Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

canon remote shooter

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteBrunoValente, Foto Utentecarloc, Foto UtenteDirtyDeeds, Foto UtenteIsidoroKZ

1
voti

[1] canon remote shooter

Messaggioda Foto Utentesteeveone » 29 feb 2012, 18:10

Ciao a tutti!
Visto che ho trovato il protocollo IR in rete, sto "progettando" un telecomando per fotocamere canon.
Ho fatto un disegnino, mi aiutate a correggerlo, dimensionarlo, eccetera?



Il micro farebbe questo lavoro:
- alla pressione del tasto esce dallo stato di sleep (tramite interrupt)
- fa "lampeggiare" a 38Khz il led per 16 volte
- si ferma per 7200uS
- fa "lampeggiare" a 38Khz il led per 16 volte
- se ne torna in sleep (per cui ferma l'esecuzione del programma)

I miei dubbi sono soprattutto sul transistior...
Innanzi tutto non so se così disengato funziona e come...
In realtà mi piacerebbe un sistema che indifferentemente dalla tensione di alimentazione faccia scorrere (diciamo) 60mA sul led, in modo che man mano che la cella si scarica il led si illumini sempre con la stessa intensità, in questo modo finché la cella è sopra la tensione di soglia del led (ipotizziamo 2V), il circuito funzionerebbe a dovere.
E dovrebbe anche avere consumi tendenti allo 0 "a riposo" :D
Esiste qualcosa del genere?

L'altro dubbio è sul condensatore di disaccoppiamento del micro, è necessario inserirlo anche se è alimentato a batteria?

E poi lo switch... L'anti-rimbalzo va bene fatto in quel modo, ovvero una resistenza (che farebbe anche da pull-up) e un condensatore? Come determino i valori di R e C?

La scelta del micro è data dal fatto che ho a casa un programmatore per AVR e che gcc è open source :D

Commenti, consigli, insulti, "va che se lo compri già fatto spendi meno" (lo so), ditemi voi!!
Avatar utente
Foto Utentesteeveone
30 4
New entry
New entry
 
Messaggi: 69
Iscritto il: 13 mag 2011, 1:11

3
voti

[2] Re: canon remote shooter

Messaggioda Foto Utentedavidde » 29 feb 2012, 21:40

Ciao,

per quanto riguarda il condensatore di disaccoppiamento io lo monterei da 100nF il più vicino possibile ai pin di alimentazione. Potresti anche provare a non metterlo, visto che il circuito rimarrebbe comunque molto compatto ma non so che effettivi vantaggi potresti ottenere.

Per l'antirimbalzo potresti provare a farlo software così ti risparmieresti lo spazio dei componenti. Nella routine di interrupt (quella relativa all'uscita dallo sleep) metti una pausa di circa 10ms e poi torni a testare il pin, se lo trovi allo stesso livello logico procedi con l'accensione del led IR altrimenti fai ritornare il micro in sleep. Se invece lo vuoi fare hardware io aggiungerei una resistenza in serie all'interruttore in modo che la scarica del condensatore non sia immediata. Come costante di tempo dovrebbero bastare 10ms per eliminare tutti i rimbalzi.

Intendo una cosa del genere:



Come transistor io monterei un BJT tipo il BC548 che è facilmente reperibile. Fare in modo che la corrente rimanga costante non è una cosa semplicissima e a meno di non utilizzare componenti aggiuntivi la vedo dura. Con una sola resistenza ovviamente non puoi farlo, ti servirebbe una resistenza in serie al led che funzioni da shunt e poi un operazionale che possa leggere la caduta di tensione sulla resistenza e pilotare la base del transistor in modo da far variare la resistenza tra collettore e emettitore per fissare la corrente al valore voluto.
Inoltre tirare dei picchi da 60mA a una batteria CR2032 non è una buona idea, quelle batterie non sono fatte per correnti così elevate, nel momento in cui vai a chiedergli 60mA si siede e ti ritrovi una tensione ai morsetti ben più bassa dei 3V anche a batteria nuova. Se dai uno sguardo al datasheet vedi che già con un carico da 100ohm hai un notevole sbalzo che peggiora man mano che la batteria si scarica.
Fossi in te non supererei i 10-15mA e semplificherei la parte di potenza utilizzando una semplice resistenza in serie al led. Così:



Farei poi qualche prova per valutare se lo scaricarsi della batteria sia troppo influente sulla distanza di ricezione ed eventualmente in un secondo tempo rivaluterei il driver per alimentare il led a corrente costante.
Avatar utente
Foto Utentedavidde
12,8k 4 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3885
Iscritto il: 2 ago 2007, 11:40
Località: Bologna

6
voti

[3] Re: canon remote shooter

Messaggioda Foto Utentecarloc » 29 feb 2012, 22:29

...in genere i telecomandi usano una configurazione del genere....


il LED viene praticamente alimentato dal condensatore che fornisce i picchi necessari, anche se la batteria non ci fosse la tensione sul condensatore calerebbe solo poche centinaia di mV durante la trasmissione dei "pacchetti"... questi "pacchetti" son poi "rari" e la batteria fornisce solo la corrente media, senza stress....

P.S. i valori sono un po' "ad occhio"... se hai il modello preciso del LED si fanno due conti...
Se ti serve il valore di beta: hai sbagliato il progetto!
Avatar utente
Foto Utentecarloc
33,1k 5 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2118
Iscritto il: 7 set 2010, 19:23

4
voti

[4] Re: canon remote shooter

Messaggioda Foto UtenteIsidoroKZ » 1 mar 2012, 0:14

Forse ce la si fa a farlo, anche con una CR2032. Gli impulsi sono molto brevi e distanziati nel tempo, e quindi si puo` alimentare il led con un condensatore. Probabilmente, sfruttando il fatto che la caduta di tensione sui led IR non e` tanto elevata, si riesce anche a stabilizzare la corrente, ma solo se la tensione di batteria non scende troppo: si puo` provare con il circuito di Foto Utenteginfizz, qualcosa del genere, ma appena la batteria si scarica un po' potrebbe avere dei problemi ad accendere,



oppure un operazionale rail-to-rail da 3V, transistore e resistenza da 1.8ohm di sensing.
Per usare proficuamente un simulatore, bisogna sapere molta più elettronica di lui
Plug it in - it works better!
Il 555 sta all'elettronica come Arduino all'informatica! (entrambi loro malgrado)
Se volete risposte rispondete a tutte le mie domande
Avatar utente
Foto UtenteIsidoroKZ
103,9k 1 3 8
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 18466
Iscritto il: 17 ott 2009, 0:00

1
voti

[5] Re: canon remote shooter

Messaggioda Foto Utentedavidde » 1 mar 2012, 9:56

carloc ha scritto:...in genere i telecomandi usano una configurazione del genere....


Ecco la soluzione :-) , mi sa che dovrò rivedere alcuni dei miei telecomandi ;-) ... Grazie per la dritta!!
Avatar utente
Foto Utentedavidde
12,8k 4 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3885
Iscritto il: 2 ago 2007, 11:40
Località: Bologna

1
voti

[6] Re: canon remote shooter

Messaggioda Foto Utentesteeveone » 1 mar 2012, 13:07

:shock:

siete fantastici!

Quindi, la parte sicura del circuito:



Per pilotare il led, la soluzione di carloc mi sembra la più veloce.
Sul circuito di ginfizz, ipotizzando una tensione di soglia di 1.5V, la cella reggerebbe fino a 2.75V, corretto?
Con la soluzione che hai accennato,operazionale + transistor, si potrebbe fare di meglio?
E il circuito sembrerebbe qualcosa del genere ?



L'ho spudoratamente copiato da http://www.allaboutcircuits.com/worksheets/opamp7.html
Avatar utente
Foto Utentesteeveone
30 4
New entry
New entry
 
Messaggi: 69
Iscritto il: 13 mag 2011, 1:11

0
voti

[7] Re: canon remote shooter

Messaggioda Foto Utentesteeveone » 1 mar 2012, 14:23

Stavo pensando...
Se invece di mettere il micro in sleep gli tagliassi direttamente l'alimentazione?

Qualcosa di questo tipo:




Senza un loop nel programma, potrebbe funzionare, o dovrei resettare il micro ad ogni accensione?

- edit -
Anche se così disegnato mi sa che non funziona in ogni caso... resistenza in serie da 10 Ohm e condensatore da 1mF?
Avatar utente
Foto Utentesteeveone
30 4
New entry
New entry
 
Messaggi: 69
Iscritto il: 13 mag 2011, 1:11

2
voti

[8] Re: canon remote shooter

Messaggioda Foto Utentedavidde » 2 mar 2012, 20:43

Ciao,

il primo circuito che hai disegnato mi sembra a posto.

steeveone ha scritto:Sul circuito di ginfizz, ipotizzando una tensione di soglia di 1.5 V, la cella reggerebbe fino a 2.75V, corretto?


In che senso, secondo che considerazioni ?

steeveone ha scritto:Con la soluzione che hai accennato,operazionale + transistor, si potrebbe fare di meglio?E il circuito sembrerebbe qualcosa del genere ?


Si il circuito è quello, se vuoi poter regolare l'assorbimento del led potresti anche aggiungere un trimmer montandolo in modo che il cursore sia collegato all'ingresso non invertente, così:



Tieni però conto che anche l'operazionale ha il suo assorbimento.

steeveone ha scritto:Se invece di mettere il micro in sleep gli tagliassi direttamente l'alimentazione?


A me l'idea non dispiace, tanto il microcontrollore impiegherebbe pochissimo tempo per accendersi e non te ne renderesti nemmeno conto.
Avatar utente
Foto Utentedavidde
12,8k 4 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3885
Iscritto il: 2 ago 2007, 11:40
Località: Bologna

0
voti

[9] Re: canon remote shooter

Messaggioda Foto UtenteIsidoroKZ » 3 mar 2012, 1:43

steeveone ha scritto:E il circuito sembrerebbe qualcosa del genere ?

Quasi: uno zener ha bisogno di troppa tensione, direi di fare qualcosa del genere, il circuito di destra va decisamente molto meglio



Probabilmente ci sono operazionali che consumano meno, bisogna guardare fra i micropower.

Il micro non lo si spegne, lo si mette in sleep mode.
Per usare proficuamente un simulatore, bisogna sapere molta più elettronica di lui
Plug it in - it works better!
Il 555 sta all'elettronica come Arduino all'informatica! (entrambi loro malgrado)
Se volete risposte rispondete a tutte le mie domande
Avatar utente
Foto UtenteIsidoroKZ
103,9k 1 3 8
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 18466
Iscritto il: 17 ott 2009, 0:00

0
voti

[10] Re: canon remote shooter

Messaggioda Foto UtenteIsidoroKZ » 3 mar 2012, 12:12

Aggiornamento: l'operazionale meglio sia MCP603 (o equivalente): consuma di meno e puo` essere spento.

Quando il micro va in sleep mode, mantiene le uscite al livello logico che avevano prima dello sleep oppure vanno in alta impedenza?
Per usare proficuamente un simulatore, bisogna sapere molta più elettronica di lui
Plug it in - it works better!
Il 555 sta all'elettronica come Arduino all'informatica! (entrambi loro malgrado)
Se volete risposte rispondete a tutte le mie domande
Avatar utente
Foto UtenteIsidoroKZ
103,9k 1 3 8
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 18466
Iscritto il: 17 ott 2009, 0:00

Prossimo

Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 36 ospiti