Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Quadri sottocontatori

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago, Foto UtenteMike

0
voti

[1] Quadri sottocontatori

Messaggioda Foto Utentethekant » 13 lug 2012, 13:35

Salve, torno su un argomento su cui ho già fatto richieste, ma devo fare una serie di quadri sottocontatori, vorrei essere sicuro di poterli dichiarare a doppio isolamento e vorrei sapere se posso rinunciare a qualche accessorio.
I quadri sottocontatori secondo me sono pieni di insidie “normative” ed in giro se ne vedono di tutti i colori.
Vorrei rinunciare da subito alla facoltà di poterli non considerare dei quadri perché il più delle volte contengono un solo apparecchio, è una scusa che non vale sempre.

Parto con la descrizione sommaria dei quadri in questione:
I quadri in sono delle classiche casse in vetroresina con all’interno un interruttore scatolato dotato di blocco differenziale, apparecchi vari per il circuito di sgancio e scaricatori in composizione 3+1 protetti da fusibili e derivati a monte dell’interruttore generale.
Il quadro è dotato di porta con la classica serratura apribile con la chiave a triangolo e controporta, non c’è un interblocco tra l’apparecchio generale e le porte.
Sulla cassa è inciso il simbolo della classe II
Alla cassa arrivano tubazioni metalliche con all’interno cavi unipolari con guaina e conduttori per l’impianto di terra a semplice isolamento.
Il cablaggio interno è realizzato con fili N07-K.
Il grado di protezione esterno è IP65 mentre interno è IP2X.
La morsettiera di terra interna è isolata.
L’interruttore generale è dotato di coprimorsetti inoltre sia all’ingresso che in uscita, monto degli schermi isolanti tra i morsetti e la piastra di fondo che è di metallo (condizione irrinunciabile perché la piastra di fondo in materiale isolante è poco pratica), presumo di non doverla mettere a terra.

Chiedo per l’aspetto del doppio isolamento:
1) Mi devo preoccupare della possibilità che i collegamenti del complesso scaricatori possano andare a toccare la piastra di fondo? (es si rovina l’isolamento) Sono a monte del differenziale ma la piastra non è collegata a terra.
2) A parte aumentare la sicurezza, non c’è nessun motivo per eseguire in cl. II anche i collegamenti degli scaricatori giusto?
3) Tutto ciò varrebbe anche se entrassi con un cavo multipolare e lo sguainassi prima di arrivare ai morsetti? (e ammesso che i cavi i ingresso non siano a doppio isolamento ma i derivati?)
4) Potrei nel mio caso rinunciare agli schermi isolanti sotto i morsetti?
5) Potrei evitare di utilizzare una morsettiera di terra isolata e semplicemente non dichiarare il quadro in cl.II (sebbene sia stampigliato sulla carpenteria) o dovrei preoccuparmi in maniera diversa dei collegamenti del complesso scaricatori che sono a monte del differenziale?

Chiedo per l’aspetto di accessibilità al quadro
6) La chiavetta a triangolo posso considerala “attrezzo”?
7) Potrei rinunciare alla controporta? Nel mio caso si presumo…ma, punto seguente:
8) Ma se non avessi il grado interno IPXXB basterebbe comunque la chiavetta a triangolo per rinunciare alla controporta?
9) E’ corretto o no lasciare una chiavetta in prossimità del quadro? se scatta l’interruttore generale, chi lo ripristinerà sarà sicuramente una persona qualunque e ne avrà bisogno e, in tal caso, punto seguente:
10) Dovrei per forza mettere una controporta se all’interno non fossi IPXXB?

Chiedo per l’aspetto grado di protezione
11) Il problema della condensa interna è rilevante, che piaccia o no il fondo dei quadri va spesso forato altrimenti diventa una specie di damigiana! Come ci si comporta in questi casi? Ovviamente il grado di protezione non è più IP65 ma non si sa neanche come dichiararlo…c’è la possibilità di fare una foratura minima prestabilita per poter stabilire un altro grado IP minore?

Saluti

Allego bozza "riepilogativa"
quadro sottocontatore.JPG
quadro sottocontatore.JPG (17.04 KiB) Osservato 2747 volte
Ultima modifica di Foto Utentemir il 16 lug 2012, 17:50, modificato 1 volta in totale.
Motivazione: ridimensionamento dell'immagine.
Avatar utente
Foto Utentethekant
105 1 3 6
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 572
Iscritto il: 5 set 2009, 12:20

0
voti

[2] Re: Quadri sottocontatori

Messaggioda Foto UtenteDanielex » 13 lug 2012, 14:03

prima di rispondere a tutte le altre domande, perché ti interessa la classe II se all'interno del quadro monti un differenziale?
Avatar utente
Foto UtenteDanielex
2.564 3 4 8
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2231
Iscritto il: 21 feb 2008, 18:18

1
voti

[3] Re: Quadri sottocontatori

Messaggioda Foto UtenteMike » 13 lug 2012, 14:20

thekant ha scritto:Chiedo per l’aspetto del doppio isolamento:
1) Mi devo preoccupare della possibilità che i collegamenti del complesso scaricatori possano andare a toccare la piastra di fondo? (es si rovina l’isolamento) Sono a monte del differenziale ma la piastra non è collegata a terra.


L'accesso alla piastra di fondo può avvenire in condizioni ordinarie? Non credo, per toccare la piastra di fondo devi aprire il quadro e accedere ai componenti per cui hai le stesse problematiche che avresti quando apri l'involucro di un elettrodomestico lasciandolo collegato alla presa a spina... Il rischio maggiore riguarda solamente la linea a monte dell'interruttore che se opportunamente realizzata lo rende tendente a zero.

thekant ha scritto:2) A parte aumentare la sicurezza, non c’è nessun motivo per eseguire in cl. II anche i collegamenti degli scaricatori giusto?


Non aumenteresti la sicurezza, quella è sempre garantita dall'involucro, il problema tuo è un altro... se gli scaricatori sono varistori NON sono protetti dai contatti indiretti per cui devi metterli a valle del differenziale.

thekant ha scritto:3) Tutto ciò varrebbe anche se entrassi con un cavo multipolare e lo sguainassi prima di arrivare ai morsetti? (e ammesso che i cavi i ingresso non siano a doppio isolamento ma i derivati?)


Cambia nulla

thekant ha scritto:4) Potrei nel mio caso rinunciare agli schermi isolanti sotto i morsetti?


A valle sì.

thekant ha scritto:5) Potrei evitare di utilizzare una morsettiera di terra isolata e semplicemente non dichiarare il quadro in cl.II (sebbene sia stampigliato sulla carpenteria) o dovrei preoccuparmi in maniera diversa dei collegamenti del complesso scaricatori che sono a monte del differenziale?


Questa non la capisco... Tu non dichiari nulla, è il costruttore che deve dichiarare se l'involucro è a doppio isolamento.

thekant ha scritto:Chiedo per l’aspetto di accessibilità al quadro
6) La chiavetta a triangolo posso considerala “attrezzo”?


No, è un serratura.

thekant ha scritto:7) Potrei rinunciare alla controporta? Nel mio caso si presumo…ma, punto seguente:
8) Ma se non avessi il grado interno IPXXB basterebbe comunque la chiavetta a triangolo per rinunciare alla controporta?


Si, accompagnato anche da un cartello di pericolo e divieto di accesso.

thekant ha scritto:9) E’ corretto o no lasciare una chiavetta in prossimità del quadro? se scatta l’interruttore generale, chi lo ripristinerà sarà sicuramente una persona qualunque e ne avrà bisogno e, in tal caso, punto seguente:


Questi sono aspetti gestionali e sarà responsabile chi gestisce, se si lascia la chiave sopra chiunque può accedervi.

thekant ha scritto:10) Dovrei per forza mettere una controporta se all’interno non fossi IPXXB?


Si, devo garantire la protezione dai contatti diretti di chi può manovrare i dispositivi presenti nel quadro.

thekant ha scritto:Chiedo per l’aspetto grado di protezione
11) Il problema della condensa interna è rilevante, che piaccia o no il fondo dei quadri va spesso forato altrimenti diventa una specie di damigiana! Come ci si comporta in questi casi? Ovviamente il grado di protezione non è più IP65 ma non si sa neanche come dichiararlo…c’è la possibilità di fare una foratura minima prestabilita per poter stabilire un altro grado IP minore?


Se non ci sono prescrizioni particolari che richiedano il grado di protezione IP65 si può forare il quadro non garantendo più le condizioni indicate dal costruttore.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,1k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14111
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[4] Re: Quadri sottocontatori

Messaggioda Foto Utentethekant » 16 lug 2012, 10:07

Intanto grazie Mika, ho avuto solo oggi possibilità di vedere la risposta, spero di leggerla con calma in giornata, ciao
Avatar utente
Foto Utentethekant
105 1 3 6
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 572
Iscritto il: 5 set 2009, 12:20

0
voti

[5] Re: Quadri sottocontatori

Messaggioda Foto Utentemarco61 » 16 lug 2012, 10:59

Mike ha scritto:il problema tuo è un altro... se gli scaricatori sono varistori NON sono protetti dai contatti indiretti per cui devi metterli a valle del differenziale.


se sono collegati
thekant ha scritto:scaricatori in composizione 3+1 protetti da fusibili


è ammesso il loro collegamento a monte del differenziale
Avatar utente
Foto Utentemarco61
535 1 6
Master
Master
 
Messaggi: 479
Iscritto il: 13 feb 2006, 15:17
Località: Lecco

1
voti

[6] Re: Quadri sottocontatori

Messaggioda Foto UtenteMike » 16 lug 2012, 11:58

marco61 ha scritto:è ammesso il loro collegamento a monte del differenziale


Sole se sono del tipo 3F a varistori con neutro spinterometrico.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,1k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14111
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[7] Re: Quadri sottocontatori

Messaggioda Foto Utentemarco61 » 16 lug 2012, 12:15

La configurazione 3+1 (da catalogo DEHN) è con tre scaricatori a varistore sulle fasi e lo spinterometrico sul neutro
Avatar utente
Foto Utentemarco61
535 1 6
Master
Master
 
Messaggi: 479
Iscritto il: 13 feb 2006, 15:17
Località: Lecco

0
voti

[8] Re: Quadri sottocontatori

Messaggioda Foto UtenteMike » 16 lug 2012, 12:16

marco61 ha scritto:La configurazione 3+1 (da catalogo DEHN) è con tre scaricatori a varistore sulle fasi e lo spinterometrico sul neutro


:ok:
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,1k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14111
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

4
voti

[9] Re: Quadri sottocontatori

Messaggioda Foto Utentemir » 16 lug 2012, 12:57

..il consiglio di utilizzare fidocadj anche per i disegni è sempre valido.. ;-)
Avatar utente
Foto Utentemir
57,3k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 19528
Iscritto il: 19 ago 2004, 21:10

0
voti

[10] Re: Quadri sottocontatori

Messaggioda Foto Utentemarco61 » 16 lug 2012, 13:30

Un dubbio che mi viene guardando lo schema è sulla protezione dai contatti indiretti sul circuito di sgancio se l'alimentazione è prelevata a monte del differenziale (cordine unipolari senza guaina e poi......)
Avatar utente
Foto Utentemarco61
535 1 6
Master
Master
 
Messaggi: 479
Iscritto il: 13 feb 2006, 15:17
Località: Lecco

Prossimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 58 ospiti