Pagina 1 di 1

Il veicolo elettrico più diffuso in Italia

MessaggioInviato: 12 set 2017, 17:05
da mario_maggi
Ciao
La mobilità elettrica di fatto ha avuto una spinta da parte di chi non poteva farne a meno, gli anziani ed i disabili. Per risolvere i loro problemi sono nati tantissimi progetti, molti sono personalizzati per un certo problema fisico, e c'è pochissima standardizzazione. Anche qui - come avveniva all'inizio per le auto elettriche - ci sono i connettori più diversi per la ricarica, quindi due carrozzine o due scooter non è detto che possano ricaricarsi dallo stesso alimentatore.

Vorrei riprendere questo mio post, dopo quasi un anno il problema non ha ancora avuto una soluzione, http://www.electroyou.it/forum/viewtopic.php?f=53&t=66217&hilit=carrozzina#p674052

Credo che ci sia spazio per elettrotecnici ed elettronici che vogliano specializzarsi in questo ambiente. Oltre a questi veicoli ci sono anche i montascale ed i propulsori elettrici che si attaccano alle carrozzine manuali, per esempio: http://www.evlist.it/it/mezzi-di-trasporto/carrozzine-elettroniche-per-disabili
L'età media in Italia aumenta, e chi come me ha passato troppo tempo davanti al PC ora ne paga le conseguenze, quindi statisticamente il numero di questi piccoli veicoli dovrà necessariamente aumentare, aumentando la richiesta.
Ciao
Mario

Re: Il veicolo elettrico più diffuso in Italia

MessaggioInviato: 7 ott 2017, 22:00
da mario_maggi
Ciao a tutti.
Sembra incredibile, chi purtroppo è in carrozzina ed ha necessità di ricaricare batteria Li-Ion da 24 VDC nominali con una corrente di carica di circa 10 A è obbligato ad usare un caricabatterie commerciale con ventilazione forzata.
Io sono certo che con un po' di sperimentazione si potrebbe realizzare - o meglio, trovare già pronti - dei caricabatterie con raffreddamento naturale, senza ventola.
Chi arriva con la carrozzina elettrica fino al suo letto deve necessariamente ricaricare sul posto, quindi di notte è costretto a sentire il rumore della ventola. Le ventole a basso rumore sono comunque fastidiose.
La potenza in gioco è minima, in passato ho realizzato inverter da 30 kW con ventilazione naturale (senza ventole) e so quindi che la soluzione tecnica è sicuramente realizzabile.
Chi avesse delle soluzioni pronte o quasi, comunque realizzate con professionalità (non servono circuiti che si possano guastare, lasciando la persona in grande difficoltà) è pregato di rispondere qui oppure di contattarmi per precisazioni.
Io credo che un tecnico che si specializzi in questo tipo di alimentatori per carrozzine abbia la possibilità di lavorare.
Ciao
Mario

Re: Il veicolo elettrico più diffuso in Italia

MessaggioInviato: 8 ott 2017, 11:56
da 6367
mario_maggi ha scritto:Anche qui - come avveniva all'inizio per le auto elettriche - ci sono i connettori più diversi per la ricarica, quindi due carrozzine o due scooter non è detto che possano ricaricarsi dallo stesso alimentatore.


Un'idea sarebbe un connettore/sistema unico sia per carrozzine, sia per i veicoli elettrici leggeri come le biciclette elettrice o gli scooter (quelli senza caricabatteria a bordo).
Si potrebbero fare caricabatteria comuni, colonnine, prese e rastrelliere pubbliche per esempio presso ristoranti e alberghi.

Tuttavia non ne esiste uno unico o almeno prevalente.

Una proposta era l'Energybus e l'Energylock. Tuttavia ad oggi non ha preso piede. Probabilmente per gelosia industriale e per gli elevati costi richiesti dagli inventori in relazione alla scarsa necessità da parte del mercato, oltre che dalla complessità delle soluzioni proposte.

http://www.energybus.org/
http://www.energytube.de/de/energylock.html

Re: Il veicolo elettrico più diffuso in Italia

MessaggioInviato: 8 ott 2017, 14:08
da fpalone
Nel 2008 l'azionamento a mosfet della SEMIKRON da circa 30 kW che usammo per l'auto elettrica spazia (un veicolo da 600 kg con 80 km/h di velocità massima) aveva raffreddamento naturale, quindi dal punto di vista tecnologico non ci sarebbero problemi nel realizzarlo.
Il rumore, dovendolo usare in camera da letto, sarebbe un problema; ma oggi, magari con componenti al carburo di silicio, si può sicuramente realizzare un convertitore switching ad altissima frequenza, quindi piccolo, compatto e silenzioso.

Re: Il veicolo elettrico più diffuso in Italia

MessaggioInviato: 8 ott 2017, 19:09
da richiurci
mi sembra incredibile che un caricabatterie da 240W, che quindi ne dissiperà una 50ina massimo, debba avere necessariamente una ventola.

Basterebbe forse un bel radiatore sul retro come nei vecchi alimentatori, magari protetto da griglia...

Re: Il veicolo elettrico più diffuso in Italia

MessaggioInviato: 16 ott 2017, 20:40
da mario_maggi
Interessante questa carrozzina autobilanciante!
http://www.evlist.it/it/mezzi-di-trasporto/carrozzina-going-autobilanciante
Risulta molto più piccola delle solite, passa anche in spazi angusti.
Ciao
Mario

Re: Il veicolo elettrico più diffuso in Italia

MessaggioInviato: 9 ago 2018, 11:18
da mario_maggi
Come dice giustamente fpalone, i componenti in SiC (carburo di silicio) sarebbero un'ottima soluzione, peccato che le apparecchiature finite di classe consumer non li abbiano ancora adottati, se non in poche applicazioni.
Invece nell'automotive elettrico diventano interessanti: https://www.automotive-iq.com/electrics-electronics/articles/sic-is-revolutionising-evhev-power-electronics-but-is-the-packaging-up-to-the-job
Ciao
Mario

Re: Il veicolo elettrico più diffuso in Italia

MessaggioInviato: 9 ago 2018, 12:07
da EcoTan
mario_maggi ha scritto:con un po' di sperimentazione

Il sottoscritto ha realizzato, diciamo per hobby, dei caricabatteria totalmente DIY cioè anche gli avvolgimenti e il firmware.
Adopero quotidianamente per lo scooter elettrico un automatico 48V 3,6A senza ventola.
Il problema è che non vedo come i costi possano scendere sotto una cinquantina di euro anzi di più.