Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Diagnostica impianto casa...

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentelillo, Foto UtenteMASSIMO-G

0
voti

[31] Re: Diagnostica impianto casa...

Messaggioda Foto UtenteCGIUSEPPE61 » 4 nov 2012, 0:28

Praticamente se Foto UtenteNunziox farebbe rifare l'impianto con la sola sostituzione dei conduttori e nuovi interruttori di sezionamento e protezione senza interventi di natura di rifacimento muraria totale, non rientrerebbe nel campo dell'applicazione della 64-8 7°ed.

saluti.
Avatar utente
Foto UtenteCGIUSEPPE61
482 1 3 5
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 578
Iscritto il: 2 feb 2009, 18:05

0
voti

[32] Re: Diagnostica impianto casa...

Messaggioda Foto Utenteattilio » 4 nov 2012, 0:35

Non credo. L' ultima edizione della 64-8 è la norma in vigore per gli impianti elettrici cui essa fa riferimento. Quello a non dovere essere applicato, potrebbe essere l' allegato A (non ho la versione aggiornata e non so se abbia mantenuto la denominazione con cui l'abbiamo conosciuto nella V3)
Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera


Salvatore Quasimodo
Avatar utente
Foto Utenteattilio
58,0k 8 12 13
free expert
 
Messaggi: 8501
Iscritto il: 21 gen 2007, 14:34

0
voti

[33] Re: Diagnostica impianto casa...

Messaggioda Foto UtenteMassimoB » 4 nov 2012, 0:37

Io sinceramente interpreto per trasformazioni radicali degli impianti esistenti (64-8/1 commento 12.1) trasformazioni dell' impianto elettrico e non delle opere murarie quindi in caso di rifacimento totale dell 'impianto credo sia da applicare.
Ma forse mi sbaglio :D
Avatar utente
Foto UtenteMassimoB
13,7k 6 12 13
Expert free
 
Messaggi: 3025
Iscritto il: 28 ott 2012, 9:56
Località: Milano

0
voti

[34] Re: Diagnostica impianto casa...

Messaggioda Foto UtenteCGIUSEPPE61 » 4 nov 2012, 9:26

Attilio ha scritto:Non credo. L' ultima edizione della 64-8 è la norma in vigore per gli impianti elettrici cui essa fa riferimento. Quello a non dovere essere applicato, potrebbe essere l' allegato A (non ho la versione aggiornata e non so se abbia mantenuto la denominazione con cui l'abbiamo conosciuto nella V3)


Si ti confermo era riferito all'allegato A ( non L' avevo specificato !! #-o ) in relazione al discorso della sezione minima di del montante ecc.
Avatar utente
Foto UtenteCGIUSEPPE61
482 1 3 5
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 578
Iscritto il: 2 feb 2009, 18:05

0
voti

[35] Re: Diagnostica impianto casa...

Messaggioda Foto UtenteNunziox » 4 nov 2012, 10:51

Per quanto riguarda le prese sono 16 A, sembrano essere più recenti dell'impianto... oggi scatterò alcune foto delle scatole di derivazione...

Domanda :D

25 A è la corrente massima che può circolare nel differenziale di corrente?

ed inoltre, se:

I_a=10A
I_r=10,05A$

\Delta I=I_a-I_r

il differenziale scatta perché supera |\Delta I|>30 mA?
Sembra un bel controllo ad anello chiuso :D ma dove leggo il suo tempo di intervento?

@Attilio

P_a=V*I*cos(\phi),

da questa espressione hai ricavato la corrente di impiego, ma non bisognerebbe considerare anche la potenza reattiva?

Per una lampadina che è un carico puramente resistivo e quindi assorbe solo potenza attiva, mi ritrovo con la formula che hai scritto:

Ma una lavatrice invece dovrebbe avere un impedenza del tipo:

Z=X_r+j*Xm

quindi per calcolare la corrente d'impiego non si dovrebbe considerare la potenza data da:

$P=Pa+j*Pr$

Illuminami :D
Grazie a tutti per l'aiuto!
Avatar utente
Foto UtenteNunziox
221 1 9
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 152
Iscritto il: 28 ott 2012, 0:38

0
voti

[36] Re: Diagnostica impianto casa...

Messaggioda Foto UtenteMassimoB » 4 nov 2012, 11:15

25A è la corrente nominale del magnetotermico che se come in questo caso è di tipo C interviene per correnti di 5-10 In.

Il differenziale interviene per differenze di corrente uguali o maggiori di 30mA.
Per differenze di corrente si intende la differenza delle correnti entranti e quelle uscenti quindi nel caso di un sistema monofase è la differenza tra la corrente di fase e quella di neutro.

Le caratteristiche del tuo magnetotermicodifferenziale le trovi a questo link

http://www.aegelettra.it/prodotti/_doc/scheda.cfm?pro_id=243&idver=57
Avatar utente
Foto UtenteMassimoB
13,7k 6 12 13
Expert free
 
Messaggi: 3025
Iscritto il: 28 ott 2012, 9:56
Località: Milano

0
voti

[37] Re: Diagnostica impianto casa...

Messaggioda Foto UtenteMassimoB » 4 nov 2012, 11:18

Dimenticavo... il tempo di intervento del differenziale è di 0,2s
Avatar utente
Foto UtenteMassimoB
13,7k 6 12 13
Expert free
 
Messaggi: 3025
Iscritto il: 28 ott 2012, 9:56
Località: Milano

0
voti

[38] Re: Diagnostica impianto casa...

Messaggioda Foto Utenteattilio » 4 nov 2012, 11:34

Foto UtenteNunziox ha scritto:25 A è la corrente massima che può circolare nel differenziale?

Quel valore si riferisce alla corrente nominale del dispositivo, ovvero quella corrente sopportabile permanentemente dallo stesso.

Nunziox ha scritto:I_a=10A
I_r=10,05A$

\Delta I=I_a-I_r

Cosa hai scritto? Ia e Ir, saranno mica le correnti di andata e ritorno? Normalmente la corrente (in caso di guasto a terra) di dispersione genera uno squilibrio (avvertito dalla bobina differenziale) al contrario, nel tuo caso al dispositivo ritorna una corrente superiore a quella in uscita!

non bisognerebbe considerare anche la potenza reattiva?

Nel calcolo avevo ipotizzato un fattore di potenza pari a 0,9 ovviamente si tratta di una stima, una lampada fluorescente piuttosto che una lavatrice avranno probabilmente un cos phi minore.
E comunque la potenza reattiva non ti interessa, i 3,3 kW che ti da il distributore sono solo di Patt.

Foto UtenteMassimoB, stiamo andando OT rispetto alle domande di Nunziox, quello di cui parli tu è come già detto riferito all' allegato A, questi si applica infatti ai soli nuovi impianti (prima realizzazione) o alle ristrutturazioni totali con annesse opere murarie, altrimenti sarebbe impossibile garantire il numero di circuiti e di punti specifici per ciascun livello sulla base dello scheletro (tubazioni, scatole e cassette varie) che avresti difronte.

Ovviamente, il solo rifilaggio ad esempio, come nel caso di Nunziox, è da trattarsi comunque come nuova installazione e va quindi eseguita in conformità alla vigente norma tecnica (se ad essa ci si vuole riferire)

Saluti
Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera


Salvatore Quasimodo
Avatar utente
Foto Utenteattilio
58,0k 8 12 13
free expert
 
Messaggi: 8501
Iscritto il: 21 gen 2007, 14:34

0
voti

[39] Re: Diagnostica impianto casa...

Messaggioda Foto Utenteelettrodomus » 4 nov 2012, 11:37

MassimoB ha scritto:Io sinceramente interpreto per trasformazioni radicali degli impianti esistenti (64-8/1 commento 12.1) trasformazioni dell' impianto elettrico e non delle opere murarie quindi in caso di rifacimento totale dell 'impianto credo sia da applicare.
Ma forse mi sbaglio :D


Alle volte, se le tubazioni originarie non lo permettono, per adeguare l'impianto alle prescrizioni prestazionali della nuova versione della norma, è necessario per forza di cose, far ricorso a delle opere murarie. Siccome non si può costringere il proprietario di un immobile, a metterle in atto solo per rifare (magari solo per mettere in sicurezza) un impianto esistente, non vedo come possa essere considerata obbligatoria l'applicazione integrale della norma. Ad ogni modo, anche le tubazioni fanno parte integrante dell'impianto e la loro posa è anch'essa oggetto di prescrizioni tecniche.
Igor
Avatar utente
Foto Utenteelettrodomus
10,1k 6 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2607
Iscritto il: 28 gen 2011, 22:38
Località: Bassa Bresciana

0
voti

[40] Re: Diagnostica impianto casa...

Messaggioda Foto Utenteattilio » 4 nov 2012, 11:45

Foto UtenteMassimoB ha scritto:il tempo di intervento del differenziale è di 0,2s

Io in verità, per i dispisitivi di tipo istantaneo, ricordo un tempo massimo entro cui il differenziale deve aprire pari a 300ms (0,3s) per IΔn e 40ma (0,04s) per correnti pari a 5 IΔn.

Ovviamente il tempo da te indicato è perfettamente in regola se riferito alla corrente differenziale nominale dell' interruttore.
Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera


Salvatore Quasimodo
Avatar utente
Foto Utenteattilio
58,0k 8 12 13
free expert
 
Messaggi: 8501
Iscritto il: 21 gen 2007, 14:34

PrecedenteProssimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 11 ospiti