "In CABLE control box" (ICCB), ma entrambe fanno la stessa cosa: trasformano una presa sempre sotto tensione in una presa che è sotto tensione solo se sono soddisfatte le suddette condizioni di sicurezza.


La ricarica in DC da colonnina la sto ancora studiando. :roll:
Dal fatto che nel Chademo invece che 7 pin ce ne sono "un miliardo" deduco che sia una cosa piuttosto complicata... Però non ho capito perché nel CCS invece ne bastano 5.
Studierò.

La ricarica in DC da casa... sto cercando di inventarla. :-| Ma la vedo dura.
Avatar utente
Foto UtenteLucaCassioli
456 2 4
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 321
Iscritto il: 26 apr 2016, 19:12

0
voti

[317] Re: Sistemi di ricarica veloce in corrente continua

Messaggioda Foto UtenteLucaCassioli » 13 set 2018, 17:50

6367 ha scritto:Prima di cadere in un curioso equivoco, la ricarica in DC (caricabatteria nella stazione di ricarica), non è sconsigliabile in quanto il BMS non piloterebbe il caricabatteria, come affermano alcuni "esperti" dai pulpiti.
Il BMS a bordo del veicolo pilota il caricabatteria tramite i segnali di controllo digitale che si scambiano.

Servono tutti questi "non"?
Non sono sicuro di aver capito la frase.

A parte questo, l'ultima volta che ne ho letto, lo standard di ricarica in DC era ancora non ufficiale ma in via di finalizzazione.
Adesso è definitivo? Che numero è? O sono due documenti diversi per CHADEMO e CCS?
Avatar utente
Foto UtenteLucaCassioli
456 2 4
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 321
Iscritto il: 26 apr 2016, 19:12

1
voti

[318] Re: Sistemi di ricarica veloce in corrente continua

Messaggioda Foto Utente6367 » 13 set 2018, 19:56

LucaCassioli ha scritto:La ricarica in DC da colonnina la sto ancora studiando. :roll:
Dal fatto che nel Chademo invece che 7 pin ce ne sono "un miliardo" deduco che sia una cosa piuttosto complicata... Però non ho capito perché nel CCS invece ne bastano 5.
Studierò.



Sono due filosofie diverse. Il Chademo utilizza una molteplicità di pin di segnale e controllo (oltre a quelli di potenza e la terra), secondo il seguente schema

Immagine

Il CCS di segnale in pratica uno solo, il solito CP (cavo pilota, lo stesso del PWM), sul quale vengono trasmessi i segnali digitali a onde convogliate.
Avatar utente
Foto Utente6367
18,8k 5 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6077
Iscritto il: 9 set 2005, 0:00

0
voti

[319] Re: Sistemi di ricarica veloce in corrente continua

Messaggioda Foto Utentefpalone » 13 set 2018, 19:57

Se il convertitore è a bordo del veicolo (ricarica in ac) è chiaro che la colonnina non gioca un gran ruolo nella regolazione della carica: essa vede soltanto il ponte a diodi o l'AFE del raddrizzatore a bordo veicolo.
Il bms si interfaccia in questo caso con il caricatore, entrambi a bordo veicolo. L'interfaccia serve sempre: anche se in questo caso il caricatore è pensato per una sola tipologia di batteria, esso recupera dal BMS le variabili di stato ed i parametri di monitoraggio per regolare la carica.
Avatar utente
Foto Utentefpalone
11,9k 5 7 10
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2321
Iscritto il: 26 dic 2007, 17:46
Località: roma

0
voti

[320] Re: Sistemi di ricarica veloce in corrente continua

Messaggioda Foto Utente6367 » 13 set 2018, 20:04

LucaCassioli ha scritto:A parte questo, l'ultima volta che ne ho letto, lo standard di ricarica in DC era ancora non ufficiale ma in via di finalizzazione.
Adesso è definitivo? Che numero è? O sono due documenti diversi per CHADEMO e CCS?


Nel mondo IEC (quindi anche Cenelec e CEI) la norma di riferimento, pubblicata da un pezzo e in corso di revisione, è la IEC 61851-23.

In essa sono trattati i diversi sistemi:
Sistema A (Chademo)
Sistema B (Cinese)
Sistema C (CCS Combo).
Chiaro che si basano sulle specifiche dei diversi consorzi che supportano i tre sistemi.

Questa norma, a sua volta, richiama la IEC 62196-3 per i connettori, e la IEC 61851-24 per la comunicazione digitale con il veicolo. Per il sistema CCS, tuttavia, questa non fa altro che rinviare alla ISO 15118.
Avatar utente
Foto Utente6367
18,8k 5 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6077
Iscritto il: 9 set 2005, 0:00

PrecedenteProssimo

Torna a Veicoli elettrici

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti