Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Rapporto di trasformazione.

Circuiti, campi elettromagnetici e teoria delle linee di trasmissione e distribuzione dell’energia elettrica

Moderatori: Foto UtenteIsidoroKZ, Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteEdmondDantes

0
voti

[41] Re: Rapporto di trasformazione.

Messaggioda Foto Utentemrc » 12 lug 2009, 16:06

Grazie dursino!

Marco.
Avatar utente
Foto Utentemrc
10,2k 6 11 13
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 3945
Iscritto il: 16 apr 2009, 9:32

1
voti

[42] Re: Rapporto di trasformazione.

Messaggioda Foto Utenteadmin » 12 lug 2009, 16:07

Basta un'unica misura perché i risultati che si ottengono sono gli stessi , o meglio differiscono per il quadrato del rapporto di trasformazione.Quella misurata con il secondario in corto e' pari a quella misurata con il primario in corto moltiplicata per il quadrato del rapporto di trasformazione.
Avatar utente
Foto Utenteadmin
185,1k 9 12 17
Manager
Manager
 
Messaggi: 11403
Iscritto il: 6 ago 2004, 13:14

0
voti

[43] Re: Rapporto di trasformazione.

Messaggioda Foto Utentemrc » 12 lug 2009, 16:18

Grazie admin! :D

Marco.
Avatar utente
Foto Utentemrc
10,2k 6 11 13
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 3945
Iscritto il: 16 apr 2009, 9:32

0
voti

[44] Re: Rapporto di trasformazione.

Messaggioda Foto Utentemrc » 13 lug 2009, 17:11

Vorrei, per favore, un chiarimento.

Nella pagina indicatami da mir:

http://www.galileimirandola.it/elettro/ ... ASFO41.HTM

c'è questo discorso:

"Pcct=W-V1cct^2/Rwv-(V1cct^2/Rv) [W]

essendo RWV [ohm] la resistenza interna voltmetrica del wattmetro e RV [ohm] la resistenza interna del voltmetro. La potenza così calcolata è quella assorbita dal trasformatore in corto che coincide (a meno delle perdite nel ferro che si possono ritenere trascurabili visto il basso valore della tensione) con le perdite negli avvolgimenti.

cos phi(cct)=Pcct/(V1cct I1)"

Che considera come predominanti nelle misure le R interne degli strumenti.
Visto che molto probabilmente le misure vengono effettuate, nella maggioranza dei casi, con strumenti moderni tipo voltmetri, amporometri e watmetri digitali con R interne dell' ordine di qualche mega mi chiedevo:

Si può considerare come cos phi un valore molto prossimo ad 1 tipo 0,9997?

Grazie.
Marco.
Avatar utente
Foto Utentemrc
10,2k 6 11 13
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 3945
Iscritto il: 16 apr 2009, 9:32

1
voti

[45] Re: Rapporto di trasformazione.

Messaggioda Foto UtenteRenzoDF » 13 lug 2009, 17:41

Se usi strumentazione ad alta impedenza non devi correggere gli autoconsumi, ma il

\cos \varphi =\frac{P}{A}=\frac{P_{m}}{V_{m}I_{m}}

non cambierà in quanto dipende dalla relazione interna fra Rcc e Zcc :!:
"Il circuito ha sempre ragione" (Luigi Malesani)
Avatar utente
Foto UtenteRenzoDF
53,8k 8 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 12599
Iscritto il: 4 ott 2008, 9:55

0
voti

[46] Re: Rapporto di trasformazione.

Messaggioda Foto Utentemrc » 13 lug 2009, 17:44

Non capisco
Ho provato a fare due conti, prendendo in esame un caso reale, applicando le formule, di cui al mio post precedente, considerando:

Rint watmetro = 4M
Rint voltmetro = 10M

Con le seguenti grandezze:

V1cct= 15,2V
I1= 0,023A

Facendo i passaggi vari ho ottenuto cos phi = 0,9998


Grazie.
Marco.
Avatar utente
Foto Utentemrc
10,2k 6 11 13
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 3945
Iscritto il: 16 apr 2009, 9:32

1
voti

[47] Re: Rapporto di trasformazione.

Messaggioda Foto UtenteRenzoDF » 13 lug 2009, 17:46

dimmi come hai fatto a calcolarlo ... ricorda che devi misurare 3 valori e tu ne hai scritti 2:

Pm= .....
Vm=....
Im= ....

e poi dimmi su che trasformatore hai fatto quelle misure ? ... V1n, V2n, e potenza nominale ... e 23 mA in una prova in corto son pochini :wink:

Un'altra cosa, il link al quale hai fatto riferimento, scrive che "la prova deve essere fatta alimentando il lato AT",
Per chiarezza ti ricordo che la prova in corto circuito, come quella a vuoto, possono essere eseguite dal lato AT o BT indifferentemente; normalmente viene scelto il lato più adatto, in relazione ai vincoli del laboratorio e della strumentazione disponibile :wink:
"Il circuito ha sempre ragione" (Luigi Malesani)
Avatar utente
Foto UtenteRenzoDF
53,8k 8 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 12599
Iscritto il: 4 ott 2008, 9:55

0
voti

[48] Re: Rapporto di trasformazione.

Messaggioda Foto Utentemrc » 13 lug 2009, 17:56

Quello che l' articolo chiama W io la calcolo Vm moltiplicato Im

Poi ricavo la Pcct da come si vede nell' articolo.

Poi cos phi= Pcct/(V1cct*I1)

Marco
Avatar utente
Foto Utentemrc
10,2k 6 11 13
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 3945
Iscritto il: 16 apr 2009, 9:32

0
voti

[49] Re: Rapporto di trasformazione.

Messaggioda Foto Utentemrc » 13 lug 2009, 18:03

Ho usato un trafo piccolo da 10VA

Vin= 230V
Vout= 20V
Avatar utente
Foto Utentemrc
10,2k 6 11 13
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 3945
Iscritto il: 16 apr 2009, 9:32

1
voti

[50] Re: Rapporto di trasformazione.

Messaggioda Foto UtenteRenzoDF » 13 lug 2009, 18:04

mrc ha scritto:Quello che l' articolo chiama W io la calcolo Vm moltiplicato Im


lo immaginavo .... quel prodotto in corrente alternata fornisce la potenza apparente S e non la potenza attiva P, che sono diverse !

Scusa marco ma viste queste lacune, dobbiamo fare un passo indietro e ripassare prima i circuiti in corrente alternata :!:

Come vedi siamo partiti dal difficile, trasf. a tre avvolg. poi siamo dovuti retrocedere a quelli normali ... e ora alle potenze :?

Scusami se sono sincero ma devo dirti che non possiamo discutere se non ci sono delle basi minime !
"Il circuito ha sempre ragione" (Luigi Malesani)
Avatar utente
Foto UtenteRenzoDF
53,8k 8 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 12599
Iscritto il: 4 ott 2008, 9:55

PrecedenteProssimo

Torna a Elettrotecnica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti