Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Timer per scaldabagno

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMike, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago, Foto Utentelillo

0
voti

[21] Re: Timer per scaldabagno

Messaggioda Foto UtenteKagliostro » 1 set 2023, 0:15

Si, esistono

Se il quadro elettrico è di quelli con barra DIN hai varie possibilità di scelta sia come elettronici che come elettromeccanici, li trovi anche su Amazon

Questo è un esempio, ne trovi molti, solo ricordati di verificare che sopportino la corrente assorbita dallo scaldaagno

https://www.amazon.it/Programmatore-elettrico-Interruttore-programmabile-settimanale/dp/B0BHX6Z37K/ref=asc_df_B0BHX6Z37K/?tag=googshopit-21&linkCode=df0&hvadid=611025777742&hvpos=&hvnetw=g&hvrand=11197504780983746847&hvpone=&hvptwo=&hvqmt=&hvdev=m&hvdvcmdl=&hvlocint=&hvlocphy=9050650&hvtargid=pla-1890558499808&psc=1

K
Avatar utente
Foto UtenteKagliostro
4.814 4 5 7
Master
Master
 
Messaggi: 3495
Iscritto il: 19 set 2012, 11:32

0
voti

[22] Re: Timer per scaldabagno

Messaggioda Foto UtenteGioArca67 » 1 set 2023, 11:17

Berello ha scritto:Non sono d'accordo su questo punto.
.........
Ma dire che si risparmia tenendolo sempre acceso è secondo me sbagliato.

.........

Qualcuno ha tesi in favore del contrario?


Qualcuno ha tesi in favore del ragionamento contrario a quello espresso dall'utente Foto UtenteBerello
Avatar utente
Foto UtenteGioArca67
3.388 4 5 9
Master
Master
 
Messaggi: 3265
Iscritto il: 12 mar 2021, 9:36

0
voti

[23] Re: Timer per scaldabagno

Messaggioda Foto Utentelelerelele » 1 set 2023, 14:43

ritengo che dal punto di vista del risparmio, se l'acqua delllo scaldabagno posso tenerla fredda o comunque ad una bassa temperatura per parecchie ore, forse posso sperare in un risparmio, ma se l'acqua deve rimenere calda, sempre, non risparmio niente, in quanto l'acqua si raffredderà comunque nel periodo di fermo e quando riaccendo, dovrò scaldare comunque l'acqua alla tempperatura che avrebbe se l'avessi lasciato acceso.

se hai circuiti di ricircolo forse potresti agire su quello, altrimenti per me non c'è modo.

saluti.
Avatar utente
Foto Utentelelerelele
3.897 3 7 9
Master
Master
 
Messaggi: 4542
Iscritto il: 8 giu 2011, 8:57
Località: Reggio Emilia

1
voti

[24] Re: Timer per scaldabagno

Messaggioda Foto UtenteKagliostro » 1 set 2023, 16:32

Qualsiasi scalda acqua non è isolato in modo perfetto, di conseguenza, impostata una temperatura, anche se non viene prelevata acqua, la temperatura si abbassa e la resistenza viene accesa dal termostato per riportarla al livello preimpostato

Più è lungo il tempo di inattività, più la dispersione porta a consumi "non dovuti", pertanto, fare in modo che durante la notte ed i periodi nei quali si è abitualmente fuori casa (al lavoro ad esempio) l'alimentazione sia scollegata, è di sicuro un risparmio

Per il comfort ovviamente, si farà in modo che l'alimentazione sia disponibile in un orario congruo a far trovare all'utilizzatore l'acqua alla temperatura richiesta

Negli anni passati anche a casa mia c'era uno scaldabagno termo/elettrico, d'inverno praticamente ci si appoggiava al calore dell'acqua della caldaia per scaldare quella del boiler, nella stagione in cui la caldaia era spenta, per evitare sprechi, si provvedeva a staccare la spina per riattaccarla in previsione della necessità di utilizzare acqua calda, un po' macchinoso, ma parlo dei primi anni 70, poi, con la diffusione dei timer, le cose sono cambiate

K
Avatar utente
Foto UtenteKagliostro
4.814 4 5 7
Master
Master
 
Messaggi: 3495
Iscritto il: 19 set 2012, 11:32

0
voti

[25] Re: Timer per scaldabagno

Messaggioda Foto UtenteSediciAmpere » 1 set 2023, 18:34

Secondo me è indifferente: praticamente quando l'acqua calda non viene utilizzata, la resistenza serve solamente per compensare le perdite di calore, nel caso di piccole differenze di temperatura compensarle passo-passo con tante piccole accensioni oppure tutto insieme è abbastanza indifferente.
Diverso sarebbe se rimanesse inutilizzato per più giorni e l'acqua si raffreddasse, in questo caso man-mano che si raffredda diminuisce sempre di più la dissipazione di calore verso l'ambiente: in questo caso conviene sicuramente staccare l'alimentazione.
Aggiungo che d'inverno l'appartamento sarà riscaldato artificialmente, consumando energia o metano: il calore dissipato all'interno dell'appartamento è comunque energia che contribuisce al riscaldamento (e che viene convertita in calore con un rendimento del 100%), quindi non è sprecata, a parte il caso di Foto UtenteGiuanniello che ha lo scaldabagno su tetto.

Il risparmio economico può risiedere nel prelevare energia nelle fasce orarie in cui è meno costosa
Avatar utente
Foto UtenteSediciAmpere
3.313 4 5 8
Master
Master
 
Messaggi: 3885
Iscritto il: 31 ott 2013, 15:00

1
voti

[26] Re: Timer per scaldabagno

Messaggioda Foto Utenteedgar » 2 set 2023, 11:36

Giuanniello ha scritto:ho scaldabagno elettrico che ho fatto mettere, al riparo dalle intemperie, sul tetto

Potrebbe essere il caso di aggiungere un collettore solare termico? L'acqua si scalderebbe col sole e dovresti giusto integrare il calore quando necessario
Avatar utente
Foto Utenteedgar
9.535 3 5 8
Master
Master
 
Messaggi: 4954
Iscritto il: 15 set 2012, 22:59

0
voti

[27] Re: Timer per scaldabagno

Messaggioda Foto UtenteKagliostro » 2 set 2023, 14:03

Di questo tempi meglio un pannello fotovoltaico, tra l'altro lo scalda acqua quasi sicuramente sarà del tipo solo elettrico, non avrebbe avuto molto senso metterne uno predisposto per il termoelettrico in soffitta, a meno che non vi siano resti di un vecchissimo impianto di riscaldamento con vasca di espansione nel sottotetto

K
Avatar utente
Foto UtenteKagliostro
4.814 4 5 7
Master
Master
 
Messaggi: 3495
Iscritto il: 19 set 2012, 11:32

1
voti

[28] Re: Timer per scaldabagno

Messaggioda Foto Utentestefanopc » 2 set 2023, 19:37

Sono abbastanza convinto che mettere un timer comporta una riduzione di consumo di energia elettrica.
Di sicuro il consumo non sarà maggiore rispetto a lasciare il boiler sempre acceso.
Ovviamente il risparmio maggiore si avrà portando la temperatura del termostato a 50-55 gradi massimi e facendo accendere il boiler in fascia notturna.
In estate volendo 45 gradi sono già più che sufficienti.
Se la casa avesse un impianto Fv viceversa andrebbe acceso quando l'impianto è in produzione per aumentare l'autoconsumo.
In questo caso non servirebbe un timer ma piuttosto un crepuscolare (evoluto) . :mrgreen:

Ciao
600 Elettra
Avatar utente
Foto Utentestefanopc
9.434 5 8 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 3743
Iscritto il: 4 ago 2020, 9:11

Precedente

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 38 ospiti