Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Impianto elettrico rifatto e... mi raccontano frottole!

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentelillo

2
voti

[111] Re: Impianto elettrico rifatto e... mi raccontano frottole!

Messaggioda Foto UtenteGiovepluvio » 3 apr 2015, 14:26

iosolo35 ha scritto:se leggi il campo di applicazione del cap37 c'è scritto che lo scopo di questo capitolo è per garantire la SICUREZZA delle persone e dei beni, ricordiamocelo




37 Ambienti residenziali - Prestazioni dell’impianto
37.1 Campo di applicazione
Ad integrazione delle prescrizioni riportate nella Norma aventi lo scopo di garantire la sicurezza
delle persone e dei beni, nel presente Capitolo sono fornite prescrizioni addizionali, ai fini delle
prestazioni
, da applicarsi agli impianti elettrici di unità immobiliari ad uso residenziale situate
all’interno dei condomini o di unità abitative mono o plurifamiliari.


Io forse ho delle difficoltà di comprensione ma mi pare che dica un'altra cosa...
Avatar utente
Foto UtenteGiovepluvio
5.943 3 6 10
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2941
Iscritto il: 21 dic 2010, 1:10
Località: Mantova

0
voti

[112] Re: Impianto elettrico rifatto e... mi raccontano frottole!

Messaggioda Foto Utenteiosolo35 » 3 apr 2015, 14:32

perché non evidenzi lo scopo nella riga prima?
non ci sono problemi, ma solo soluzioni
Avatar utente
Foto Utenteiosolo35
42,0k 7 11 12
Master
Master
 
Messaggi: 3387
Iscritto il: 15 mar 2012, 15:34
Località: Trento

0
voti

[113] Re: Impianto elettrico rifatto e... mi raccontano frottole!

Messaggioda Foto Utenteattilio » 3 apr 2015, 14:45

la norma tecnica ragiona sui mq e sulla probabile destinazione d'uso degli ambienti cercando di prevedere di default quelle che una volta potevano essere solo le "predisposizioni"

il costruttore ragiona sulla % di profitto dalla vendita dell'immobile, perché mai dovrebbe spendere di più del necessario per l'impianto elettrico (va bene, sto generalizzando...)

l'installatore della ditta di costruzioni del costruttore di cui sopra, ragiona in €, basta che venga pagato, tutto il resto è fuffa!

l'installatore serio informa il cliente dei requisiti prestazionali e insieme ragionano sul da farsi

l'installatore poco serio, ragiona non sapendo neppure cosa sia la 64/8, ma peggio ancora, realizzando impianti fotocopia a quelli fatti quando era tirafili senza abilitazione 46/90

il cliente medio, ragiona in funzione di quanto la voce popolare sostiene: "l'impianto elettrico deve essere a norma CEE", o peggio deve avere "la certificazione" [...e magari anche il salvavita!]

il cliente 2.0, ragiona in base a quanto riesce a documentarsi via web, conosce per sentito dire le norme, il CEI, le varianti, le dotazioni, ed è spesso colto dal timore di essere fregato dall'installatore poco serio

gli utenti del forum ragionano a loro volta secondo interpretazioni personali e a volte oggettive,
ma non sempre si riesce ad avere una voce unica e sottoscritta all'unanimità

morale?

la burocrazia complica le cose solo alle persone che ragionano!
Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera


Salvatore Quasimodo
Avatar utente
Foto Utenteattilio
58,4k 8 12 13
free expert
 
Messaggi: 8578
Iscritto il: 21 gen 2007, 14:34

1
voti

[114] Re: Impianto elettrico rifatto e... mi raccontano frottole!

Messaggioda Foto UtenteMike » 3 apr 2015, 14:49

Giovepluvio ha scritto:Io forse ho delle difficoltà di comprensione ma mi pare che dica un'altra cosa...


Grazie Foto UtenteGiovepluvio stavo per pubblicarlo io :mrgreen:
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,8k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14244
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

3
voti

[115] Re: Impianto elettrico rifatto e... mi raccontano frottole!

Messaggioda Foto UtenteGiovepluvio » 3 apr 2015, 14:54

iosolo35 ha scritto:perché non evidenzi lo scopo nella riga prima?



Foto Utenteiosolo35 ma stai scherzando o dici sul serio?

37 Ambienti residenziali - Prestazioni dell’impianto
37.1 Campo di applicazione
Ad integrazione delle prescrizioni riportate nella Norma aventi lo scopo di garantire la sicurezza
delle persone e dei beni


Dobbiamo fare insieme l'analisi logica della frase? Come alle elementari?
Le prescrizioni che vengono integrate sono quelle che hanno lo scopo di garantire la sicurezza. NON è l'integrazione stessa che ha quello scopo! ?%
Avatar utente
Foto UtenteGiovepluvio
5.943 3 6 10
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2941
Iscritto il: 21 dic 2010, 1:10
Località: Mantova

0
voti

[116] Re: Impianto elettrico rifatto e... mi raccontano frottole!

Messaggioda Foto Utenteiosolo35 » 3 apr 2015, 15:04

scopo della norma garantire la sicurezza delle persone e dei beni ed in questo capitolo ci indica come arrivarci nel caso degli impianti elettrici negli appartamenti, questa è la mia opinione e di tanti altri poi ognuno può pensarla come meglio crede.....
non ci sono problemi, ma solo soluzioni
Avatar utente
Foto Utenteiosolo35
42,0k 7 11 12
Master
Master
 
Messaggi: 3387
Iscritto il: 15 mar 2012, 15:34
Località: Trento

0
voti

[117] Re: Impianto elettrico rifatto e... mi raccontano frottole!

Messaggioda Foto Utenteattilio » 3 apr 2015, 15:06

ma allora non è più un problema di interpretazione di una norma, quanto di interpretazione dell'italiano scritto!
Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera


Salvatore Quasimodo
Avatar utente
Foto Utenteattilio
58,4k 8 12 13
free expert
 
Messaggi: 8578
Iscritto il: 21 gen 2007, 14:34

1
voti

[118] Re: Impianto elettrico rifatto e... mi raccontano frottole!

Messaggioda Foto Utentebluefsun » 3 apr 2015, 15:06

Forse in medio stat veritas. :D

Vero che la norma è stata redatta per normare la sicurezza di un impianto, vero anche che il capitolo è dedicato prevalentemente alle prestazioni (se si eccettua per esempio la luce di emergenza in caso di mancanza di corrente), vero inoltre che integrare la variante all'interno della norma stessa (il cui scopo è prevalentmente di sicurezza) dia all'elemento prestazionale una certa connotazione di sicurezza.

Questa guida di ABB è davvero ben fatta


E proprio nelle prime tre pagine spiega perché l'allegato A della variante 3 sia stato inserito nella norma, che specifica appunto la necessità di meglio descrivere gli aspetti prestazionali dell'impianto non strettamente legati alla sicurezza. Le cose sono comunque, oggettivamente, legate biunivocamente: non avere un presa in cucina può spingere l'utente a usare prolunghe di trenta metri e farsi parecchio male, tanto per capirci. :-) Una luce di emergenza è un elemento di sicurezza, non certo solo prestazionale. E infatti è un obbligo per rispettare la norma.

L'impianto elettrico ha peraltro un riverbero molto concreto nella vita abitativa. Di questo si deve tener conto se parliamo di progresso e maggiore sicurezza (e anche di questo le norme si occupano, specie quando parlano di domotica). Probabilmente tra pochi anni tutti si stupiranno nel pensare che, nei nostri bagni, c'erano dei "pericolosissimi" interruttori che spesso premevamo con le mani inzuppate d'acqua e che questo fosse considerato perfettamente "a norma". Mentre ora (2025?), tutto si fa coi comandi vocali e da remoto.

Dopo questa breve digressione che spiega come prestazioni e sicurezza non siano per nulla aspetti distinti, anzi, e che quindi concordi con Foto Utenteiosolo35. Aggiungo un paio di punti ripresi dalla guida ABB sopra citata: le prescrizioni del Capitolo 37 si applicano ai nuovi impianti e ai rifacimenti completi. Inoltre il primo livello è quello base, obbligatorio per la conformità dell’impianto alla Norma CEI 64-8, ciò significa che non si può definire un impianto a norma CEI 64-8 se non è rispettato almeno il livello 1 del capitolo 37. Una frase del tipo "L'impianto rispetta la norma CEI 64-8 eccetto per il capitolo 37, come concordato col committente" è senza senso, la norma non è infatti rispettata senza il livello 1 del capitolo 37. Lo dice la norma stessa definendo il capitolo 37 normativo.

Questo a prescrindere dal fatto che sia o meno "legale" l'affermazione in sé, cosa che abbiamo già piacevolmente discusso con interessanti opinioni divergenti.
Ultima modifica di Foto Utentebluefsun il 3 apr 2015, 15:15, modificato 2 volte in totale.
Avatar utente
Foto Utentebluefsun
43 4
New entry
New entry
 
Messaggi: 89
Iscritto il: 29 gen 2015, 15:52

0
voti

[119] Re: Impianto elettrico rifatto e... mi raccontano frottole!

Messaggioda Foto Utenteiosolo35 » 3 apr 2015, 15:09

siccome in merito a questo capitolo mi sono confrontato 2 anni fa a Roma con il presidente di una categoria che ha partecipato alla redazione del capitolo 37, parlo a ragion veduta, ma come succede alcune volte qui non c'è verso di intendere......fa lo stesso
non ci sono problemi, ma solo soluzioni
Avatar utente
Foto Utenteiosolo35
42,0k 7 11 12
Master
Master
 
Messaggi: 3387
Iscritto il: 15 mar 2012, 15:34
Località: Trento

0
voti

[120] Re: Impianto elettrico rifatto e... mi raccontano frottole!

Messaggioda Foto Utente6367 » 3 apr 2015, 15:15

iosolo35 ha scritto:siccome in merito a questo capitolo mi sono confrontato 2 anni fa a Roma con il presidente di una categoria che ha partecipato alla redazione del capitolo 37, parlo a ragion veduta, ma come succede alcune volte qui non c'è verso di intendere


Quando si scrivono le norme, si parte dal presupposto che la norme siano applicate per intero.
La discussione su come derogare in parte o in toto della norma, esula dalla norma stessa.
Avatar utente
Foto Utente6367
18,8k 5 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6065
Iscritto il: 9 set 2005, 0:00

PrecedenteProssimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 25 ospiti