Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Generatore sincrono, corrente eccitazione, curve a V mordey

Trasformatori, macchine rotanti ed azionamenti

Moderatori: Foto Utentefpalone, Foto UtenteSandroCalligaro, Foto Utentemario_maggi

0
voti

[1] Generatore sincrono, corrente eccitazione, curve a V mordey

Messaggioda Foto Utentebigfly70 » 20 ott 2014, 13:32

Buongiorno,
volevo delucidazioni su un problema sulla corrente di eccitazione di un alternatore sincrono in parallelo alla rete nazionale da 8,5 MVA a 6,3kV: l'alternatore in questione normalmente funziona a cos fi 0,91 con una corrente di eccitazione di 4,5A sul regolatore e produce circa 2800 kvar e 6600 kW. Ultimamente è aumentata la corrente di eccitazione del regolatore a 7,2A il cos fi è a 0,99 e produce 900 kvar e sempre 6600 kW (erogati da una turbina a gas).
Aumentando la corrente di eccitazione, a potenza attiva costante, la produzione di energia reattiva dovrebbe aumentare e il cos fi abbassarsi. la corrente di eccitazione viene trasmessa all'induttore tramite un ponte a diodi rotante montato su rotore.
Cosa puo essere successo? inoltre, avento un cos fi vicino a 1, si possono aver problemi di sottoeccitazione e perdita di sincronismo con la rete, quando questo puo essere un problema? (ricordo il grafico delle curve a V (o di Mordey) che ci sono zone instabili quando il cos fi è verso 1.
Grazie
Avatar utente
Foto Utentebigfly70
0 3
 
Messaggi: 9
Iscritto il: 27 gen 2012, 18:56

0
voti

[2] Re: generatore sincrono, corrente eccitazione, curve a V mor

Messaggioda Foto UtenteEcoTan » 20 ott 2014, 13:43

bigfly70 ha scritto:Cosa puo essere successo?

Magari i diodi rotanti si sono guastati e la corrente di eccitazione in realtà è diminuita e non aumentata. Se è così un certo pericolo potrebbe esserci.
Avatar utente
Foto UtenteEcoTan
5.340 4 10 13
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 3190
Iscritto il: 29 gen 2014, 8:54

0
voti

[3] Re: generatore sincrono, corrente eccitazione, curve a V mor

Messaggioda Foto UtenteStefanoSunda » 22 ott 2014, 13:30

Che cosa può essere successo?

Si deve sapere che quando l’alternatore non funziona in modo autonomo ma collegato con una rete elettrica a tensione costante, la corrente di eccitazione non può rimanere costante, ma deve essere variata in modo che, per ogni valore di I e di φ, la tensione indotta a vuoto sia tale da mantenere costante la tensione ai morsetti della macchina.
1) per carichi capacitivi e ohmico-capacitivi la corrente di eccitazione deve diminuire all’aumentare di quella di carico, giacché la reazione d’indotto, essendo magnetizzante, tenderebbe a far aumentare la tensione e, pertanto, occorre ridurre l’eccitazione per contrastare l’aumento del flusso magnetico.
2) per carichi induttivi, ohmico-induttivi la corrente di eccitazione deve aumentare all’aumentare di quella di carico, giacché la reazione d’indotto, essendo smagnetizzante, tenderebbe a far diminuire la tensione e, pertanto, occorre aumentare l’eccitazione per contrastare la diminuzione di flusso.
Avatar utente
Foto UtenteStefanoSunda
2.208 3 6 10
Master
Master
 
Messaggi: 1534
Iscritto il: 16 set 2010, 19:29

0
voti

[4] Re: generatore sincrono, corrente eccitazione, curve a V mor

Messaggioda Foto Utentebigfly70 » 25 ott 2014, 20:56

La tensione di rete non è variata: 20,6 kV, il generatore funziona principalmente collegato alla rete, la corrente in uscita dal regolatore è circa 7 A misurata con pinza amperometrica, il problema potrebbe essere sul gruppo diodi-alternatore per l'eccitazione. Il flusso sul rotore per qualche causa è diminuito: mi sto chiedendo se si guasta un diodo sul raddrizzatore trifase del rotore, la corrente di eccitazione nel rotore erogata dal raddrizzatore diminuisce?
Avatar utente
Foto Utentebigfly70
0 3
 
Messaggi: 9
Iscritto il: 27 gen 2012, 18:56

0
voti

[5] Re: Generatore sincrono, corrente eccitazione, curve a V mor

Messaggioda Foto UtenteEcoTan » 26 ott 2014, 9:56

Intendevo dire proprio quello: non credo che esistano dei mezzi per misurare direttamente la corrente su quell'affare che gira, probabilmente quella che si misura è la preeccitazione sulla parte fissa dell'alternatorino che poi alimenta i diodi rotanti. I diodi rotanti si guastano con relativa facilità e il guasto potrebbe procedere.
Avatar utente
Foto UtenteEcoTan
5.340 4 10 13
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 3190
Iscritto il: 29 gen 2014, 8:54

0
voti

[6] Re: Generatore sincrono, corrente eccitazione, curve a V mor

Messaggioda Foto Utentebigfly70 » 28 ott 2014, 1:09

mi stavo chiedendo cosa succede se si guasta un diodo sul raddrizzatore trifase.... Verrebbe a mancare una semionda di una fase e la tensione in uscita sull'induttore principale avrebbe una forma d'onda distorta, e quindi anche la tensione dell'alternatore E0 non sarebbe sinosuoidale.
dovrebbero aumentare le vibrazioni? chiedo conferme.
Avatar utente
Foto Utentebigfly70
0 3
 
Messaggi: 9
Iscritto il: 27 gen 2012, 18:56

0
voti

[7] Re: Generatore sincrono, corrente eccitazione, curve a V mor

Messaggioda Foto Utentessormanni » 2 nov 2014, 18:40

Dovresti controllare l'AVR che solitamente è costruito da Leroy-Somer (Emerson). sono loro che in funzione della corrente circolante, della tensione ai capi del generatore (tramite TV) fornisce l'esatta tensione dell'eccitazione.
Avatar utente
Foto Utentessormanni
38 2 4
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 105
Iscritto il: 7 set 2009, 18:34
Località: viareggio

0
voti

[8] Re: Generatore sincrono, corrente eccitazione, curve a V mor

Messaggioda Foto Utentebigfly70 » 3 nov 2014, 16:32

ssormanni ha scritto:Dovresti controllare l'AVR che solitamente è costruito da Reloy-Somer (Emerson). sono loro che in funzione della corrente circolante, della tensione ai capi del generatore (tramite TV) fornisce l'esatta tensione dell'eccitazione.


La regolazione dell'eccitazione in uscita dall'AVR mi sembra che è fatta in corrente, non in tensione. Le misure sull'alternatore e quelle sull'interruttore di rete sembrano corrette. La corrente di eccitazione adesso è 7,2A (a video e misurati con pinza), normalmente con 4,5A si produce 3000 kvar, ora è calata ancora, circa 3-400 kvar, la cosa strana è che ha un degrado continuo nel tempo (da circa un mese).
Avatar utente
Foto Utentebigfly70
0 3
 
Messaggi: 9
Iscritto il: 27 gen 2012, 18:56

0
voti

[9] Re: Generatore sincrono, corrente eccitazione, curve a V mor

Messaggioda Foto Utentelambon » 3 nov 2014, 20:14

bigfly70 ha scritto:Aumentando la corrente di eccitazione, a potenza attiva costante, la produzione di energia reattiva dovrebbe aumentare e il cos fi abbassarsi.


Partendo dalla sotto eccitazione (corrente di eccitazione << della nominale) il cosφ è minore di 1 e la potenza reattiva induttiva è alta, aumentando l'eccitazione la reattiva diminuisce ed il cosφ si porta verso l' unità, quando il cosφ e uguale a 1 la potenza reattiva è azzerata, continuando ad aumentare l'eccitazione si incomincia a generare energia reattiva capacitiva ed il cosφ cambia segno e si raibbassa
Il tuo generatore non ha guasti sui diodi rotanti ma solo un malfunzionamento della regolazione che deve essere verificata da un tecnico
Avatar utente
Foto Utentelambon
120 1 2
New entry
New entry
 
Messaggi: 76
Iscritto il: 23 ott 2007, 22:21

0
voti

[10] Re: Generatore sincrono, corrente eccitazione, curve a V mor

Messaggioda Foto Utentebigfly70 » 4 nov 2014, 0:58

il cos fi cambia segno?
Avatar utente
Foto Utentebigfly70
0 3
 
Messaggi: 9
Iscritto il: 27 gen 2012, 18:56

Prossimo

Torna a Macchine elettriche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti