Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Ambulatorio dentistico

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentelillo, Foto UtenteMASSIMO-G

0
voti

[11] Re: Ambulatorio dentistico

Messaggioda Foto Utentemarco61 » 23 nov 2011, 22:20

Mike ha scritto:Interessante... non ne capisco il senso però! Perché si prescrive il differenziale A o B per le prese < 32A mentre per tutte le utenze fisse non alimentate tramite presa pur < di 32 A si può installare un differenziale AC? Lo trovo fuori logica! Chiedo lumi a Foto Utente6367 che è un luminare in materia :mrgreen:

Non mi pare che la norma dica cosi.
Per i circuiti che alimentano i circuiti di prese < 32 A si prescrivono i differenziali con Idn massimo 30 mA
Per i restanti circuiti (sempre nella zona paziente) i differenziali possono essere anche > 30 mA.
I differenziali (fino a 30 mA o superiori a seconda del caso) devono essere solo di tipo A o B
Avatar utente
Foto Utentemarco61
540 1 6
Master
Master
 
Messaggi: 482
Iscritto il: 13 feb 2006, 15:17
Località: Lecco

0
voti

[12] Re: Ambulatorio dentistico

Messaggioda Foto Utente6367 » 23 nov 2011, 23:20

Nei locali ad uso medico di gruppo 1 e gruppo 2, dove sono richiesti interruttori differenziali,
devono essere scelti solo quelli di tipo A o di tipo B, in funzione del tipo della possibile
corrente di guasto.


I differenziali che devono essere di tipo A o di tipo B sono quelli "richiesti".
Ne consegue che possono essere di tipo AC solo quelli eventualente installati per mera ridondanza di protezione o per selettività.
Avatar utente
Foto Utente6367
18,6k 5 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6033
Iscritto il: 9 set 2005, 0:00

0
voti

[13] Re: Ambulatorio dentistico

Messaggioda Foto Utenteconsole6 » 27 nov 2011, 19:35

6367 ha scritto:I differenziali che devono essere di tipo A o di tipo B sono quelli "richiesti".
Ne consegue che possono essere di tipo AC solo quelli eventualente installati per mera ridondanza di protezione o per selettività.

Come sempre, nei suoi interventi, chiaro ed efficace
Avatar utente
Foto Utenteconsole6
1.521 1 10 12
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 627
Iscritto il: 15 nov 2011, 13:08

0
voti

[14] Re: Ambulatorio dentistico

Messaggioda Foto Utenteclanis » 28 nov 2011, 10:41

6367 ha scritto:Nei locali ad uso medico di gruppo 1 e gruppo 2, dove sono richiesti interruttori differenziali,
devono essere scelti solo quelli di tipo A o di tipo B, in funzione del tipo della possibile
corrente di guasto.


I differenziali che devono essere di tipo A o di tipo B sono quelli "richiesti".
Ne consegue che possono essere di tipo AC solo quelli eventualente installati per mera ridondanza di protezione o per selettività.


Mi pare che questo rispecchi in pieno il parere del Direttore da me interpellato! E rileggendo la normativa alla luce di questa interpretazione, non credo ci sia nulla da eccepire!

Grazie a tutti!
Avatar utente
Foto Utenteclanis
105 1 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 146
Iscritto il: 18 mar 2009, 18:55

0
voti

[15] Re: Ambulatorio dentistico

Messaggioda Foto Utentezullo » 10 dic 2012, 16:48

mi riaggancio alla discussione, anche se dopo più di un anno, ma visto che l'argomento è quello indicato...

Il alboratorio di un dentista, ove lui e le operatrici preparano materiali e disinfetatno gli strumenti, che si trova tra due sale visita, è coniderato zona 1 e quindi deve essere protetto da interruttori tipo A o può essere protetto da interruttori di tipo AC? Questo lo chiedo un po' in generale, se la zona paziente è quella di un intorno di 1,5 metri, ciò che è fuori da questo intorno può essere protetto da interruttore differenziale di tipo AC?
L'illuminazione, ad esempio, posta a 3 metri da terra, è possibile metterla sotto interruttotre AC?

Grazie mille
Avatar utente
Foto Utentezullo
80 2 6
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 323
Iscritto il: 5 ago 2008, 20:47
Località: Verona

1
voti

[16] Re: Ambulatorio dentistico

Messaggioda Foto Utentealphabit » 10 dic 2012, 20:02

Il laboratorio dove non c'è il paziente non è zona 1 (e se lo è è un errore di chi ha fatto la classificazione) quindi non c'è necessità di interruttori di tipo A.
Per la sala visita classificata zona 1 c'è l'obbligo del differenziale di tipo A per gli apparecchi e le prese.
Il circuito illuminazione che non puo' essere toccato perché a 3 metri non necessita di interruttore di tipo A, ma va benissimo un AC.

Un saluto
Avatar utente
Foto Utentealphabit
425 2 3 5
Expert
Expert
 
Messaggi: 707
Iscritto il: 20 mar 2007, 6:52
Località: Milano

0
voti

[17] Re: Ambulatorio dentistico

Messaggioda Foto Utentezullo » 11 dic 2012, 9:29

ottimo. Ultima richiesta, i mobiletti in metallo presenti nella stanza del gruppo riunito (poltrona) vanno messi obbligatoriamente a terra o, se hanno un'impedenza maggiore di 200 ohm non serve? grazie mille
Avatar utente
Foto Utentezullo
80 2 6
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 323
Iscritto il: 5 ago 2008, 20:47
Località: Verona

1
voti

[18] Re: Ambulatorio dentistico

Messaggioda Foto Utentealphabit » 11 dic 2012, 9:45

Se i mobiletti sono semplici armadi appoggiati sul pavimento non sono masse estranee e non vanno messi a terra. (tra l'altro in questo caso non avranno mai una resistenza minore di 200 ohm).
Potrebbero avere una resistenza minore di 200 ohm se fossero ad esempio incassati nelle pareti ed in qualche modo sono in contatto con un elemento che porta il potenziale di terra (come ad esempio un ferro di armatura od una tubazione metallica nel muro ). In questo caso converrebbe piu' collegare direttamente al nodo equipotenziale (se accessibile) la parte che porta il potenziale di terra (ad esempio una tubazione). Altrimenti (ma è una eventualità rara) se la resistenza è minore di 200 ohm portata da un elemento si puo' collegare al nodo la struttura dei mobiletti.

Un saluto
Avatar utente
Foto Utentealphabit
425 2 3 5
Expert
Expert
 
Messaggi: 707
Iscritto il: 20 mar 2007, 6:52
Località: Milano

0
voti

[19] Re: Ambulatorio dentistico

Messaggioda Foto Utenteconsole6 » 11 dic 2012, 12:01

zullo ha scritto:ottimo. Ultima richiesta, i mobiletti in metallo presenti nella stanza del gruppo riunito (poltrona) vanno messi obbligatoriamente a terra o, se hanno un'impedenza maggiore di 200 ohm non serve? grazie mille

Non sono masse estranee ;-)
Emanuele
Avatar utente
Foto Utenteconsole6
1.521 1 10 12
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 627
Iscritto il: 15 nov 2011, 13:08

Precedente

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 15 ospiti