Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Come riconoscere esaurimento di una batteria ricaricabile

Circuiti e campi elettromagnetici

Moderatori: Foto UtenteIsidoroKZ, Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteEdmondDantes

0
voti

[11] Re: come riconoscere esaurmento di una batteria ricaricabile

Messaggioda Foto Utenteclaudiocedrone » 25 mag 2019, 23:58

GuidoB ha scritto: ...dovresti far passare circa 3,5 A, usando una lampadina da 12 V x 3,5 A = 42 W.

Se non la trovi...


Se non la trovi puoi usare una comunissima lampadina da 55 W :mrgreen: poiché se devono essere circa 3,5 A non mi pare affatto un problema se sono 3,67 A...
"Non farei mai parte di un club che accettasse la mia iscrizione" (G. Marx)
Avatar utente
Foto Utenteclaudiocedrone
14,7k 4 6 9
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 10156
Iscritto il: 18 gen 2012, 13:36

0
voti

[12] Re: come riconoscere esaurmento di una batteria ricaricabile

Messaggioda Foto Utentepeieppe » 26 mag 2019, 12:53

Non ho provato a misurare la tensione hai capi della lampadina ma posso farlo.
Ho provato con una lampadina da 45watt quelle finte xenon di moda anni fa', e passavano 3,5 ampere misurando col tester.
Però é rimasta accesa 2 ore circa forse meno non ho fatto un controllo cronometrato , portandomi la batteria a 9,5 volt , poi ho scollegato tutto , io mi chiedo ammettiamo che sia una cinesina e sia 12 ah invece che 14 , con un carico di 3,5ah sarebbe 12ah÷3,5ah=3,4 ore....
Se la batteria fosse efficiente non dovrebbe durare almeno 3 ore...
Dico bene ho sbaglio?
Avatar utente
Foto Utentepeieppe
0 2
 
Messaggi: 13
Iscritto il: 21 mar 2014, 20:12

0
voti

[13] Re: come riconoscere esaurmento di una batteria ricaricabile

Messaggioda Foto UtenteGuidoB » 26 mag 2019, 16:13

I 14 Ah sono relativi a una scarica lenta (che duri 10 o 20 ore).
Per scariche più rapide la capacità apparirà minore.

Inoltre, per verificare la capacità, bisogna utilizzare un carico che assorba una corrente costante (un generatore di corrente, non una resistenza né una lampadina).

La scarica con corrente del 25% della capacità nominale non è per misurarne la capacità, ma per controllare velocemente se la batteria è efficiente.
La batteria va scollegata dopo il test.

GuidoB ha scritto:Il modo più semplice è, dopo averla caricata, collegarle un carico per un certo tempo (indicativamente da 10 secondi a qualche minuto, dipende dal carico e dal tipo di batteria), e nel contempo misurare la tensione.

Se questa scende sotto una certa soglia (che dipende dalla tensione nominale della batteria) vuol dire che la batteria non è più buona.

Il tempo e la soglia di tensione si trovano empiricamente.

GuidoB ha scritto:A titolo informativo ti dico, in base a prove mie, che accumulatori al piombo da 12 V, 2 Ah, con un carico di 44 Ω, se avariati, dopo 2 minuti presentavano una tensione inferiore a 10,8 V (il 90% della tensione nominale di 12 V).
Con quel carico la corrente che passava era pari a circa il 14% della capacità (e non il 25% come ti ho proposto per abbreviare i tempi).
Inizialmente io con quel carico effettuavo prove che duravano 10 minuti. Alla luce dell'esperienza ho poi visto che 2 minuti erano sufficienti, visto che in quel tempo tutti gli accumulatori avariati si rivelavano. Infatti non mi è mai successo che un accumulatore con tensione OK dopo 2 minuti, andasse sotto la soglia dopo 10 minuti.


Io partirei considerando che se la tensione sotto carico si mantiene al di sopra di 12 V per 2 minuti l'accumulatore è buono.
Se allo scadere dei 2 minuti la tensione è tra il 90% e il 100% di 12 V, l'accumulatore comincia a dare segni di stanchezza.
Se scende sotto il 90% di 12 V (cioè sotto 10,8 V), l'accumulatore è da scartare.

peieppe ha scritto:Ho provato con una lampadina da 45watt quelle finte xenon di moda anni fa', e passavano 3,5 ampere misurando col tester.
Però é rimasta accesa 2 ore circa forse meno non ho fatto un controllo cronometrato , portandomi la batteria a 9,5 volt , poi ho scollegato tutto

Spero tu l'abbia ricaricata subito, perché lasciare una batteria al piombo sotto i 10,8 V per qualche decina di ore ne provoca la solfatazione.

Gli accumulatori al piombo vanno conservati carichi. Se non si usano, bisogna riportarli al 100% ogni 3-6 mesi per compensare l'autoscarica.
Big fan of ƎlectroYou!
Avatar utente
Foto UtenteGuidoB
14,5k 6 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2253
Iscritto il: 3 mar 2011, 16:48
Località: Madrid

0
voti

[14] Re: Come riconoscere esaurimento di una batteria ricaricabil

Messaggioda Foto Utentepeieppe » 26 mag 2019, 16:44

Si si l'ho ricaricata subito tra l'altro dopo tale ricarica e passata da 12,54 a 12,80
Avatar utente
Foto Utentepeieppe
0 2
 
Messaggi: 13
Iscritto il: 21 mar 2014, 20:12

2
voti

[15] Re: Come riconoscere esaurimento di una batteria ricaricabil

Messaggioda Foto Utenterichiurci » 26 mag 2019, 19:16

Il test di batterie di trazione non è semplice, e in teoria bisognerebbe onitorare separatamente le singole celle perché di solito una o più celle possono andare in sovrascarica ben prima delle altre.

Sarebbe meglio monitorare costantemente la scarica e fermarla quando la tensione inzia a scendere velocemente, segnale di scarica completa.

Qui il test delle mie batterie al litio, testate a gruppi di 4 ma monitorate singolarmente (cosa di solito non possibile con le batterie al piombo)

https://www.electroyou.it/richiurci/wik ... o-50000-km
Avatar utente
Foto Utenterichiurci
27,6k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 7587
Iscritto il: 2 apr 2013, 16:08

Precedente

Torna a Elettrotecnica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google Adsense [Bot] e 9 ospiti