Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Gestione energia e bollette in Europa

Fonti energetiche e produzione e fornitura dell'energia elettrica.

Moderatori: Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentemario_maggi

0
voti

[11] Re: Gestione energia e bollette in Europa

Messaggioda Foto UtenteAndreB » 8 feb 2014, 18:36

6367 ha scritto:Comunque è vero che tra i paesi industrializzati la taglia di 3 kW è ridicola.

In Italia l'energia ce l'hanno sempre fatta pagare cara rispetto agli altri paesi europei. incz

6367 ha scritto:In Italia non solo paghi il kWh (con un curioso sistema che all'aumentare del consumo anzichè avere lo sconto hai un aumento) ma paghi anche i kW disponibili con un effetto scoraggiante per potenze oltre il minimo sindacale.

Il gestore aumenta il costo di dispacciamento e la tariffa base sulla potenza messa a disposizione.

6367 ha scritto:Chiaro che ciò comporta un effetto penalizzante all'impiego di tecnologie moderne, come pompe di calore, cottura a induzione, carica dei veicoli elettrici.

Beh, chi investe nel fotovoltaico ed installa minimo un 6kWp, spesso è perché vuole eliminare il gas ed installare il riscaldamento a pompa di calore e i fornelli ad induzione.
Avatar utente
Foto UtenteAndreB
103 2 6
New entry
New entry
 
Messaggi: 99
Iscritto il: 2 ott 2012, 15:09

0
voti

[12] Re: Gestione energia e bollette in Europa

Messaggioda Foto Utentematteo92 » 8 feb 2014, 18:53

Secondo me un aumento della potenza contrattuale non porterebbe a nessun beneficio reale, anzi aumenterebbero solo gli sprechi di energia e visto i tempi non mi pare proprio il caso. Per non parlare del fabbisogno energetico nazionale...siamo già abbastanza dipendenti dagli altri stati. Per chi vuole consumare di più si faccia il suo impiantino fotovoltaico. Saluti
Avatar utente
Foto Utentematteo92
71 1 3
New entry
New entry
 
Messaggi: 80
Iscritto il: 21 gen 2010, 18:19

0
voti

[13] Re: Gestione energia e bollette in Europa

Messaggioda Foto Utentesebago » 8 feb 2014, 19:11

Ho il sospetto che negli altri paesi si largheggi abbondantemente nelle potenze in fornitura (mi pare che in Spagna la taglia standard sia da 10 kW), perché hanno tutti il nucleare...
Solo il sospetto, eh....
Niente cucine a gas, anche se ho il sospetto (un altro, sono un tipo sospettoso...) che la cottura dei cibi venga meno bene.
Solo il sospetto, eh....
Sebastiano
________________________________________________________________
"Eo bos issettaìa, avanzade e non timedas / sas ben'ennidas siedas, rundinas, a domo mia" (P. Mossa)
Avatar utente
Foto Utentesebago
15,0k 3 10 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2002
Iscritto il: 1 apr 2005, 19:59
Località: Orune (NU)

0
voti

[14] Re: Gestione energia e bollette in Europa

Messaggioda Foto Utente6367 » 8 feb 2014, 19:52

matteo92 ha scritto:Secondo me un aumento della potenza contrattuale non porterebbe a nessun beneficio reale, anzi aumenterebbero solo gli sprechi di energia e visto i tempi non mi pare proprio il caso.


Ma no: potenza ed energia sono cose ben diverse.
Come se dicessi: meglio un'auto che va piano così faccio meno chilometri.
Fai i chilometri che devi fare. Se l'auto va piano ci metti di più, tutto qua.
Con tre kilowatt fai andare la lavatrice e rinunci a cuocere la torta? no, lo fai ugualmente ma ci metti il doppio del tempo.

In realtà, lo sappiamo bene, con il collo di bottiglia della potenza elettrica non riduce né gli sprechi né i consumi energetici, bensì riduce quelli elettrici, spostando il grosso sul metano. Ed è tutto da dimostrare che sia opportuno così ma non mi dilungo perché sono discorsi già fatti.

Quando mi capita di parlare di impianti italiani con qualche tecnico straniero, e spesso mi capita, non ci credono che la maggior parte delle installazione domestiche siano di soli 3 kW: non è possibile fare andare due o tre elettrodomestici assieme e questo appare incredibile.... ?%


Ho il sospetto che negli altri paesi si largheggi abbondantemente nelle potenze in fornitura


Più che un problema di centrali è un problema di dimesionamento della rete.
Avatar utente
Foto Utente6367
18,6k 5 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6026
Iscritto il: 9 set 2005, 0:00

0
voti

[15] Re: Gestione energia e bollette in Europa

Messaggioda Foto Utentematteo92 » 8 feb 2014, 20:21

Se l'auto va piano resto vicino casa e uso la bici O_/
Avatar utente
Foto Utentematteo92
71 1 3
New entry
New entry
 
Messaggi: 80
Iscritto il: 21 gen 2010, 18:19

0
voti

[16] Re: Gestione energia e bollette in Europa

Messaggioda Foto Utenteivano » 8 feb 2014, 20:28

il discorso che la bici la fanno usare a noi.
il problema in italia ormai e' chiaro a tutti.
coloro che lavorano ormai vivono in regime di SERVI DELLA GLEBA e devono limitarsi su tutto.(visto i tempi che corrono e la crisi e chissa cosa ci racconteranno)
i cosidetti uomini di valore ( manager , politici e p........i vari non si negano niente , anzi...
pretendono sempre di piu'.
Avatar utente
Foto Utenteivano
703 3 4
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 968
Iscritto il: 7 set 2004, 22:27
Località: appiano gentile

0
voti

[17] Re: Gestione energia e bollette in Europa

Messaggioda Foto Utente6367 » 8 feb 2014, 20:35

matteo92 ha scritto:Se l'auto va piano resto vicino casa e uso la bici O_/


Ok. Seguendo la metafora cosa sarebbe la bicicletta? il metano? O_/
Avatar utente
Foto Utente6367
18,6k 5 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6026
Iscritto il: 9 set 2005, 0:00

0
voti

[18] Re: Gestione energia e bollette in Europa

Messaggioda Foto Utentemir » 9 feb 2014, 13:05

6367 ha scritto:In Italia non solo paghi il kWh (con un curioso sistema che all'aumentare del comsumo anzichè avere lo sconto hai un aumento) ma paghi anche i kW disponibili con un effetto scoraggiante per potenze oltre il minimo sindacale.Chiaro che ciò comporta un effetto penalizzante all'impiego di tecnologie moderne, ...

in genere se si aumenta la domanda l'offerta dovrebbe essere più vantaggiosa per il produttore e per l'utente,in questo caso lo è solo per il fornitore ... e magari qualcuno si domanda perché il paese tecnolgicamente non cresce ... incz
ivano ha scritto: i nostri illuminati governanti portassero la fascia sociale a 4.5kw e diminuissero gli assudi fissi in fascia 6 kW.

:shock: illuminati ? forse volevi dire ... illuminarli ... :D
ivano ha scritto:..i cosidetti uomini di valore ...

:shock: di valore ? forse volevi dire ... di volere ... :D
perdona le correzioni Foto Utenteivano , ma proprio non riesco a vedere/leggere "nulla" di positivo nell'attuale gruppo dirigente (nel senso che dirige) del nostro Paese e purtroppo lo dimostrano quotidianamente ... :(
chiudo l'OT.

Maurk ha scritto: come è regolamentata la fornitura e l'acquisto di energia elettrica nei più importanti paesi europei (ad esempio Inghilterra, Germania, Spagna e Francia) e fornimi, se riesce, delle fonti.

il sistema elettrico spagnolo
regolamentazione settore elettrico spagnolo
bolletta spagna
standard elettrici nel mondo
la nostra bolletta energetica e glia ltri paesi
Spagna il robin hood delle bollette ...
Avatar utente
Foto Utentemir
59,6k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 20058
Iscritto il: 19 ago 2004, 21:10

0
voti

[19] Re: Gestione energia e bollette in Europa

Messaggioda Foto Utente6367 » 9 feb 2014, 16:00

Link interessanti ma non mi sembrano mettano a fuoco il costo della potenza disponibile, la vera palla al piede degli italiani.
Avatar utente
Foto Utente6367
18,6k 5 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6026
Iscritto il: 9 set 2005, 0:00

0
voti

[20] Re: Gestione energia e bollette in Europa

Messaggioda Foto UtenteFernecchio » 9 feb 2014, 17:10

6367 ha scritto:In Italia non solo paghi il kWh (con un curioso sistema che all'aumentare del comsumo anzichè avere lo sconto hai un aumento) ma paghi anche i kW disponibili con un effetto scoraggiante per potenze oltre il minimo sindacale.


A me sembra perfettamente logico penalizzare il consumo! Ti parrebbe sensato scontare la benzina agli Hummer perché fanno 4 km/l? ?%

E pure la potenza massima impegnata, visto che costringi il gestore a dimensionare le linee a monte del tuo impianto, per un uso, poi, tipicamente "a picchi".

Chiaro che ciò comporta un effetto penalizzante all'impiego di tecnologie moderne, come pompe di calore, cottura a induzione, carica dei veicoli elettrici.


Il fatto che una tecnologia sia moderna non la rende automaticamente migliore di quella che la precede temporalmente, né più intelligente.
La maggiore efficienza di questi sistemi è controbilanciata dalla necessità di revisione delle linee di distribuzione, nonché dell'ottimizzazione della produzione in funzione dei picchi di assorbimento, e da una sempre maggiore ed indesiderabile dipendenza da una sola forma di energia.

Pretendere la "libertà" di cuocere una torta contemporaneamente al ciclo di lavaggio intensivo della lavatrice, sinceramente mi sembra un capriccio, nessuna delle due attività ha impatti vitali derivanti dalla collocazione temporale.

Io credo che sia più intelligente spalmare ed uniformare il consumo durante la giornata, o meglio, ma molto più difficile, "copiando" i picchi di produzione derivanti dalle rinnovabili solare ed eolico.

Ma soprattutto, è intelligente consumare meno in assoluto, anche a costo di rinunciare a qualche comodità.
«Non tutto ciò che tecnicamente può essere fatto deve necessariamente essere fatto.»

R.L.M.
Avatar utente
Foto UtenteFernecchio
972 1 2 4
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 291
Iscritto il: 14 ott 2012, 17:52

PrecedenteProssimo

Torna a Energia e qualità dell'energia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti