Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

24 V per ausiliari di comando

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto Utentelillo, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago, Foto UtenteMike

0
voti

[1] 24 V per ausiliari di comando

Messaggioda Foto Utenteboobie80 » 5 feb 2014, 12:50

Spesso mi trovo a discutere con elettricisti che sostengono l'obbligo di prevedere l'alimentazione a 24 V per ausiliari marcia/arresto, spie, teleruttori ecc. in quadri di comando e/o distribuzione.

Per come la vedo io se le centraline o inverter a cui vengono cablati questi ausiliari non lo richiedono l'alimentazione può essere fatta a 230V evitando trasformatori. Soprattutto se tutto rimane all'interno del quadro e non ho pulsanti in giro che potrebbero dare problemi in caso di presenza di acqua o sporco.

Voi che ne pensate?
Avatar utente
Foto Utenteboobie80
58 1 4 6
Expert
Expert
 
Messaggi: 874
Iscritto il: 5 mar 2007, 11:39

0
voti

[2] Re: 24 V per ausiliari di comando

Messaggioda Foto Utenterosino » 5 feb 2014, 12:52

Concordo a pieno.
Se usi il 230 basta che ti ricordi di garantire la protezione dai contatti indiretti.
La saggezza non può essere trasmessa. La saggezza che un saggio tenta di trasmettere suona sempre simile alla follia.
Hermann Hesse - Siddharta
Avatar utente
Foto Utenterosino
3.566 2 7 11
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 1954
Iscritto il: 11 gen 2010, 13:18
Località: Treviso (TV)

1
voti

[3] Re: 24 V per ausiliari di comando

Messaggioda Foto Utentemaxxy » 5 feb 2014, 13:27

:-k
Secondo me occorrerebbe fare una distinzione:
Se è per Quadri di distribuzione: il 230V non pone problemi, occorre giustamente come detto da Foto Utenterosino garantire la protezione dai contatti indiretti.

Per il Bordo macchina la CEI EN 60204 prevede che oltre 2 dispositivi (start/stop) di debba utilizzare SELV o PELV per garantire la sicurezza....doverei andarlo a vedere perché non ne sono pienamente sicuro...

Ognuno è un genio.
Ma se si giudica un pesce dalla sua abilità di arrampicarsi sugli alberi,
lui passerà tutta la sua vita a credersi stupido.
- Albert Einstein
Avatar utente
Foto Utentemaxxy
2.058 2 6 8
Master
Master
 
Messaggi: 1172
Iscritto il: 13 nov 2008, 10:08

0
voti

[4] Re: 24 V per ausiliari di comando

Messaggioda Foto Utenterosino » 5 feb 2014, 13:29

Purtroppo sul bordo macchina sono povere di conoscenze, però mi sa che ci sta tranquillamente come prescrizione.
La saggezza non può essere trasmessa. La saggezza che un saggio tenta di trasmettere suona sempre simile alla follia.
Hermann Hesse - Siddharta
Avatar utente
Foto Utenterosino
3.566 2 7 11
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 1954
Iscritto il: 11 gen 2010, 13:18
Località: Treviso (TV)

0
voti

[5] Re: 24 V per ausiliari di comando

Messaggioda Foto Utenteattilio » 5 feb 2014, 18:17

boobie80 ha scritto:Voi che ne pensate?

Che bisognerebbe contestualizzare ogni singola situazione e verificare quale sia la migliore tecnica da mettere in campo coerentemente con le normative applicabili.
Troppo spesso capita di sentire citare fantomatici obblighi normativi secondo cui bisognerebbe bla.. bla.. bla.. salvo poi scoprire che trattasi di refusi minchiate!
Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera


Salvatore Quasimodo
Avatar utente
Foto Utenteattilio
59,4k 8 12 13
free expert
 
Messaggi: 8771
Iscritto il: 21 gen 2007, 14:34

0
voti

[6] Re: 24 V per ausiliari di comando

Messaggioda Foto UtenteCandy » 5 feb 2014, 22:56

Che ci sia addirittura obbligo per il SELV mi sembra eccessivo. Anzi sarebbe praticamente contrastante con la richiesta di mettere a terra il polo freddo dei comuni.
Nella pratica delle cose mi sembra impraticabile realizzare circuiti SELV o PELV, se non in casi particolari dove ovviamente si sceglierà diversamente il materiale.
La pratica di mettere a terra il polo freddo delle alimentazioni rende, semmai, questi circuiti i tipo FELV e, quindi, il 24 V trova impiego solo per abitudine. Abitudine perché se si deve fare una autoritenuta la si può tranquillamente fare a 230 V.

Diverso è ancora il caso in cui si possa prevedere di andare ad adottare sistemi elettronici: dalla fotocellula fino al computer di supervisione, allora ha un senso adottare il 24 V in quanto standard di riferimento.

Ma, attenzione a non confondere le abitudini con obblighi.
Avatar utente
Foto UtenteCandy
32,5k 7 10 13
CRU - Account cancellato su Richiesta utente
 
Messaggi: 10131
Iscritto il: 14 giu 2010, 22:54

0
voti

[7] Re: 24 V per ausiliari di comando

Messaggioda Foto Utenteattilio » 5 feb 2014, 23:17

La CEI EN 60204-1 a proposito dei circuiti di comando e controllo [9.1.1] prescrive solo l'impiego di un trasformatore (non parla di SELV, PELV...) laddove si abbia piu` di un avviamento motore e piu` di due dispositivi di comando.

Inoltre, quando l'alimentazione sia derivata da un trasformatore, la tensione non deve essere superiore a 277 V [9.1.2]
Questo implica che in casi particolari, sia possibile anche avere ausiliari a 380 V. (in stabilimento avevamo un vecchio compressore con pressostato trifase)
Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera


Salvatore Quasimodo
Avatar utente
Foto Utenteattilio
59,4k 8 12 13
free expert
 
Messaggi: 8771
Iscritto il: 21 gen 2007, 14:34

0
voti

[8] Re: 24 V per ausiliari di comando

Messaggioda Foto UtenteMike » 6 feb 2014, 18:32

Non ci sono obblighi se non il rispetto dei limiti di tensione e garantire la protezione dai contatti indiretti utilizzando le varie modalità a disposizione:
- con differenziali
- Alimentatori SELV
- ecc.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,9k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14279
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[9] Re: 24 V per ausiliari di comando

Messaggioda Foto Utenteeliop » 6 feb 2014, 23:01

Condividendo in pieno quanto detto da Candy ,Attilio e Mike ,volevo aggiungere che la scelta della tensione degli ausiliari fa fatta considerando alcune variabili.
Tanto per dirne una se ad esempio mi trovo con una automazione con logica cablata con organi di comando distanti parecchi metri dal quadro e con più contatti in serie ,con una tensione di comando di 24 V si potrebbero avere cadute di tensioni inaccettabili dovute anche ad un leggero strato di ossido sui contatti.
Dall'altro canto una tensione di comando troppo elevata oltre ai problemi dei contatti diretti e indiretti,in casi di linee molto lunghe molto lunghe può dare problemi a causa delle capacità del cavo di comando per cui può succedere che un piccolo contattore ausiliario o relè mi rimanga in ritenuta anche a comando aperto (con tutte le conseguenze del caso).
La scelta di una tensione rispetto ad un'altra va fatta caso per caso trovando il punto di equilibrio tra sicurezza e continuità di esercizio.
Avatar utente
Foto Utenteeliop
340 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 117
Iscritto il: 12 dic 2011, 23:16


Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 14 ospiti