Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Circuito con diodo

Circuiti e campi elettromagnetici

Moderatori: Foto UtenteIsidoroKZ, Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteEdmondDantes

0
voti

[1] Circuito con diodo

Messaggioda Foto UtenteLoScienziato » 6 gen 2015, 12:28

Buongiorno, mi potreste dare una spiegazione su come risolvere questo circuito con un diodo con thevenin e Norton?

Grazie :ok:

Avatar utente
Foto UtenteLoScienziato
10 4
New entry
New entry
 
Messaggi: 87
Iscritto il: 5 gen 2015, 20:59

0
voti

[2] Re: Circuito con diodo

Messaggioda Foto Utenteyustel » 6 gen 2015, 13:04

Con "risolvere il circuito" suppongo tu voglia conoscere tutte le correnti e tutte le tensioni, giusto? Se è così mi chiedo perché scomodare Thevenin e Norton per un circuito dove Kirchhoff è più che sufficiente.

Comunque sia, questo circuito non è fatto con componenti lineari, quindi il classico Thevenin non è applicabile, a meno che non facciamo in modo che diventi lineare. qual è il componente non lineare che crea problemi?

Secondo te quel diodo conduce o no? perché?
Erwin Schrödinger forse è stato qui.
Avatar utente
Foto Utenteyustel
173 4
New entry
New entry
 
Messaggi: 92
Iscritto il: 22 feb 2010, 18:30

0
voti

[3] Re: Circuito con diodo

Messaggioda Foto UtenteLoScienziato » 6 gen 2015, 13:24

Sisi vorrei sapere le correnti e le tensioni.
Da risolvere con thevenin e Norton perché è scritto nella consegna se preferisce può risolverlo anche con Kirchhoff.
Per vedere se conduce bisogna vedere come è polarizzato no?
Avatar utente
Foto UtenteLoScienziato
10 4
New entry
New entry
 
Messaggi: 87
Iscritto il: 5 gen 2015, 20:59

0
voti

[4] Re: Circuito con diodo

Messaggioda Foto Utenteyustel » 6 gen 2015, 13:44

LoScienziato ha scritto:Sisi vorrei sapere le correnti e le tensioni.
se preferisce può risolverlo anche con Kirchhoff.


Al massimo posso dare qualche dritta, a risolverlo devi pensarci tu ;-)

LoScienziato ha scritto:Per vedere se conduce bisogna vedere come è polarizzato no?


Esattamente, e questo in genere si fa supponendo lo stato del diodo e sostituendo lo stesso con un determinato modello equivalente.
Successivamente si va a vedere se il diodo è effettivamente nello stato in cui si era supposto essere.

Quali sono questi stati di funzionamento del diodo e quali sono le condizioni che fanno si che il diodo sia in uno stato piuttosto che in un altro?

Una volta che hai risposto a queste due domande credo tu possa suppore uno dei due stati e iniziare a risolvere come preferisci
Erwin Schrödinger forse è stato qui.
Avatar utente
Foto Utenteyustel
173 4
New entry
New entry
 
Messaggi: 92
Iscritto il: 22 feb 2010, 18:30

0
voti

[5] Re: Circuito con diodo

Messaggioda Foto UtenteLoScienziato » 6 gen 2015, 14:48

Se non sbaglio

1ª approssimazione
Se Vab < 0 --> I = 0 mA
Se Vab > 0 --> I = (V1 / R1) + (V2 / R2)

Giusto
Avatar utente
Foto UtenteLoScienziato
10 4
New entry
New entry
 
Messaggi: 87
Iscritto il: 5 gen 2015, 20:59

0
voti

[6] Re: Circuito con diodo

Messaggioda Foto Utenteyustel » 6 gen 2015, 15:02

Sono d'accordo, ma non è la risposta alle domande che ti ho fatto. In ogni caso, come ti ho detto:

-Supponi il diodo in uno dei due stati di funzionamento
-Calcoli correnti/tensioni per vedere se è effettivamente in quello stato
-Se il risultato è coerente con la supposizione continui risolvi il circuito
-Se non lo è significa che il diodo è nell'altro stato, cambi modello e risolvi
Erwin Schrödinger forse è stato qui.
Avatar utente
Foto Utenteyustel
173 4
New entry
New entry
 
Messaggi: 92
Iscritto il: 22 feb 2010, 18:30

3
voti

[7] Re: Circuito con diodo

Messaggioda Foto UtentePietroBaima » 6 gen 2015, 15:06

Potresti anche fare un equivalente Thevenin o Norton staccando il diodo.
Il teorema di Thevenin e di Norton hanno come ipotesi la linearità della rete che viene staccata dal resto del circuito e non la linearità dell'intera rete.

Ciao,
Pietro.
Generatore codice per articoli:
nomi
emoticon
citazioni
formule latex

Io capisco le cose per come le scrivete. Per esempio: K sono kelvin e non chilo, h.z è la costante di Planck per zepto o per la zeta di Riemann e l'inverso di una frequenza non si misura in siemens.
Avatar utente
Foto UtentePietroBaima
77,1k 6 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 9408
Iscritto il: 12 ago 2012, 1:20
Località: Londra


Torna a Elettrotecnica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti