Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Controllo contrasto GLCD da software

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto UtenteIsidoroKZ, Foto UtenteDirtyDeeds, Foto Utentecarloc, Foto UtenteBrunoValente, Foto Utenteg.schgor

0
voti

[1] Controllo contrasto GLCD da software

Messaggioda Foto UtenteStefDrums » 14 ago 2014, 17:47

Ciao a tutti,
per un mio progetto devo utilizzare un GLCD e vorrei controllare il contrasto da software. per questo ho pensato di utilizzare un potenziometro digitale (ecco unn schema d'esempio):


Ho però un dilemma: tutti i potenziometri digitali che ho cercato, accettano come tensione negativa minima GND - 0,3V ma il potenziometro sarà collegato a Vee, che è la tensione negativa fornita dal display.
Come posso fare acontrollarlo senza rovinare il potenziometro?

Grazie!
Avatar utente
Foto UtenteStefDrums
240 1 6 9
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 358
Iscritto il: 20 feb 2013, 14:15

2
voti

[2] Re: Controllo contrasto GLCD da software

Messaggioda Foto Utentegammaci » 16 ago 2014, 9:33

Ciao Foto UtenteStefDrums
Esistono diverse strade percorribili, un senso generale non dovresti usare un potenziometro digitale.

- un fotoaccoppiatore la cui uscita (transistor o MOS) sia parte del divisore di tensione
- un circuito nato per lo scopo, soluzione adottata nell' industria come preferenziale

Ti segnalo ad esempio MAX 479 Digitally Adjustable LCD Bias Supply

Il circuitino fornisce direttamente la tensione di bias negativa ed è programmabile su 64 livelli di contrasto per tensioni negative fino a 100 V.

L'adozione di un potenziometro digitale classico è anche possibile, ne esisteranno di flottanti, ma la stragrande maggioranza ha i tre terminali nel range Vss Vdd. :(

O_/
Da soli conosciamo alcune cose.
In molti ne conosceremo molte di più.
Avatar utente
Foto Utentegammaci
3.838 2 4 7
Master
Master
 
Messaggi: 1040
Iscritto il: 27 feb 2014, 12:20

0
voti

[3] Re: Controllo contrasto GLCD da software

Messaggioda Foto Utente118volt » 16 ago 2014, 18:54

qui spiegano come fanno via PWM ... dovrebbe andar bene anche al caso tuo.

http://www.pcbheaven.com/circuitpages/P ... t_Control/
Avatar utente
Foto Utente118volt
60 2
 
Messaggi: 21
Iscritto il: 21 mar 2014, 22:43

0
voti

[4] Re: Controllo contrasto GLCD da software

Messaggioda Foto UtenteStefDrums » 16 ago 2014, 19:12

Grazie Foto Utentegammaci per la tua risposta. Ho pensato ad un potenziometro digitale perché è una soluzione comoda che ho già adottato con un classico HD44780, che necessitando solo di un range di tensione positiva non mi crea problemi di potenziale oltre la dinamica del potenziometro.
Ti ringrazio, non sapevo esistessero IC dedicati.

Foto Utente118volt, quello che mi hai indicato tu potrebbe andare bene per un display con riferimento con potenziale solo positivo. In quel caso è più facile gestirlo, comunque grazie anche a te.
Avatar utente
Foto UtenteStefDrums
240 1 6 9
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 358
Iscritto il: 20 feb 2013, 14:15

1
voti

[5] Re: Controllo contrasto GLCD da software

Messaggioda Foto UtenteStefDrums » 16 ago 2014, 21:09

Aggiungo:
studiando il datasheet del display che utilizzerò
ERM24064-1_Series_Manual.pdf
(566.24 KiB) Scaricato 54 volte
(ultima pagina) sto cercando di capire quale range di tensione fornire sul terminale V0 per pilotare il contrasto.
Nel circuito esempio
ERM24064-1_Interfacing.pdf
(95.53 KiB) Scaricato 125 volte
viene collegato con il classico potenziometro tra GND e Vee.
Dal datasheet deduco che Vdd-V0 deve essere compreso tra 11,8 V e 12,2 V.
Con Vdd = 5V deduco che V0 funzionerà tra -6,8 V e -7,2 V.
Ho 2 dubbi:
- il range (0,4 V) mi sembra troppo piccolo.
- nell`esempio V0 ha un potenziale che varia tra 0 V e Vee.

quindi non capisco: quale potenziale dare su V0?? qual è la tensione di uscita di Vee??
Avatar utente
Foto UtenteStefDrums
240 1 6 9
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 358
Iscritto il: 20 feb 2013, 14:15

0
voti

[6] Re: Controllo contrasto GLCD da software

Messaggioda Foto Utentegammaci » 17 ago 2014, 10:39

Ho dato una scorsa al manuale (se cosi' vogliamo chiamarlo) e i dubbi che hai li condivido #-o

La tensione Vo secondo lo schema di interfacciamento va da Vdd a Vee e fine.
Magari riservati la possibilità di usare il potenziometro come previsto in maniera da misurare la tensione effettiva e il range utile, altro non azzarderei.
In seconda battuta e conosciuti valori e range della tensione di pilotaggio si può escogitare la maniera migliore per comandare da CPU.
Azzardo, la tensione può variare nel range descritto ma l'intervallo utile è compreso in quei 0.4, al di fuori, LCD tutto bianco o tutto nero.
Da soli conosciamo alcune cose.
In molti ne conosceremo molte di più.
Avatar utente
Foto Utentegammaci
3.838 2 4 7
Master
Master
 
Messaggi: 1040
Iscritto il: 27 feb 2014, 12:20

0
voti

[7] Re: Controllo contrasto GLCD da software

Messaggioda Foto UtenteStefDrums » 17 ago 2014, 15:32

gammaci ha scritto:Ho dato una scorsa al manuale (se cosi' vogliamo chiamarlo) e i dubbi che hai li condivido #-o

La tensione Vo secondo lo schema di interfacciamento va da Vdd a Vee e fine.
Magari riservati la possibilità di usare il potenziometro come previsto in maniera da misurare la tensione effettiva e il range utile, altro non azzarderei.
In seconda battuta e conosciuti valori e range della tensione di pilotaggio si può escogitare la maniera migliore per comandare da CPU.
Azzardo, la tensione può variare nel range descritto ma l'intervallo utile è compreso in quei 0.4, al di fuori, LCD tutto bianco o tutto nero.


È la stessa cosa che ho pensato io. Dovrei riuscire ad acquistare i display in questi giorni, e appena possibile faccio proprio il test Tensione/Contrasto.
Appena ho i dati aggiorno il thread.
grazie!
Avatar utente
Foto UtenteStefDrums
240 1 6 9
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 358
Iscritto il: 20 feb 2013, 14:15

0
voti

[8] Re: Controllo contrasto GLCD da software

Messaggioda Foto UtenteStefDrums » 11 ott 2014, 19:03

Ciao a tutti,
ho acquistato il display che intendo usare, ed ho effettuato diverse misure.

Ho misurato la tensione a vuoto sul PIN 20 (Vee): è quasi -15V con una tensione di alimentazione di 5V
Riporto qui i dati:

Vdd [V] Vee [V]
2 -5,64
2,5 -7,36
3,5 -10,4
3,8 -11,1
4,2 -12,32
4,9 -14,35

Ho poi collegato il PIN Vee al PIN 4 (V0), come da datasheet:

ed ho notato che il contrasto è apprezzabilmente regolato da una tensione sul PIN V0 compresa tra -3,3 V a -11,57 V.

Ora quindi devo trovare un IC che mi generi una tesione negativa (Cherge pump?) e che sia controllabile digitalmente da un microcontrollore (PWM, I2C, SPI, ecc...).
Qualcuno potrebbe consigliarmi?
Esiste una famiglia particolare di IC che svoglono questa funzione?
Grazie!
Avatar utente
Foto UtenteStefDrums
240 1 6 9
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 358
Iscritto il: 20 feb 2013, 14:15

0
voti

[9] Re: Controllo contrasto GLCD da software

Messaggioda Foto Utentegammaci » 12 ott 2014, 10:14

Bentornato :ok:
Non ho idea del carico sulla CPU, ad ogni modo ti segnalo un interessante EDN sul tema completo di codice sorgente per Atmel ma facilmente adattabile ad altre famiglie

http://edn.com/design/analog/4312668/Low-cost-LCD-bias-generator-uses-main-microcontroller-as-control-IC

Integrati appositamente per lo scopo ne esistono, quello già segnalato e altri che puoi scegliere ricercandoli per funzione
Da soli conosciamo alcune cose.
In molti ne conosceremo molte di più.
Avatar utente
Foto Utentegammaci
3.838 2 4 7
Master
Master
 
Messaggi: 1040
Iscritto il: 27 feb 2014, 12:20


Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 30 ospiti