Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

220 V trifase e auto elettrica

Fonti energetiche e produzione e fornitura dell'energia elettrica.

Moderatori: Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentemario_maggi

0
voti

[1] 220 V trifase e auto elettrica

Messaggioda Foto UtenteMaxL » 15 feb 2022, 16:45

Buongiorno, un amico ha acquistato un'auto elettrica e ha cercato di ricaricarla a casa sua. La macchina dà problemi e non si carica perché lui a casa sua, abita a Roma, è alimentato da un sistema trifase 220 V senza neutro. Quindi lui a casa sua ha la 220 V ma con due fasi senza il neutro. A qualcuno è capitata una cosa del genere? Grazie.
Avatar utente
Foto UtenteMaxL
25 2 3
 
Messaggi: 27
Iscritto il: 18 lug 2012, 9:24

3
voti

[2] Re: 220 V trifase e auto elettrica

Messaggioda Foto UtenteMarcoFry » 15 feb 2022, 16:54

Ciao,
se si tratta di alimentazione tra due fasi:

- Verifica che la colonnina abbia la possibilità di essere alimentata senza neutro: in particolare marche come Audi (questo mi è stato riportato da terzi) hanno internamente un selettore il quale può abilitare l'alimentazione CON o SENZA neutro.

- Installare un trasformatore di isolamento e creare un sistema TT/TN a secondario.

Spero di esserti stato utile
Ciao
Marco
Avatar utente
Foto UtenteMarcoFry
180 2
New entry
New entry
 
Messaggi: 65
Iscritto il: 6 feb 2019, 15:27

0
voti

[3] Re: 220 V trifase e auto elettrica

Messaggioda Foto UtenteMaxL » 15 feb 2022, 17:05

Grazie Marco, ma forse mi sono espresso male. La macchina è la smart elettrica che non carica senza il neutro. Lui a casa sua si collega alla presa di casa (attraverso una schuko) e in casa ha due fasi a 220 V. Il neutro lo dovrebbe creare da terra con un trasformatore 1:1. Forse un UPS potrebbe risolvere??
Avatar utente
Foto UtenteMaxL
25 2 3
 
Messaggi: 27
Iscritto il: 18 lug 2012, 9:24

2
voti

[4] Re: 220 V trifase e auto elettrica

Messaggioda Foto UtenteMarcoFry » 15 feb 2022, 17:15

A mio avviso in questi casi molti hanno risolto proprio con il trasformatore 1:1 e creazione di un sistema TT/TN a secondario. Si potrebbe riassumere dicendo che un polo del secondario va messo a terra, tenendo sempre presente che andranno installate le relative protezioni previste.

Ciao
Marco
Avatar utente
Foto UtenteMarcoFry
180 2
New entry
New entry
 
Messaggi: 65
Iscritto il: 6 feb 2019, 15:27

1
voti

[5] Re: 220 V trifase e auto elettrica

Messaggioda Foto Utentefpalone » 15 feb 2022, 20:49

Se l'auto elettrica non riesce a "digerire" la 220 V concatenata (e mi pare strano, visto che è un sistema ancora abbastanza diffuso), come ti hanno detto l'unica soluzione è installare un trasformatore a rapporto unitario.
Da un lato lo collegherai alla rete del distributore, dall'altro collegherai un polo a terra in modo da fornire nuovamente un sistema con un riferimento a terra (in pratica, TN-S), prevedendo un interruttore opportunamente dimensionato.
Non è economico ed introduce perdite ulteriori, ma comunque costa meno ed ha meno perdite di un UPS
Avatar utente
Foto Utentefpalone
16,3k 5 8 11
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2996
Iscritto il: 26 dic 2007, 17:46
Località: roma

1
voti

[6] Re: 220 V trifase e auto elettrica

Messaggioda Foto Utentedavi82 » 15 feb 2022, 23:25

MarcoFry ha scritto:in particolare marche come Audi (questo mi è stato riportato da terzi) hanno internamente un selettore il quale può abilitare l'alimentazione CON o SENZA neutro.


Quale potrebbe essere la ragione per cui alcune colonnine inibiscono la ricarica tramite 230 V bifase o comunque richiedono lo spostamento di un selettore?
Avatar utente
Foto Utentedavi82
489 2 4
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 362
Iscritto il: 24 giu 2011, 0:09

0
voti

[7] Re: 220 V trifase e auto elettrica

Messaggioda Foto UtenteMarcoFry » 16 feb 2022, 9:43

@ Foto Utentedavi82

Non te lo so dire. Semplicemente mi viene posto spesso questo problema e altrettanto spesso la soluzione è quella citata sopra.

Per quanto riguarda il selettore: avendo l'opportunità di interagire con persone che talvolta installano queste apparecchiature, parlando mi è stato detto di questa particolarità (al momento l'ho sentita solo per Audi). Non ho documentazione in merito, semplicemente la testimonianza di un installatore.

Ciao
Marco
Avatar utente
Foto UtenteMarcoFry
180 2
New entry
New entry
 
Messaggi: 65
Iscritto il: 6 feb 2019, 15:27

0
voti

[8] Re: 220 V trifase e auto elettrica

Messaggioda Foto Utentestefanopc » 16 feb 2022, 9:51

Anche un mio vicino di casa ha la Smart.
Il dispositivo di carica del veicolo prima di cominciare la carica effettua una misura probabilmente per valutare la bontà del collegamento di terra.
Dando per scontato che il neutro sia a terra si valuta la tensione presente tra neutro e terra.
Se questo controllo da una tensione bassa la carica comincia.
Se invece del neutro e fase il sistema trova due fasi ipotizza che la terra sia guasta e blocca la carica.
Il progettista l'ha pensata in questo modo probabilmente per impedire che il veicolo sia messo in carica senza il collegamento di terra funzionante.

Ciao
600 Elettra
Avatar utente
Foto Utentestefanopc
7.448 4 8 12
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 2394
Iscritto il: 4 ago 2020, 9:11

0
voti

[9] Re: 220 V trifase e auto elettrica

Messaggioda Foto UtenteMarcoFry » 16 feb 2022, 9:52

Rettifico! Probabilmente non si parlava di Audi (quest'ultimo brand è venuto fuori un'altra volta ed era stato risolto con 1:1). Per quanto riguarda il selettore nessuno qui si ricorda di che brand si trattava :(

Ciao
Marco
Avatar utente
Foto UtenteMarcoFry
180 2
New entry
New entry
 
Messaggi: 65
Iscritto il: 6 feb 2019, 15:27

0
voti

[10] Re: 220 V trifase e auto elettrica

Messaggioda Foto UtenteMaxL » 16 feb 2022, 10:20

fpalone ha scritto:Se l'auto elettrica non riesce a "digerire" la 220 V concatenata (e mi pare strano, visto che è un sistema ancora abbastanza diffuso), come ti hanno detto l'unica soluzione è installare un trasformatore a rapporto unitario.
Da un lato lo collegherai alla rete del distributore, dall'altro collegherai un polo a terra in modo da fornire nuovamente un sistema con un riferimento a terra (in pratica, TN-S), prevedendo un interruttore opportunamente dimensionato.
Non è economico ed introduce perdite ulteriori, ma comunque costa meno ed ha meno perdite di un UPS


Ci avevo pensato pure io ma lui a casa ha la "monofase" (anzi bifase con due fasi) e non la trifase. Dovrebbe installare un trafo monofase e crearsi in neutro dalla terra? E' fattibile?
Avatar utente
Foto UtenteMaxL
25 2 3
 
Messaggi: 27
Iscritto il: 18 lug 2012, 9:24

Prossimo

Torna a Energia e qualità dell'energia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti