Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Complesso trifase

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentelillo

1
voti

[21] Re: Complesso trifase

Messaggioda Foto UtenteMASSIMO-G » 7 ott 2012, 12:25

Solo un appunto per quanto scrivevi nel post precedente. L'accesso dell'Enel è relativo alla sua parte in ricezione (vano misure e parte enel con entra e esci) , se il trafo non è in ricezione all'enel non importa nulla . Non ha alcun interesse ad accedere al trasformatore dell'utente
Solitamente quando si usano piu corse per fase si hanno piu cavi unipolari (in genere FG7) che sono in parallelo tra loro per ogni fase. La loro portata sarà determinata secondo norme e tabelle applicando i fattori di riduzione che sono prescritti
Avatar utente
Foto UtenteMASSIMO-G
13,0k 6 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2672
Iscritto il: 20 set 2004, 8:31
Località: PIACENZA

0
voti

[22] Re: Complesso trifase

Messaggioda Foto Utentecosimo88 » 7 ott 2012, 12:30

a ok, a questo punto mi chiedo quando conviene usare i multipolari e perche??
Avatar utente
Foto Utentecosimo88
5 2
 
Messaggi: 38
Iscritto il: 5 mag 2009, 19:53

1
voti

[23] Re: Complesso trifase

Messaggioda Foto UtenteMASSIMO-G » 7 ott 2012, 15:13

Ma i cavi multipolari vengono usati, eccome...solo che vengono utilizzati fino a sezioni non molto grandi. Il collegamento che sono piu abituato a vedere è quello tra trafo e quadro bt, credo che in quel tipo di situazione nessuno userebbe mai un cavo multipolare.
Per alimentare un motore asincrono trifase è normale vedere ad esempio un FG70R da 4G4 (o 2.5/6/10) ma un cavo multipolare con sezioni da 240 per alimentare un power center non l'ho mai visto
(esisteranno ma per situazioni particolari)
Avatar utente
Foto UtenteMASSIMO-G
13,0k 6 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2672
Iscritto il: 20 set 2004, 8:31
Località: PIACENZA

0
voti

[24] Re: Complesso trifase

Messaggioda Foto Utentecosimo88 » 7 ott 2012, 16:29

Ok grazie per il consiglio
Ultima modifica di Foto Utenteattilio il 7 ott 2012, 21:15, modificato 1 volta in totale.
Motivazione: Non occorre citare tutto il messaggio precedente, grazie!
Avatar utente
Foto Utentecosimo88
5 2
 
Messaggi: 38
Iscritto il: 5 mag 2009, 19:53

0
voti

[25] Re: Complesso trifase

Messaggioda Foto Utentecosimo88 » 8 ott 2012, 10:08

Buongiorno, sto adottando quindi dei cavi unipolari per una lunghezza del trafo di 30m e corrente di circa 570 A, il numero di cavi caricati per ogni fase mi viene di 10 utilizzando la cdt è possibile? non è eccessivo?



Edit A.F.

cosimo88:
Per replicare agli interventi devi usare il tasto "RISPONDI" e non quello "CITA"
Se proprio devi "quotare" qualche passaggio, limitati alla parte necessaria, non a tutto il messaggio, grazie.
Ultima modifica di Foto Utenteattilio il 8 ott 2012, 11:07, modificato 1 volta in totale.
Motivazione: Eliminata ennesima citazione inutile
Avatar utente
Foto Utentecosimo88
5 2
 
Messaggi: 38
Iscritto il: 5 mag 2009, 19:53

0
voti

[26] Re: Complesso trifase

Messaggioda Foto Utentemagoxax » 8 ott 2012, 10:17

...30m e corrente di circa 570 A...
...il numero di cavi caricati per ogni fase mi viene di 10...

Si... è un filino esagerato. :D
Andando a naso (ovvero senza neanche mettermi a calcolare) direi che con 2 corde di 240 mmq siamo già abbondanti.
Avatar utente
Foto Utentemagoxax
2.589 2 3 8
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 1156
Iscritto il: 18 mar 2009, 14:56

1
voti

[27] Re: Complesso trifase

Messaggioda Foto UtenteMASSIMO-G » 8 ott 2012, 10:23

come scrivevo in precedenza 2 corde da 185mmq per fase è assai probabile che risultino adeguate (senza fare calcoli...cosi a occhio)
Avatar utente
Foto UtenteMASSIMO-G
13,0k 6 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2672
Iscritto il: 20 set 2004, 8:31
Località: PIACENZA

0
voti

[28] Re: Complesso trifase

Messaggioda Foto UtenteMASSIMO-G » 8 ott 2012, 10:38

Poi sempre a occhio su 30 metri 570ampere con due corde per fase da 240 o 185 la caduta di tensione dovrebbe essere l'ultimo dei problemi in quanto risulterebbe insignificante
Non capisco da dove arrivino i tuoi numeri
Avatar utente
Foto UtenteMASSIMO-G
13,0k 6 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2672
Iscritto il: 20 set 2004, 8:31
Località: PIACENZA

0
voti

[29] Re: Complesso trifase

Messaggioda Foto Utentegiuliomega » 8 ott 2012, 11:45

Scusatemi se rispondo solo ora, in ritardo.
Dunque, il discorso istituto tecnico, ITIS, etc. non era una risposta a qualcuno ma il punto di partenza di una riflessione che poi ho spiegato. In particolare quella che a mio avviso era una forte scarsità di dati (da qui gli esempi pratici del progettista ai quali sono seguite delle risposte), tutto sommato per un compito in aula o esercizio per casa che richiederebbe comunque una valutazione complessa anche a livello accademico, forse più roba da esame di stato. Facevo l'esempio di una classe di 50 alunni con 50 elaborati, dove mi aspetterei una decina di probabili disposizioni differenti dei quadri, una decina di differenti specifiche di climatizzazione, 3 o 4 sistemi antincendio differenti (è apparsa in seguito alla mia provocazione la nota sul numero di persone presenti nella struttura, dato non marginale anche a livello di impianto elettrico), etc. etc. Questo senza andare a toccare la parte prese ed illuminazione interna ed esterna. Il dubbio che volevo esprimere era legato al fatto che non mi pare un esercizio funzionale allo studio. Se un singolo progetto dovesse essere corretto da cima a fondo da un prof o assistente ci vorrebbe un bel po' di tempo per leggere fogli e fogli di calcolo e schemi, per trovare gli errori e per poi identificare la soluzione corretta; se dovessi assegnare un voto, l'insufficienza verrebbe probabilmente in primo luogo dall'errore del dimensionamento ma il resto dei voti sarebbe in buona parte a sentimento pur rispettando le norme. Quale potrebbe essere un parametro aggiuntivo di valutazione? La domotica? Il risparmio energetico? Il computo metrico? Lascio a Voi la risposta.
Quando ero studente, agli scritti in aula capitavano blocchi di progettazione: l'impianto clima ed elett. di un edificio di piccole dimensioni, qualcosa di MT, veri e propri calcoli da fare a mano per la verifica delle cadute di tensione o le potenze in gioco o rifasamenti, dimostrare insomma di aver capito un modello di calcolo e la logica della progettazione. Nessuno si sarebbe sognato di assegnare un compito come quello indicato se non ad un esame di stato o meglio ancora nell'esercizio della professione vera e propria e dove comunque l'ausilio di programmi di calcolo sarebbe logico.
Tra l'ultimo mio messaggio e quello odierno ho visto evolversi il discorso a livello MT/BT.
Spero di aver risposto all'osservazione in modo adeguato.

Giulio Passarini
Avatar utente
Foto Utentegiuliomega
693 4 10
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 266
Iscritto il: 28 giu 2010, 16:15
Località: Follonica (GR)

Precedente

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 18 ospiti