Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Parafarmacia

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentelillo, Foto UtenteMASSIMO-G

0
voti

[1] Parafarmacia

Messaggioda Foto Utentestudiocampo » 20 mar 2014, 18:00

Una parafarmacia di superficie minore a 200mq e fornitura da 6 kW ha obbligo di progetto dell'impianto elettrico?
Come macchinari collegati alla rete dovrebbe avere solo la macchiana per la pressione che non mi sembra elettromedicale, perche' ora sono tutte di classe II.
Mi date una mano.
Grazie
Avatar utente
Foto Utentestudiocampo
20 1 2 5
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 358
Iscritto il: 4 dic 2006, 15:22

0
voti

[2] Re: Parafarmacia

Messaggioda Foto Utenterosino » 20 mar 2014, 18:31

.... mi sa che giochiamo tutto sulla definizione di apparecchio elettromedicale.
Se il misuratore di pressione è elettrico saresti soggetto alle 64-8/7 se invece viene impiegato sfigmomanometro + stetoscopio allora non hai vincoli.
La saggezza non può essere trasmessa. La saggezza che un saggio tenta di trasmettere suona sempre simile alla follia.
Hermann Hesse - Siddharta
Avatar utente
Foto Utenterosino
3.566 2 7 11
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 1954
Iscritto il: 11 gen 2010, 13:18
Località: Treviso (TV)

0
voti

[3] Re: Parafarmacia

Messaggioda Foto UtenteVRI » 20 mar 2014, 18:41

Però scusate, il misuratore di pressione verrà alimentato tramite spina e presa?
Avatar utente
Foto UtenteVRI
729 2 7 9
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 1255
Iscritto il: 14 giu 2011, 12:00

2
voti

[4] Re: Parafarmacia

Messaggioda Foto Utenterosino » 20 mar 2014, 18:43

Il tipo di alimentazione è ininfluente:

710.2.3: Apparecchio elettromedicale
Apparecchio elettrico, munito di non più di una connessione ad una particolare rete di alimentazione, destinato alla diagnosi, al trattamento o alla sorveglianza del paziente sotto la supervisione di un medico, e che entra in contatto fisico od elettrico col paziente e/o trasferisce energia verso o dal paziente e/o rivela un determinato trasferimento di energia verso o dal paziente. L’apparecchio comprende quegli accessori, definiti dal costruttore, che sono necessari per permettere l’uso normale dell’apparecchio. (Norma CEI 62-5)
La saggezza non può essere trasmessa. La saggezza che un saggio tenta di trasmettere suona sempre simile alla follia.
Hermann Hesse - Siddharta
Avatar utente
Foto Utenterosino
3.566 2 7 11
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 1954
Iscritto il: 11 gen 2010, 13:18
Località: Treviso (TV)

0
voti

[5] Re: Parafarmacia

Messaggioda Foto UtenteMaxL » 20 mar 2014, 18:46

Sono d'accordo con Rosino se nella parafarma vengono utilizzati apparecchi elettromedicali a fini diasgostici per la 64-8/7 diventa un locale medico, però se l'apparecchio è in classe II viene a mancare l'invasività e l'apparecchio non può essre considerato medicale. In questo caso la parafarmmacia sarebbe un locale ordinario.
Avatar utente
Foto UtenteMaxL
25 2 2
 
Messaggi: 24
Iscritto il: 18 lug 2012, 9:24

0
voti

[6] Re: Parafarmacia

Messaggioda Foto Utenterosino » 20 mar 2014, 18:51

Con gli apparecchi elettromedicali la classe II non centra.
Supponiamo che nel reparto di riabilitazione usino un massaggiatore ad infrarossi, anche se viene realizzato in classe II, questo trasferisce energia al paziente per irraggiamento.
La norma parla di trasferimento di energia verso o dal paziente e/o rivelazione un determinato trasferimento di energia verso o dal paziente.
La saggezza non può essere trasmessa. La saggezza che un saggio tenta di trasmettere suona sempre simile alla follia.
Hermann Hesse - Siddharta
Avatar utente
Foto Utenterosino
3.566 2 7 11
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 1954
Iscritto il: 11 gen 2010, 13:18
Località: Treviso (TV)

0
voti

[7] Re: Parafarmacia

Messaggioda Foto UtenteMaxL » 20 mar 2014, 19:05

Io mi riferivo all'apparecchio in intimo contatto col paziente, il pericolo è l'elettrocuzione non capisco con l'irragiamento che pericolo di elettrocuzione ci sia.
Secondo la norma EN 60601- art 3.63 e 3.64 definisce cosa è un apparecchio elettromedicale deve avere una parte applicata al paziente e deve trasferire energia verso il o dal paziente.
Avatar utente
Foto UtenteMaxL
25 2 2
 
Messaggi: 24
Iscritto il: 18 lug 2012, 9:24

0
voti

[8] Re: Parafarmacia

Messaggioda Foto UtenteMaxL » 20 mar 2014, 19:08

Scusate per il linguaggio tarzanico ma ho scritto velocemente senza rileggere :D .
Avatar utente
Foto UtenteMaxL
25 2 2
 
Messaggi: 24
Iscritto il: 18 lug 2012, 9:24

0
voti

[9] Re: Parafarmacia

Messaggioda Foto Utenterosino » 20 mar 2014, 19:10

Infatti l'energia mica è sola elettrica :mrgreen:
Le lampade dei solarium sono la stessa cosa; puoi avere il lettino fatto in resina... il cliente è disteso sul vetro... non morirà mai fulminato.
Purtroppo però la lampada solare rientra tra quelle apparecchiature che fanno scattare la CEI 64-8/7.
Figurati poi che il trapano del dentista che ti mettono in bocca è pneumatico...
La saggezza non può essere trasmessa. La saggezza che un saggio tenta di trasmettere suona sempre simile alla follia.
Hermann Hesse - Siddharta
Avatar utente
Foto Utenterosino
3.566 2 7 11
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 1954
Iscritto il: 11 gen 2010, 13:18
Località: Treviso (TV)

0
voti

[10] Re: Parafarmacia

Messaggioda Foto Utenterosino » 20 mar 2014, 19:13

Purtroppo la 64-8/7 per gli ambienti ad uso medico ha un campo di applicazione che è assurdo.
La saggezza non può essere trasmessa. La saggezza che un saggio tenta di trasmettere suona sempre simile alla follia.
Hermann Hesse - Siddharta
Avatar utente
Foto Utenterosino
3.566 2 7 11
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 1954
Iscritto il: 11 gen 2010, 13:18
Località: Treviso (TV)

Prossimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 21 ospiti