Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Calcolo elettrico delle linee di distribuzione in MT e BT

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentelillo

0
voti

[1] Calcolo elettrico delle linee di distribuzione in MT e BT

Messaggioda Foto UtenteMrCannelloni » 8 nov 2014, 17:32

Salve a tutti, sto studiando, in linea molto qualitativa il dimensionamento delle linee di distribuzione elettriche in base al criterio elettrico, ossia della massima caduta di tensione ammissibile.
Ora da quanto ho capito io una volta determinate le correnti assorbite ed i f.d.p. dei vari carichi allacciati alla linea, in base alla caduta massima che si vuole ottenere si procede con una serie di calcoli e procedimenti.

Quello che mi sembra strano è che in alcuni casi si procede dimensionando la linea, prima ipotizzando f.d.p.=1 (e quindi anche trascurando la caduta reattiva) per tutti i carichi e poi dopo si ridimensiona con tutti gli effettivi f.d.p. di ogni carico. Ma a cosa serve dimensionare con f.d.p.=1???
Avatar utente
Foto UtenteMrCannelloni
520 5 11
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 155
Iscritto il: 1 mar 2014, 12:26

0
voti

[2] Re: calcolo elettrico delle linee di distribuzione in MT e B

Messaggioda Foto UtenteMrCannelloni » 8 nov 2014, 17:49

mi suggerisce un collega che il calcolo con f.d.p.=1 vale per casi particolari (linee in c.c. o reattanza linea trascurabile per esempio) o comunque è didattico ed è utile a capire il procedimento con f.d.p.<1
Avatar utente
Foto UtenteMrCannelloni
520 5 11
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 155
Iscritto il: 1 mar 2014, 12:26

0
voti

[3] Re: calcolo elettrico delle linee di distribuzione in MT e B

Messaggioda Foto Utentefrancesco51 » 8 nov 2014, 18:30

il calcolo con f.d.p. = 1 ti fornisce una prima ragionevole approssimazione per calcolare le sezioni.
poi verifichi le sezioni usando il f.d.p. effettivo.
Avatar utente
Foto Utentefrancesco51
208 3
 
Messaggi: 43
Iscritto il: 24 mag 2012, 19:49

0
voti

[4] Re: calcolo elettrico delle linee di distribuzione in MT e B

Messaggioda Foto Utentequicksilver214 » 8 nov 2014, 18:32

il collega ha ragione.
Avatar utente
Foto Utentequicksilver214
0 2
 
Messaggi: 12
Iscritto il: 28 apr 2012, 23:37

0
voti

[5] Re: calcolo elettrico delle linee di distribuzione in MT e B

Messaggioda Foto Utentegioca21 » 8 nov 2014, 23:33

MrCannelloni ha scritto:... in alcuni casi si procede dimensionando la linea, prima ipotizzando f.d.p.=1 (e quindi anche trascurando la caduta reattiva) per tutti i carichi e poi dopo si ridimensiona con tutti gli effettivi f.d.p. di ogni carico.

Sicuro che non sia il contrario?
Il metodo classico prevedeva di studiare prima la linea "reattiva" (percorsa dalle sole componenti in quadratura) e poi la linea "attiva" (percorsa dalle sole componenti in fase).
Avatar utente
Foto Utentegioca21
330 1 3 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 278
Iscritto il: 17 gen 2010, 13:54

0
voti

[6] Re: Calcolo elettrico delle linee di distribuzione in MT e B

Messaggioda Foto UtenteMrCannelloni » 9 nov 2014, 13:30

si sono sicuro! anche perché capita che venga fatto prima tutto il procedimento per determinare la sezione con fdp=1 e poi quando si considerano quelli effettivi, come appunto dici tu Foto Utentegioca21,si determina prima la "caduta reattiva" grazie anche ad un valore di "x"(reattanza induttiva per unità di lunghezza) scelto arbitrariamente, poi la sezione commerciale che più si avvicina al valore calcolato e infine si verifica che il valore di "x" scelto vada bene per quella sezione commerciale.
In caso affermativo il calcolo è finito, altrimenti bisogna scegliere un altro valore di x e ripetere tutto.
Avatar utente
Foto UtenteMrCannelloni
520 5 11
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 155
Iscritto il: 1 mar 2014, 12:26

0
voti

[7] Re: Calcolo elettrico delle linee di distribuzione in MT e B

Messaggioda Foto Utentegioca21 » 9 nov 2014, 18:27

Per curiosità, che libro di testo stai usando?
E' vero che considerando f. di p. = 1 (trascurando così le componenti reattive della c. di t.) si arriva ad un risultato abbastanza approssimato se la sezione della linea è modesta e addirittura quasi preciso se molto modesta, ma da un punto di vista didattico non trovo questo metodo istruttivo. Naturalmente la mia è solo un'opinione personale.
Avatar utente
Foto Utentegioca21
330 1 3 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 278
Iscritto il: 17 gen 2010, 13:54

0
voti

[8] Re: Calcolo elettrico delle linee di distribuzione in MT e B

Messaggioda Foto UtenteMrCannelloni » 9 nov 2014, 19:59

Ho studiato dalle dispense universitarie di "Apparecchi e impianti elettrici" del prof. Fantauzzi, il testo che lui da di riferimento riguardo questo particolare argomento è Cataliotti V. : Impianti elettrici Vol.III, Analisi dei sistemi di distribuzione in media e bassa tensione, mai trovato in biblioteca e non era proprio il caso di comprarlo perché insieme a questo ne avrei dovuti comprare altri 7, sempre di impianti, solo per questo esame.
Avatar utente
Foto UtenteMrCannelloni
520 5 11
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 155
Iscritto il: 1 mar 2014, 12:26

0
voti

[9] Re: Calcolo elettrico delle linee di distribuzione in MT e B

Messaggioda Foto Utentegioca21 » 9 nov 2014, 20:44

Se lo dice Cataliotti, non posso far altro che inchinarmi :-).
Però resto della mia idea :mrgreen:
Avatar utente
Foto Utentegioca21
330 1 3 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 278
Iscritto il: 17 gen 2010, 13:54


Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 53 ospiti