Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Misurare induttanza dispersa trasformatore

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto Utentecarloc, Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteDirtyDeeds, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto UtenteBrunoValente

0
voti

[1] Misurare induttanza dispersa trasformatore

Messaggioda Foto Utentebelva87 » 8 lug 2013, 0:01

Salve a tutti, come da titolo ho la necessità di misurare l'induttanza dispersa del primario di un trasformatore per usi ad alta frequenza in un convertitore DCDC in configurazione ponte completo.
Come devo approcciarmi per raggiungere tale scopo? Che strumentazione devo eventualmente procurarmi?
Grazie a tutti coloro che parteciperanno.
O_/ , Luca.
Avatar utente
Foto Utentebelva87
2.292 2 6 12
free expert
 
Messaggi: 1323
Iscritto il: 9 mag 2011, 15:01

0
voti

[2] Re: Misurare induttanza dispersa trasformatore

Messaggioda Foto UtenteCandy » 8 lug 2013, 0:26

Perché proprio l'induttanza dispersa? Nella mia ignoranza non credo ci sia una misura diretta possibile. L'induttanza dispersa ha senso rispetto al concetto di induttanza "attesa", "progettata".

Poi, per carità, ammetto la mia ignoranza; però, in elettrotecnica si parla di flussi dispersi, più che di industtanza dispersa.
Avatar utente
Foto UtenteCandy
32,5k 7 10 13
CRU - Account cancellato su Richiesta utente
 
Messaggi: 10131
Iscritto il: 14 giu 2010, 22:54

0
voti

[3] Re: Misurare induttanza dispersa trasformatore

Messaggioda Foto UtenteDarwinNE » 8 lug 2013, 0:37

Mi riallaccio a questa discussione e lo dico con tanta vergogna, ma a me servirebbe una lista delle definizioni delle varie induttanze di un trasformatore (dispersa? di magnetizzazione? eccetera) ed un'idea di come vengano misurate. O altri parametri, se si applicano (vedo che Foto UtenteCandy parla di flusso disperso e lì un'idea di cosa sia ce l'avrei).
Non so perché, ma faccio sempre tanta confusione e mi sarebbe utile avere un prontuario con la terminologia corretta. :oops:

Come si chiamano in inglese? Un link o un riferimento bibliografico mi basta.
Follow FidoCadJ development on Twitter: https://twitter.com/davbucci
Avatar utente
Foto UtenteDarwinNE
26,3k 5 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3700
Iscritto il: 18 apr 2010, 9:32
Località: Grenoble - France

0
voti

[4] Re: Misurare induttanza dispersa trasformatore

Messaggioda Foto UtenteCandy » 8 lug 2013, 0:47

Bisognerebbe chiamare in causa lo schema ed i parametri equivalenti del trasformatore. Forse Foto Utenteadmin ti può aiutare meglio.
E' vero che col trasformatore a vuoto esiste circolazione di corrente anche dovuta a perdite negli avvolgimenti. Ora faccio fatica a ricordarne le definizioni. La corrente magnetizzante del trassformatore è sommariamente la sommatoria di perdite nel ferro e perdite nel rame. Però faccio fatica a collegare tutto questo con un concetto di induttanza dispersa...
Avatar utente
Foto UtenteCandy
32,5k 7 10 13
CRU - Account cancellato su Richiesta utente
 
Messaggi: 10131
Iscritto il: 14 giu 2010, 22:54

0
voti

[5] Re: Misurare induttanza dispersa trasformatore

Messaggioda Foto Utentebelva87 » 8 lug 2013, 0:58

Credo che l'induttanza dispersa sia un modo di quantificare appunto il flusso che non si concatena tra primario e secondario... è una mia idea però, a ragionamento... posso anche averla tanto grossa :mrgreen:
Il motivo è quello di sapere se posso usare un trasformatore che ho recuperato per cominciare a sperimentare un prototipo che bolle in pentola.
L'induttanza del primario, o di magnetizzazione non saprei... (devo approfondire tanto la questione) è importante per garantirmi la capacità energetica del trasformatore mentre quella dispersa mi serve saperla per valutare se riesco a far lavorare il convertitore in ZVS, cioè mi serve sapere se è sufficiente da scaricarmi le capacità presenti al nodo "centrale" del ponte (realizzato con MOS a supergiunzione)...
Avatar utente
Foto Utentebelva87
2.292 2 6 12
free expert
 
Messaggi: 1323
Iscritto il: 9 mag 2011, 15:01

9
voti

[6] Re: Misurare induttanza dispersa trasformatore

Messaggioda Foto UtenteBrunoValente » 8 lug 2013, 10:31

L'induttanza del primario, molto semplicemente, dovrebbe essere quella vista ai morsetti del primario quando il secondario è aperto.
L'induttanza di dispersione, vista in ingresso, a quanto ne so, dovrebbe essere quella che appare in ingresso con il secondario in cortocircuito: se non vi fosse flusso disperso si dovrebbe vedere un cortocircuito anche ai morsetti del primario, invece, in presenza di flusso disperso, appare una induttanza in serie al primario il cui valore ne rende conto.
Operativamente l'induttanza di dispersione si può misurare cortocircuitando il secondario e facendo risonare il primario parallelandolo con una opportuna capacità.
Il picco di risonanza sul primario si può evidenziare con l'aiuto di un oscilloscopio alimentando il tutto con un generatore di segnali ad alta impedenza: si varia manualmente la frequenza del generatore fino a trovare l'ampiezza massima.
Il valore della capacità andrà aggiustato per mandarlo in risonanza ad una frequenza prossima a quella di lavoro.
Noti i valori della capacità e della frequenza di risonanza, poi si ricava quello dell'induttanza dispersa con la famosa formula.
Avatar utente
Foto UtenteBrunoValente
33,0k 7 10 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6430
Iscritto il: 8 mag 2007, 14:48

5
voti

[7] Re: Misurare induttanza dispersa trasformatore

Messaggioda Foto Utentebrabus » 8 lug 2013, 11:03

http://www.dei.unipd.it/~pel/2012%20Elettronica%20Industriale%20-%20VI/elettronica_industriale.html

http://www.dei.unipd.it/~pel/2012%20Elettronica%20Industriale%20-%20VI/Colore/07.%20Trasformatori%20ad%20alta%20frequenza.pdf

Per le misure, il metodo proposto da Bruno è corretto (e personalmente mi piace molto), ma di solito vado di quick and dirty: impedenzimetro ai morsetti del primario, prima misura con secondario aperto, seconda misura con secondario in corto.
La prima misurazione fornisce la misura dell'induttanza di dispersione totale (compresa quella del secondario riportata al primario), la seconda fornisce la misura lorda della somma della magnetizzante e della dispersa; per differenza si ricava l'induttanza di magnetizzazione.
Alberto.
Avatar utente
Foto Utentebrabus
19,3k 4 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2724
Iscritto il: 26 gen 2009, 15:16

1
voti

[8] Re: Misurare induttanza dispersa trasformatore

Messaggioda Foto Utentebelva87 » 9 lug 2013, 11:29

Siete stati tutti fenomenali!!1
Non so come ringraziarvi :!:
Attualmente sto studiando Analisi III perciò sono piuttosto preso e il mio tempo per l'elettronica è minimo, appena ho modo farò delle prove.
Grazie ancora a tutti! Luca
Avatar utente
Foto Utentebelva87
2.292 2 6 12
free expert
 
Messaggi: 1323
Iscritto il: 9 mag 2011, 15:01


Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 61 ospiti