Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

cavo raddrizzatore: come è fatto

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto Utentecarloc, Foto UtenteDirtyDeeds, Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto UtenteBrunoValente

0
voti

[1] cavo raddrizzatore: come è fatto

Messaggioda Foto Utentecman » 3 mag 2020, 18:52

Ciao a tutti,
ho ritrovato una striscia led flessibile inguainata, tipo questa:

Immagine

Dovrebbe essere alimentata a 220 V, ma mi manca il cavo raddrizzattore.
Come potrei sostituirlo ?
Avatar utente
Foto Utentecman
0 2
 
Messaggi: 24
Iscritto il: 31 gen 2016, 9:13

0
voti

[2] Re: cavo raddrizzatore: come è fatto

Messaggioda Foto UtenteDuffr » 3 mag 2020, 19:04

Uno come questo andrebbe bene?
Avatar utente
Foto UtenteDuffr
205 3 7
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 247
Iscritto il: 11 set 2015, 11:19

0
voti

[3] Re: cavo raddrizzatore: come è fatto

Messaggioda Foto Utentecman » 3 mag 2020, 20:24

certo. ma la mia domanda (probabilmente mal posta) era: come posso autocostruirmelo ? cosa c'è all'interno ?
Avatar utente
Foto Utentecman
0 2
 
Messaggi: 24
Iscritto il: 31 gen 2016, 9:13

2
voti

[4] Re: cavo raddrizzatore: come è fatto

Messaggioda Foto Utenteedgar » 3 mag 2020, 20:35

cman ha scritto:cosa c'è all'interno ?

Da qualche parte c'è un ponte raddrizzatore
cman ha scritto:come posso autocostruirmelo ?

Dalla domanda precedente si comprende che non hai conoscenze adeguate.
Lavorare con la tensione di rete senza sapere cosa si sta facendo, oltre ad esporre al pericolo di incendi. è potenzialmente letale.
Il consigio è: per i due soldi che costa, compralo già fatto. Autocostruirlo costerebbe di più e non avresti un risultato che ti garantisca sicurezza.
Avatar utente
Foto Utenteedgar
6.377 3 5 8
Master
Master
 
Messaggi: 3218
Iscritto il: 15 set 2012, 22:59

0
voti

[5] Re: cavo raddrizzatore: come è fatto

Messaggioda Foto Utentecman » 4 mag 2020, 8:46

se c'è solo un ponte raddrizzatore, non penso che sia nulla di complicato ....siamo sicuri della presenza del solo ponte raddrizzatore ?
il raddrizzamento della tensione quindi avviene 220 V ? ovvero i led sarebbero alimentati a 220 V con tensione sinusoidale sempre positiva ?
Avatar utente
Foto Utentecman
0 2
 
Messaggi: 24
Iscritto il: 31 gen 2016, 9:13

0
voti

[6] Re: cavo raddrizzatore: come è fatto

Messaggioda Foto Utenteedgar » 4 mag 2020, 10:22

cman ha scritto:i led sarebbero alimentati a 220 V con tensione sinusoidale sempre positiva continua
Avatar utente
Foto Utenteedgar
6.377 3 5 8
Master
Master
 
Messaggi: 3218
Iscritto il: 15 set 2012, 22:59

0
voti

[7] Re: cavo raddrizzatore: come è fatto

Messaggioda Foto UtenteDuffr » 4 mag 2020, 10:29

Secondo me dovrebbe contenere anche un condensatore di livellamento...non saprei peró se quello che ho mandato ieri sera ne ha uno, viste le dimensioni apparentemente ridotte
Avatar utente
Foto UtenteDuffr
205 3 7
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 247
Iscritto il: 11 set 2015, 11:19

0
voti

[8] Re: cavo raddrizzatore: come è fatto

Messaggioda Foto Utenteedgar » 4 mag 2020, 10:32

Quello potrebbe anche non esserci. Per livellare seriamente ci vuole una capacità dicreta ed i condensatori grossi a 400 V costano e ingombrano. Raddrizzando a doppia semionda lo sfarfallio dovrebbe esssere contenuto
Avatar utente
Foto Utenteedgar
6.377 3 5 8
Master
Master
 
Messaggi: 3218
Iscritto il: 15 set 2012, 22:59

0
voti

[9] Re: cavo raddrizzatore: come è fatto

Messaggioda Foto Utenteedgar » 4 mag 2020, 10:37

cman ha scritto:se c'è solo un ponte raddrizzatore, non penso che sia nulla di complicato

Non è tanto la complicazione quanto la sicurezza
Avatar utente
Foto Utenteedgar
6.377 3 5 8
Master
Master
 
Messaggi: 3218
Iscritto il: 15 set 2012, 22:59

1
voti

[10] Re: cavo raddrizzatore: come è fatto

Messaggioda Foto Utentejervisbrown » 4 mag 2020, 15:11

cman ha scritto:.......... ovvero i led sarebbero alimentati a 220 V con tensione sinusoidale sempre positiva ?



Quello che vedi con la spina a 220 V e' un alimentatore contenente tutto il necessario.

Le strisce a led che ho sempre visto finora avevano tutte l'alimentatore esterno a 12V continui e livellati, infatti, poi, le strisce sono suddivise a gruppi di tre led in serie con una resistenza di caduta che limita la corrente al necessario; tutti i gruppi di tre led sono in parallelo per tutta la striscia.
La tua non dovrebbe essere diversa, in trasparenza dovresti vedere cio' che ho descritto.
Se cosi' e' puoi anche guardare i tre led di coda e rilevare che ci dovrebbe essere un pezzetto con quattro punti, in mezzo ai quali si puo' effettuare un taglio tranciando il pezzo, ed usare i punti per dare tensione (ci dovrebbero anche essere un + e un -). Quest'ultimo pezzo di striscia e' autonomo, quindi e' alimentabile a 12V accendendosi normalmente (male che vada si potrebbe bruciare questo pezzetto, ma non credo!).
Verificato cio', vuol dire che anche tutto il resto della striscia e' alimentabile a 12V continui con un alimentatore da laboratorio.
Misurata la corrente assorbita, occorre fornire un alimentatore adeguato. O_/
Avatar utente
Foto Utentejervisbrown
88 2
New entry
New entry
 
Messaggi: 64
Iscritto il: 26 mar 2015, 14:12

Prossimo

Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 28 ospiti