Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Il paradosso della botte di Pascal

Problemi curiosi e quiz vari.

Moderatore: Foto Utentecarlomariamanenti

0
voti

[21] Re: Paradossi

Messaggioda Foto Utentemarco438 » 10 gen 2012, 17:52

A me, quello che e' piaciuto di piu' e' l'espressione :" animali a sangue liquido".
(:OO:)
marco
Avatar utente
Foto Utentemarco438
36,9k 7 11 13
-EY Legend-
-EY Legend-
 
Messaggi: 16328
Iscritto il: 24 mar 2010, 15:09
Località: Versilia

0
voti

[22] Re: Paradossi

Messaggioda Foto Utentealev » 10 gen 2012, 18:05

Devo dire che l'espressione sangue liquido mi aveva fatto chiedere: ma, perché esistono animali con sangue in polvere :shock: :?:
Magari da qualche parte nell'universo :mrgreen:
Avatar utente
Foto Utentealev
4.160 2 8 12
free expert
 
Messaggi: 4140
Iscritto il: 19 lug 2010, 14:38
Località: Altrove

0
voti

[23] Re: Paradossi

Messaggioda Foto Utentepalliit » 10 gen 2012, 19:50

Mi riferivo al fatto in un uomo in posizione eretta la pressione del sangue va aumentando dalla testa verso i piedi per motivi strettamente idrostatici, la pressione dell'ambiente circostante non c'entra, tant'è vero che disturbi circolatori legati ad eccesso di pressione sanguigna riguardano principalmente le parti basse (tipo vene varicose e altre cose anche più fastidiose); questo è il motivo per cui la pressione viene convenzionalmente misurata in modo che il punto di repere si trovi all'altezza del cuore, proprio per evitare distorsioni del valore legate a differente "quota"; se per un uomo di media altezza la differenza è di circa 18 kPa tra testa e piedi, il problema per una giraffa è ben più consistente.... comunque ha una valvola che limita il flusso carotideo proprio per evitare di stramazzare.
In effetti sulla possibilità di animali a sangue non liquido non ci ho mica pensato, mi è uscita così :lol:
Avatar utente
Foto Utentepalliit
370 2 3
Expert
Expert
 
Messaggi: 94
Iscritto il: 10 dic 2011, 18:53

0
voti

[24] Re: Paradossi

Messaggioda Foto UtenteRobert8 » 10 gen 2012, 20:17

In un sistema chiuso (la giraffa non ha un tubo comunicante con l'esterno come il barile) la legge di Stevino non c'entra più nulla: la pressione interna è uguale in tutti i punti del sistema indipendentemente dall'altezza.

Una variazione di pressione, in un animale, è determinata, penso, dall'attività del cuore per consentire la circolazione e dipende solo dalla distanza, indifferentemente verticale o orizzontale, dal cuore.
Ma stiamo parlando di una frazione centesimale della pressione complessiva.
Per esempio nell'uomo si passa da 80 a 120 mmHg in media con una variazione di 40 mmHg su un totale di 860 mmHg pari al 4,6%

Un'altra variazione, credo comunque di ordine centesimale, può avvenire per inerzia della massa sanguigna rispetto al corpo, dovuta a bruschi spostamenti come si prova, a volte, quando da accovacciati ci si alza di colpo provocando una visione offuscata.
Il fenomeno è noto ai piloti di aereo acrobatico o militare come visione nera quando sono sottoposti a forti accelerazioni dai piedi verso la testa, dove il sangue defluisce dal capo, in contrapposizione alla visione rossa, quando l'accelerazione ha verso contrario dalla testa ai piedi ed il sangue si addensa nel capo.
Avatar utente
Foto UtenteRobert8
3.449 2 8 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 370
Iscritto il: 15 giu 2011, 16:30

0
voti

[25] Re: Paradossi

Messaggioda Foto Utentepalliit » 10 gen 2012, 20:44

Robert8 ha scritto:In un sistema chiuso (la giraffa non ha un tubo comunicante con l'esterno come il barile) la legge di Stevino non c'entra più nulla

La pressione idrostatica dipende solo dal peso della colonna fluida sovrastante, non dal fatto che il sistema sia chiuso o aperto: sulla base di un recipiente pieno di liquido questo pesa, e quindi produce un aumento di pressione, indipendentemente dal fatto che il recipiente sia aperto o chiuso.
Le variazioni (quelle tipicamente legate alle espressioni "pressione massima" e "minima") sono un effetto puramente dinamico, legate alla diversa velocità - e quindi pressione - che il sangue ha nelle fasi di contrazione e di spinta del cuore (diastole e sistole), ma dipendono appunto solo dalla velocità del sangue e non dall'altezza, rispetto al punto più basso, a cui si trova il vaso.
Ultima modifica di Foto Utentepalliit il 10 gen 2012, 21:04, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Foto Utentepalliit
370 2 3
Expert
Expert
 
Messaggi: 94
Iscritto il: 10 dic 2011, 18:53

0
voti

[26] Re: Paradossi

Messaggioda Foto Utentealev » 10 gen 2012, 20:54

Comunque, negli animali, bisogna tenere in considerazione che le pareti del contenitore del liquido (ossia le vene e le arterie) sono tutt'altro che rigide, anzi, la loro elasticità è fattore determinante per la corretta funzionalità di tutto il sistema circolatorio che, non dimentichiamolo, ha lo scopo principale di trasporto dell'ossigeno agli organi ed ai tessuti.
Avatar utente
Foto Utentealev
4.160 2 8 12
free expert
 
Messaggi: 4140
Iscritto il: 19 lug 2010, 14:38
Località: Altrove

0
voti

[27] Re: Paradossi

Messaggioda Foto Utenteclavicordo » 10 gen 2012, 21:21

Un'espressione formidabile, una sfida audace a tutte le classificazioni biologiche. Linneo certo esulterebbe! :ok: =D>
"Ogni cosa va resa il più possibile semplice, ma non ANCORA più semplice" (A. Einstein)
Avatar utente
Foto Utenteclavicordo
14,5k 4 11 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 915
Iscritto il: 4 mar 2011, 14:10
Località: Roma

0
voti

[28] Re: Paradossi

Messaggioda Foto Utentealev » 10 gen 2012, 21:29

clavicordo ha scritto:una sfida audace a tutte le classificazioni biologiche

Il sangue liquido :?:
Avatar utente
Foto Utentealev
4.160 2 8 12
free expert
 
Messaggi: 4140
Iscritto il: 19 lug 2010, 14:38
Località: Altrove

0
voti

[29] Re: Paradossi

Messaggioda Foto UtenteRobert8 » 11 gen 2012, 1:35

Non metterei la mano sul fuoco ma:

1) La legge di Stevino è valida per contenitori di liquido a pelo libero, a contatto con l'aria.
2) Per contenitori chiusi, sigillati vale il principio di Pascal:
una pressione esercitata su un liquido si trasmette, senza variare di intensità, in tutte le direzioni.
Avatar utente
Foto UtenteRobert8
3.449 2 8 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 370
Iscritto il: 15 giu 2011, 16:30

1
voti

[30] Re: Paradossi

Messaggioda Foto Utentepalliit » 11 gen 2012, 8:09

Se la legge di Stevin valesse solo per recipienti aperti allora il barometro a mercurio di Torricelli (la provetta lunga almeno 760 mm, il cui fondo chiuso diventa un coperchio sigillato nel momento in cui viene capovolta) sarebbe inutile. Il principio di Pascal prescinde dalla forza gravitazionale sui fluidi; va riferito a punti che si trovino alla medesima quota, o a variazioni di pressione che si propagano in tutti i punti del fluido, come nei comuni impianti frenanti a trasmissione idraulica.
Una semplice verifica casalinga: si prende un palloncino di gomma, lo si riempie d'acqua e lo si chiude con un nodo (come quando da ragazzi si facevano i gavettoni... ;-) ): comunque lo si tenga o lo si appoggi si vede chiaramente, dalla tensione della gomma nei diversi punti, che la pressione è maggiore in basso e minore in cima, in accordo con Stevin; e che comunque premendo con un dito in un punto qualunque della superficie del palloncino questo tende ad espandersi omogeneamente in tutte e direzioni, in accordo con Pascal.
Avatar utente
Foto Utentepalliit
370 2 3
Expert
Expert
 
Messaggi: 94
Iscritto il: 10 dic 2011, 18:53

PrecedenteProssimo

Torna a Ah, ci sono!

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti