Pagina 8 di 8

Re: l'Hydrogen Council: l'alleanza per l'auto a idrogeno

MessaggioInviato: 21 dic 2017, 21:04
da richiurci
:ok:

Re: l'Hydrogen Council: l'alleanza per l'auto a idrogeno

MessaggioInviato: 21 dic 2017, 23:59
da 6367
E' difficile stabilire la soluzione migliore per il trasporto urbano.
Dipende da innumerevoli fattori, linea per linea, oltre che dale scelte già fatte in passato (un conto mettere su da zero una linea filobus, un altro conto è mantenere quella già esistente da decenni).
Milano, poi, ha già innumerevoli soluzioni: tram, filobus, bus a combustibile oltre che la metropolitana in continua espansione. Se ci facciamo caso, sono in gran parte già completamente elettriche!

In Europa i bus elettrici (a batteria) non sono certo una novità assoluta. In alcune città sono in servizio da anni. Anche se non si possono fissare oggi le tecnologie che verranno impiegate per decenni, i tempi sono abbastanza maturi per sapere in che direzione andare per elettrificare quella parte che non è ancora elettrificata.

Del resto ATM Milano ha già da anni sperimentato diversi tipi di trazione elettrica. Da Marzo 2014 ATM sperimenta in servizio passeggeri sulla linea 84 due autobus a batteria, ricaricati durante la notte presso il deposito di San Donato.

Anche per i bus a idrogeno, l'ATM di Milano da Luglio 2013 ha già sperimentato sulla medesima linea 84 tre autobus ad idrogeno, che hanno percorso complessivamente 250.000 km con impianto di produzione dell’idrogeno alimentato dall’energia di un impianto fotovoltaico da 260 kW e di un cogeneratore da 2 MW ad alta efficienza presenti nel deposito di San Donato, in un ciclo prossimo a «zero emissioni».

Se dopo la sperimentazione dell'idrogeno e della batteria, hanno deciso di investire nei bus a batteria, avrannno i loro motivi.

Esiste un momento quando bisogna smettere di sperimentare e ricercare e di passare ai fatti.

Re: l'Hydrogen Council: l'alleanza per l'auto a idrogeno

MessaggioInviato: 22 dic 2017, 0:20
da richiurci
anche perché Milano non è un ente di ricerca, non credo che molti gradirebbero un "promuovere tutte le forme" (a oltranza coi soldi dei cittadini) per "scoprire" quella giusta.