Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Protezione motore e cavo

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMike, Foto Utentelillo, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago

0
voti

[1] Protezione motore e cavo

Messaggioda Foto Utenteetec83 » 6 lug 2014, 14:10

Posso fare una domanda sicuramente stupida e banale ai più esperti?
Sempre detto che a scuola non spiegano le cose più importanti o forse non ricordo più io, mi vengono i dubbi più banali adesso che (qualche volta) progetto di quando invece ero studente.

A me hanno sempre detto che la protezione che metto per un carico serve per proteggere la linea e non l'eventuale carico.

Nel caso di un salvamotore però il discorso è differente, cioè io inserisco la protezione per proteggere il motore da un'eventuale sovraccarico, qualora con la protezione magnetotermica (che ha correnti nominali standardizzate a volte non tarabili che metto per proteggere la linea) non riesco ad avvicinarmi troppo al valore nominale di corrente assorbito dal motore.

Ma in sto caso il fatto di mettere una protezione anche per il carico nasce solo per motivi funzionali ed economici?
Avatar utente
Foto Utenteetec83
237 1 2 9
Expert
Expert
 
Messaggi: 366
Iscritto il: 17 mar 2007, 10:19

0
voti

[2] Re: Protezione motore e cavo

Messaggioda Foto Utentebadilant » 6 lug 2014, 14:21

Risponde per ora il non esperto.
Ad una linea di alimentazione ci colleghi quello che ti pare e non è detto che ciò che tenti di alimentare sia idoneo, come carico, quindi ti tuteli proteggendo la linea che lo alimenta.
Un motore, alimentato da un suo QE con un suo circuito, è un carico noto, quindi i conduttori sono già diemensionati di conseguenza, serve solo individuare eventuali sovraccarichi, per preservare il motore.

O_/
Una volta nel gregge è inutile che abbai: scodinzola!
Anton Cechov
Avatar utente
Foto Utentebadilant
3.727 1 4 8
Utente disattivato per decisione dell'amministrazione proprietaria del sito
 
Messaggi: 369
Iscritto il: 28 giu 2013, 7:42
Località: Lomellina

0
voti

[3] Re: Protezione motore e cavo

Messaggioda Foto Utenteetec83 » 6 lug 2014, 14:30

badilant ha scritto:Risponde per ora il non esperto.
Un motore, alimentato da un suo QE con un suo circuito, è un carico noto, quindi i conduttori sono già diemensionati di conseguenza, serve solo individuare eventuali sovraccarichi, per preservare il motore.


Sì ok, però la domanda mi sorgeva osservando il progetto di un quadro di una centrale termica.
Ora io osservavo che su alcuni carichi (parlo solo dei carichi pompe) era stato inserito solo il magnetotermico+differenziale, mentre su altri in più era stato aggiunto anche il salvamotore.
Quindi, ma perché è stato fatto ciò?

Può essere che i magnetotermici, mi garantivano la protezione sia delle linea che del motore e quindi su alcune linee non è stato inserito il salvamotore.
Ma leggendo i valori nominali non mi pare sia così.

Quindi mi chiedevo, ma la logica qual è?
E cosa è giusto e cosa sbagliato fare?
Io devo proteggere anche le pompe?
Avatar utente
Foto Utenteetec83
237 1 2 9
Expert
Expert
 
Messaggi: 366
Iscritto il: 17 mar 2007, 10:19

2
voti

[4] Re: Protezione motore e cavo

Messaggioda Foto UtenteMike » 6 lug 2014, 15:33

Negli impianti elettrici di distribuzione devi proteggere le condutture, con l'eccezione della cabina elettrica dove proteggi anche la macchina di trasformazione. Negli equipaggiamenti elettrici devi proteggere anche le utenze, le modalità di protezione sono diverse, di solito la protezione termica si realizza per motori superiori a 500W.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,6k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14212
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

1
voti

[5] Re: Protezione motore e cavo

Messaggioda Foto Utenteferri » 7 lug 2014, 10:34

etec83 ha scritto:Sì ok, però la domanda mi sorgeva osservando il progetto di un quadro di una centrale termica.
Ora io osservavo che su alcuni carichi (parlo solo dei carichi pompe) era stato inserito solo il magnetotermico+differenziale, mentre su altri in più era stato aggiunto anche il salvamotore.
Quindi, ma perché è stato fatto ciò?

Alcune pompe (sempre in numero maggiore a dire il vero) sono con protezione termica integrata e/o con inverter. Leggendo le specifiche del fornitore delle stesse solitamente è richiesto fusibile o int. M.T..
Avatar utente
Foto Utenteferri
1.084 2 4
Expert
Expert
 
Messaggi: 319
Iscritto il: 24 nov 2012, 11:41

0
voti

[6] Re: Protezione motore e cavo

Messaggioda Foto Utentemulder80 » 16 set 2016, 10:26

riesumo questo vecchio post..
oggi la gran parte delle pompe/circolatori dispongono infatti di protezione termica integrata (oltre ad essere sempre più monofase ed assorbire correnti esigue),
mi chiedevo se è normativamente corretto proteggere la linea di alimentazione a tali pompe con un solo interruttore magnetico (se serve ovviamente anche il differenziale) escludendo quindi la protezione termica.
Oppure devo comunque proteggere la conduttura, come diceva giustamente Mike, ?
In tal caso l'esclusione da sovraccarico è utilizzabile solo in determinate circostanza (circuiti di sicurezza, antincendio..)
O_/
Avatar utente
Foto Utentemulder80
35 1 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 111
Iscritto il: 10 giu 2009, 16:46

1
voti

[7] Re: Protezione motore e cavo

Messaggioda Foto UtenteMike » 16 set 2016, 11:02

mulder80 ha scritto:...
mi chiedevo se è normativamente corretto proteggere la linea di alimentazione a tali pompe con un solo interruttore magnetico (se serve ovviamente anche il differenziale) escludendo quindi la protezione termica.
Oppure devo comunque proteggere la conduttura, come diceva giustamente Mike, ?


Dipende... Se siamo in campo di applicazione CEI 64-8 (impianti elettrici) la protezione dalle sovracorrenti riguarda la conduttura e puoi ometterla per i circuiti che per loro natura non possono generare sovraccarichi (per esempio i circuiti luce), oppure per i circuiti di sicurezza. La soluzione sopra descritta, con la protezione dalle sovracorrenti a valle è accettabile nei luoghi ordinari mentre non lo è negli ambienti a maggior rischio in caso d'incendio.

Se il campo di applicazione è la CEI EN 60204-1 (equipaggiamenti elettrici), valgono le stesse considerazioni solo che oltre alla conduttura di devi preoccupare anche dei carichi. Per i motori sotto i 500 W non c'è l'obbligo di protezione dalle sovracorrenti. La protezione dalle sovracorrenti la puoi installare a valle o a monte indistintamente.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,6k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14212
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[8] Re: Protezione motore e cavo

Messaggioda Foto Utentemulder80 » 16 set 2016, 12:05

intanto grazie come sempre Mike..
io sono all'interno di un capannone, classificato a maggior rischio in caso di incendio..

Si tratta di classiche pompe sui circuiti di mandata riscaldamento (montate in derivazione dal collettore). Presumo quindi sia in ambito impianto dm 37/08 essendo che non si tratta di quadro elettrico di bordo macchina ma di quadro elettrico di distribuzione del locale (alimento la luce e le prese di servizio del locale, delle pompe di calore e appunto le pompe di mandata dei circuiti),

Quindi direi magnetotermico; se fosse stato invece luogo ordinario avrei potuto demandare a valle il sovraccarico con la protezione termica integrata alla pompa, corretto?
Avatar utente
Foto Utentemulder80
35 1 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 111
Iscritto il: 10 giu 2009, 16:46

0
voti

[9] Re: Protezione motore e cavo

Messaggioda Foto UtenteMike » 16 set 2016, 14:40

mulder80 ha scritto:Quindi direi magnetotermico; se fosse stato invece luogo ordinario avrei potuto demandare a valle il sovraccarico con la protezione termica integrata alla pompa, corretto?


:ok:
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,6k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14212
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[10] Re: Protezione motore e cavo

Messaggioda Foto UtenteGuerra » 16 set 2016, 15:19

Colgo l'occasione per ricordare che a settembre 2016 esce la IEC 60204-1:2016.
Poi sarà recepita da CEN e CEI.
Dovrebbero esserci numerosi cambiamenti.
Vedremo.
"Le domande non sono mai indiscrete. Le risposte lo sono a volte"
Per qualche dollaro in più
Avatar utente
Foto UtenteGuerra
34,7k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 4735
Iscritto il: 14 apr 2010, 16:38

Prossimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 34 ospiti