Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Amplificatori antilogaritmici

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto UtenteBrunoValente, Foto UtenteDirtyDeeds, Foto Utentecarloc, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto Utenteg.schgor

0
voti

[21] Re: Amplificatori antilogaritmici

Messaggioda Foto UtentePietroBaima » 12 mar 2019, 18:52

Generatore codice per articoli:
nomi
emoticon
citazioni
formule latex

Io capisco le cose per come le scrivete. Per esempio: K sono kelvin e non chilo, h.z è la costante di Planck per zepto o per la zeta di Riemann e l'inverso di una frequenza non si misura in siemens.
Avatar utente
Foto UtentePietroBaima
77,5k 6 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 9531
Iscritto il: 12 ago 2012, 1:20
Località: Londra

0
voti

[22] Re: Amplificatori antilogaritmici

Messaggioda Foto UtenteBrunoValente » 12 mar 2019, 19:21

Ma nella mia ipotesi avevo specificato "amplificatore ideale con guadagno infinito e dinamica di uscita infinita e diodi identici e reali", quindi?
Avatar utente
Foto UtenteBrunoValente
32,4k 7 10 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6290
Iscritto il: 8 mag 2007, 14:48

0
voti

[23] Re: Amplificatori antilogaritmici

Messaggioda Foto UtentePietroBaima » 12 mar 2019, 19:25

BrunoValente ha scritto:Ma nella mia ipotesi avevo specificato "amplificatore ideale con guadagno infinito e dinamica di uscita infinita e diodi identici e reali", quindi?

Foto UtenteIanero credo volesse sapere cosa succeda nel caso in cui l'operazionale saturi. :D
Generatore codice per articoli:
nomi
emoticon
citazioni
formule latex

Io capisco le cose per come le scrivete. Per esempio: K sono kelvin e non chilo, h.z è la costante di Planck per zepto o per la zeta di Riemann e l'inverso di una frequenza non si misura in siemens.
Avatar utente
Foto UtentePietroBaima
77,5k 6 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 9531
Iscritto il: 12 ago 2012, 1:20
Località: Londra

0
voti

[24] Re: Amplificatori antilogaritmici

Messaggioda Foto UtenteBrunoValente » 12 mar 2019, 19:27

Ah ok
Avatar utente
Foto UtenteBrunoValente
32,4k 7 10 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6290
Iscritto il: 8 mag 2007, 14:48

0
voti

[25] Re: Amplificatori antilogaritmici

Messaggioda Foto UtenteIanero » 12 mar 2019, 19:28

Ah sì giusto, il secondo non satura perché supponendo valida l'approssimazione sulla tensione differenziale ai suoi ingressi nulla, non vengono fuori assurdi.

Grazie.
Servo, dai a costui una moneta, perché ha bisogno di trarre guadagno da ciò che impara.
Euclide.
Avatar utente
Foto UtenteIanero
7.354 5 8 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 3796
Iscritto il: 21 mar 2012, 15:47

1
voti

[26] Re: Amplificatori antilogaritmici

Messaggioda Foto UtenteBrunoValente » 12 mar 2019, 19:30

A pensarci bene non è nemmeno necessario che l'operazionale sia ideale, è sufficiente che riesca a far salire la tensione di uscita oltre quella di Breakdown dei diodi
Avatar utente
Foto UtenteBrunoValente
32,4k 7 10 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6290
Iscritto il: 8 mag 2007, 14:48

0
voti

[27] Re: Amplificatori antilogaritmici

Messaggioda Foto UtentePietroBaima » 12 mar 2019, 19:35

questo lo considero barare :mrgreen:
Generatore codice per articoli:
nomi
emoticon
citazioni
formule latex

Io capisco le cose per come le scrivete. Per esempio: K sono kelvin e non chilo, h.z è la costante di Planck per zepto o per la zeta di Riemann e l'inverso di una frequenza non si misura in siemens.
Avatar utente
Foto UtentePietroBaima
77,5k 6 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 9531
Iscritto il: 12 ago 2012, 1:20
Località: Londra

0
voti

[28] Re: Amplificatori antilogaritmici

Messaggioda Foto UtenteBrunoValente » 12 mar 2019, 19:43

Hai ragione :mrgreen:
Avatar utente
Foto UtenteBrunoValente
32,4k 7 10 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6290
Iscritto il: 8 mag 2007, 14:48

0
voti

[29] Re: Amplificatori antilogaritmici

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 12 mar 2019, 19:51



Probabilmente funziona sia per tensioni Vi positive, sia negative.
Ma è di scarsa utilità :-) :-)
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
6.394 4 8 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 2610
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino

0
voti

[30] Re: Amplificatori antilogaritmici

Messaggioda Foto UtenteIanero » 12 mar 2019, 19:59

BrunoValente ha scritto:Ma nella mia ipotesi avevo specificato "amplificatore ideale con guadagno infinito e dinamica di uscita infinita e diodi identici e reali", quindi?


Ci sto pensando.
In tal caso il primo operazionale riesce tranquillamente a 'spingere' finché il primo diodo non va in Breakdown, dunque avrò:



Portato in questa condizione il primo diodo, affinché scorra corrente anche il secondo deve essere attivato, ma questo non può farlo il primo operazionale, pur avendo dinamica d'uscita infinita.
Tocca dunque al secondo, che anch'esso non ha limiti di 'spinta' in uscita e allora mi immagino che il sistema per soddisfare la richiesta di corrente debba arrivare a:



dove R_2 è la resistenza di destra.

L'unico assurdo è che mi ritroverei il secondo operazionale che, con dinamica d'uscita infinita, si ritrova comunque una tensione differenziale non nulla ai suoi ingressi, che non va bene.
Dove sbaglio?
Servo, dai a costui una moneta, perché ha bisogno di trarre guadagno da ciò che impara.
Euclide.
Avatar utente
Foto UtenteIanero
7.354 5 8 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 3796
Iscritto il: 21 mar 2012, 15:47

PrecedenteProssimo

Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google Feedfetcher e 19 ospiti