Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Sulla compensazione per un alimentatore con L200

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto UtenteDirtyDeeds, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto UtenteBrunoValente, Foto Utentecarloc, Foto Utenteg.schgor

0
voti

[11] Re: Sulla compensazione per un alimentatore con L200

Messaggioda Foto UtenteAletox » 28 apr 2020, 18:36

Il 33nF è indicato come valore negli application note. Ma al di la del valore a me piacerebbe cercare di capire il meccanismo.
Nel senso, questo circuito lo si può vedere come un op-amp (e di fatto all'interno ce ne'è uno) con uscita da compensare. Quindi appunto l'idea di compensarlo tramite condensatore sulla retroazione.

La misura difficilmente la riesco a postare. Ma la posso descrivere a parole. Si tratta di un'oscilazione più o meno sinusoidale a ca. 1MHz. dipendendte dalla resistenza di carico e dalla tensione di uscita.

In ogni caso grazie mille per le risposte!:)
"La teoria attrae la pratica come il magnete attrae il ferro" C. Gauss

Seguitemi anche su youtube, un saluto da AT O_/
https://www.youtube.com/c/atlaboratory
Avatar utente
Foto UtenteAletox
1.070 1 6 13
Expert
Expert
 
Messaggi: 261
Iscritto il: 27 feb 2014, 22:01

0
voti

[12] Re: Sulla compensazione per un alimentatore con L200

Messaggioda Foto UtentePietroBaima » 28 apr 2020, 18:54

abusivo ha scritto:Aggiungerei anche un condensatore fra il pin 4 dell'integrato e la massa da 100 nF.

Se fai così peggiori la stabilità, invece di migliorarla.
Generatore codice per articoli:
nomi
emoticon
citazioni
formule latex

Io capisco le cose per come le scrivete. Per esempio: K sono kelvin e non chilo, h.z è la costante di Planck per zepto o per la zeta di Riemann e l'inverso di una frequenza non si misura in siemens.
Avatar utente
Foto UtentePietroBaima
79,8k 6 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 10007
Iscritto il: 12 ago 2012, 1:20
Località: Londra

0
voti

[13] Re: Sulla compensazione per un alimentatore con L200

Messaggioda Foto UtentePietroBaima » 28 apr 2020, 18:56

Aletox ha scritto:Il 33nF è indicato come valore negli application note. Ma al di la del valore a me piacerebbe cercare di capire il meccanismo.

Se vuoi sapere la teoria della compensazione posso citare Foto UtenteIsidoroKZ, se ha un momento di tempo ci illumina :idea:
:D
Generatore codice per articoli:
nomi
emoticon
citazioni
formule latex

Io capisco le cose per come le scrivete. Per esempio: K sono kelvin e non chilo, h.z è la costante di Planck per zepto o per la zeta di Riemann e l'inverso di una frequenza non si misura in siemens.
Avatar utente
Foto UtentePietroBaima
79,8k 6 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 10007
Iscritto il: 12 ago 2012, 1:20
Località: Londra

0
voti

[14] Re: Sulla compensazione per un alimentatore con L200

Messaggioda Foto Utenteabusivo » 28 apr 2020, 18:59

PietroBaima ha scritto:
abusivo ha scritto:Aggiungerei anche un condensatore fra il pin 4 dell'integrato e la massa da 100 nF.

Se fai così peggiori la stabilità, invece di migliorarla.

Non l'avrei mai detto!
Se quello che funziona basta non lo tocca' sennò te lassa!
Avatar utente
Foto Utenteabusivo
11,4k 4 6 10
Master
Master
 
Messaggi: 6310
Iscritto il: 16 ott 2012, 18:43
Località: L'Aquila

1
voti

[15] Re: Sulla compensazione per un alimentatore con L200

Messaggioda Foto UtentePietroBaima » 28 apr 2020, 19:12

Supponiamo tu abbia un operazionale collegato da amplificatore non invertente con guadagno 10 volte.
L'ingresso è nullo.
Se metti in parallelo un condensatore molto grande alla resistenza collegata fra pin invertente e massa, poi applichi 1 V in ingresso, l'operazionale porta la sua uscita alla massima tensione possibile, perché sul morsetto invertente la tensione non ha ancora raggiunto Vin.
In pratica l'operazionale è più veloce della sua rete di reazione. Quando questo succede si ha instabilità.

Quando la tensione sul morsetto invertente raggiunge finalmente 1V (e lo supera) l'operazionale porta la sua uscita alla minima tensione possibile e il condensatore si scarica.

Se riduci la capacità questa costante di tempo diminuisce, fino a che diventa paragonabile alla velocità di commutazione dell'operazionale. In questo caso l'operazionale non ha più il tempo necessario per passare fra tensione massima positiva e negativa, per cui si avrà una escursione fra due tensioni intermedie.

Se riduci ancora questa costante di tempo l'operazionale sarà stabile intorno alla tensione di uscita.

Quindi mettere capacità verso massa peggiora la stabilità; bisogna metterle sulla reazione.
Generatore codice per articoli:
nomi
emoticon
citazioni
formule latex

Io capisco le cose per come le scrivete. Per esempio: K sono kelvin e non chilo, h.z è la costante di Planck per zepto o per la zeta di Riemann e l'inverso di una frequenza non si misura in siemens.
Avatar utente
Foto UtentePietroBaima
79,8k 6 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 10007
Iscritto il: 12 ago 2012, 1:20
Località: Londra

0
voti

[16] Re: Sulla compensazione per un alimentatore con L200

Messaggioda Foto Utenteabusivo » 28 apr 2020, 19:14

Grazie!
Se quello che funziona basta non lo tocca' sennò te lassa!
Avatar utente
Foto Utenteabusivo
11,4k 4 6 10
Master
Master
 
Messaggi: 6310
Iscritto il: 16 ott 2012, 18:43
Località: L'Aquila

0
voti

[17] Re: Sulla compensazione per un alimentatore con L200

Messaggioda Foto UtenteGiVi » 28 apr 2020, 19:46

ciao Abusivo,

non so se sono coerente con l'argomento,

ho costruito negli anni molti circuiti con l'L200, attratto dalla possibilità di avere un controllo di tensione e corrente su un singolo chip, ma alla fine mi sono ritrovato per avere come nel tuo caso (se ho capito bene) circuiti non affidabili.

Ho costruito negli anni tanti alimentatori, mi sono trovato bene con circuiti di corrente e tensione separati, tipo 2 LM317 in serie.

ma se non ho capito il thread non tenere conto di quello che ho scritto.
O_/
Avatar utente
Foto UtenteGiVi
80 2
 
Messaggi: 32
Iscritto il: 20 mar 2020, 21:27

0
voti

[18] Re: Sulla compensazione per un alimentatore con L200

Messaggioda Foto Utenteabusivo » 28 apr 2020, 19:59

GiVi ha scritto:...ma se non ho capito il thread non tenere conto di quello che ho scritto.
O_/

Non ti preoccupare, avevo solo, abusivamente, espresso un parere ma è sempre interessante confrontare le proprie esperienze.
Se quello che funziona basta non lo tocca' sennò te lassa!
Avatar utente
Foto Utenteabusivo
11,4k 4 6 10
Master
Master
 
Messaggi: 6310
Iscritto il: 16 ott 2012, 18:43
Località: L'Aquila

0
voti

[19] Re: Sulla compensazione per un alimentatore con L200

Messaggioda Foto Utenteedgar » 28 apr 2020, 20:05


Non so se serva ma l'AN "A DESIGNER’S GUIDE TO THE L200 VOLTAGE REGULATOR" riporta il tuo circuito senza il condensatore da 33 nF e il potenziometro sul lato superiore del partitore

L200.jpg
Avatar utente
Foto Utenteedgar
6.342 3 5 8
Master
Master
 
Messaggi: 3196
Iscritto il: 15 set 2012, 22:59

0
voti

[20] Re: Sulla compensazione per un alimentatore con L200

Messaggioda Foto Utentemarioursino » 28 apr 2020, 20:08

abusivo ha scritto:Ma anche no!


Perché no?
Avatar utente
Foto Utentemarioursino
4.482 3 9 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 1452
Iscritto il: 5 dic 2009, 4:32

PrecedenteProssimo

Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 30 ospiti