Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

impianto elettrico di un bar

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentelillo, Foto UtenteMASSIMO-G

1
voti

[11] Re: impianto elettrico di un bar

Messaggioda Foto UtenteMike » 4 ott 2012, 17:44

laurent ha scritto:Grazie
ragazzi, sono sorpreso dalla mole di informazioni che mi arrivano.
perché l'evento del corto dovrebbe ritenersi una remota possibilità.
Il corto è l'incubo che affolla i miei incubi di progettista!

:D


Un corto circuito è effettivamente un evento remoto, in un sistema TT, salvo eccezioni, non ha molto senso preoccuparsi della selettività per cortocircuito anche perché il più delle volte si lavora per affiliazione (back-up).
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,6k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14212
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

1
voti

[12] Re: impianto elettrico di un bar

Messaggioda Foto UtenteMike » 4 ott 2012, 17:45

laurent ha scritto:Salve di nuovo...
e dimenticavo ...da un punto di vista "burocratico" delle carte progettuali ...riportare una "fotografia" più che del "costruito" del "lasciato stare dal tecnico installatore" non potrebbe rappresentare per chi se ne intende una bestialità progettuale appunto- dovrei presentare una mia prima versione progettuale ed una as built contemporaneamente ? O magari allego una relazioncina tecnica con alcune delucidazioni...e non rischierei di "danneggiare" l'installatore che realizza un impianto in qualche punto non conforme?

grazie


Di cosa sei incaricato? Della progettazione? Che livello? Preliminare? Definitivo? Esecutivo? Hai anche la DLL? L'assistenza al collaudo? Che appalto è stato fatto con l'installatore?
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,6k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14212
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[13] Re: impianto elettrico di un bar

Messaggioda Foto Utentelaurent » 4 ott 2012, 17:50

Ciao
progettazione esecutiva, no ddl né assistenza collaudo.
Avatar utente
Foto Utentelaurent
3 2
 
Messaggi: 8
Iscritto il: 4 ott 2012, 12:50

1
voti

[14] Re: impianto elettrico di un bar

Messaggioda Foto UtenteMike » 4 ott 2012, 18:08

laurent ha scritto:Ciao
progettazione esecutiva, no ddl né assistenza collaudo.


Quindi hai elaborato la progettazione esecutiva, stop, il tuo incarico è terminato. L'installatore può fare modifiche NON sostanziali, ovviamente autorizzate da qualcuno e alleghera alla DICO il tuo progetto e lo schema di impianto realizzato con descritte le modifiche apportate. Se invece ci sono modifiche sostanziale, prima di farle DEVE chiedere l'autorizzazione al progettista, il quale integrerà il progetto originale.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,6k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14212
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[15] Re: impianto elettrico di un bar

Messaggioda Foto Utentestudiocampo » 5 ott 2012, 9:48

63A a monte con un 80A a valle possono sicuraemnte stare assieme.
Non ti fare falsi problemi.
Pensa piuttosto alla protezioen dei contatti indiretti che sia coordinata.
Avatar utente
Foto Utentestudiocampo
20 1 2 5
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 358
Iscritto il: 4 dic 2006, 15:22

0
voti

[16] Re: impianto elettrico di un bar

Messaggioda Foto Utentemarco76 » 5 ott 2012, 11:49

se hai un TT, metti un differenziale e sei a posto anche per contatti indiretti (ovviamente verifica che la somma delle resistenze sia minore/uguale a 50/Id)
Avatar utente
Foto Utentemarco76
1.218 2 5
Expert
Expert
 
Messaggi: 939
Iscritto il: 26 lug 2012, 12:34

0
voti

[17] Re: impianto elettrico di un bar

Messaggioda Foto UtenteSerafino » 5 ott 2012, 12:04

Avevo capito esattamente il contrario di come stanno le cose.. sorry
Avatar utente
Foto UtenteSerafino
2.620 1 2 4
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 1039
Iscritto il: 19 gen 2007, 19:39

0
voti

[18] Re: impianto elettrico di un bar

Messaggioda Foto Utenteelettro » 5 ott 2012, 17:40

" Immagino si tratti di un vecchio Bar, ormai vetusto in fase di aggiornamento, con l'impianto da mettere in ordine ed eseguito maldestramente da tanti installatori in modo superficiale... con MT scelti a caso ""

Non è un caso complesso...è uno standard ...un classico piccolo bar...

Con 15Kw (15kW+10%) di fornitura elettrica in trifase abbiamo una corrente massima o media assorbita per fase di 25A...

Il GE enel monta un tera-polare D63 a controllo/sgancio intenzionale elettronico.

La fornitura ha un montante in tubo passante Esterno/muro con cavo FG7 3x16mm2 + 1 conduttore PE a parte che sarà in altra conduttura...spero..!! con tratta non superiore a 3 metri o +/- ...


Soluzione 1 : Magneto-termico D40 entro carpenteria a II isolamento a protezione del breve tratto di montante, poi, al quadro generale del locale, interruttore di manovra - tipo sezionatore - ben serigrafato come tale, che serve tutte le utenze singole, protette univocamente con protezioni singole Magneto-termiche/differenziali.

Soluzione 2 : GE esterno - conduttura montante a II isolamento con cavo FG7 - 3x16mm2 , quadro interno generale con magneto-termico D40 che serve la varie utenze protette singolarmente


Ho postato la soluzione con l'ipotesi della protezione alla conduttura montante in virtù del fatto che, in alcuni casi, i verificatori ASL come CTU, in sede di eventuale verifica, vogliono vedere adottata la protezione linea montante in ogni caso, con il sezionatore puro entro il quadro generale.L'installatore esperto, conosce il "padrone" e sa dove legare il "bue"...onde evitare assurde disquisizioni tecnico-scientifiche su queste argomentazioni, tagliano corto ed adottano la soluzione che ho postato...

Con 25A x fase è ottimale anche un MT D32....

Parliamo comunque di problemi della serie "lana caprina"...come direbbe MIKE..
Avatar utente
Foto Utenteelettro
903 3 5 9
Expert
Expert
 
Messaggi: 2775
Iscritto il: 9 mar 2005, 19:23

0
voti

[19] Re: impianto elettrico di un bar

Messaggioda Foto Utenteattilio » 5 ott 2012, 18:02

elettro ha scritto:Con 25A x fase è ottimale anche un MT D32....

Che tuttavia sarebbe poco logico vista la linea in FG7 da 16 mm².

Soluzione 1 : [..]


Soluzione 2 : [..]


Soluzione 3: Lasciare tutto così com' è attualmente.
Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera


Salvatore Quasimodo
Avatar utente
Foto Utenteattilio
58,0k 8 12 13
free expert
 
Messaggi: 8501
Iscritto il: 21 gen 2007, 14:34

0
voti

[20] Re: impianto elettrico di un bar

Messaggioda Foto Utenteelettro » 5 ott 2012, 20:49

"Che tuttavia sarebbe poco logico vista la linea in FG7 da 16 mm²."

Beh...ormai il cavo è lì, in fondo sono 3 metri....
Avatar utente
Foto Utenteelettro
903 3 5 9
Expert
Expert
 
Messaggi: 2775
Iscritto il: 9 mar 2005, 19:23

PrecedenteProssimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 14 ospiti