Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

sensibilità mano realtà aumentata

PLC, servomotori, inverter...robot

Moderatori: Foto Utentedimaios, Foto Utentecarlomariamanenti

0
voti

[1] sensibilità mano realtà aumentata

Messaggioda Foto Utentealfix » 7 mar 2015, 18:57

Salve a tutti,
questo è il mio primo post nel forum quindi piacere di conoscervi,
Vengo subito al nocciolo della questione vorrei fare qualcosa di simile a questa mano robotica
al minuto 1:35


ovvero quando virtualmente si prende un oggetto virtuale (ad esempio una palla) la mano robotica ferma il movimento della mano reale (o meglio ne impedisce la chiusura come se si tenesse in mano realmente la palla).

Quindi il mio problema è più specificamente: Come hardware quale componente elettronico devo usare affinchè la mia mano sia libera di muoversi ma in determinati momenti si blocchi?

Saluti
Avatar utente
Foto Utentealfix
0 2
 
Messaggi: 2
Iscritto il: 7 mar 2015, 17:15

0
voti

[2] Re: sensibilità mano realtà aumentata

Messaggioda Foto UtenteIsidoroKZ » 7 mar 2015, 19:23

E` un problema enorme: quello che vedi e` stato fatto da un team di decine di ingegneri che ci hanno messo un anno a mettere a punto l'oggetto, non solo lo hardware ma anche tutti il software di controllo.

Sul guanto e` montata una serie di freni che rendono piu` duro o bloccano il movimento dell'esoscheletro e danno la sensazione della resistenza.
Per usare proficuamente un simulatore, bisogna sapere molta più elettronica di lui
Plug it in - it works better!
Il 555 sta all'elettronica come Arduino all'informatica! (entrambi loro malgrado)
Se volete risposte rispondete a tutte le mie domande
Avatar utente
Foto UtenteIsidoroKZ
108,3k 1 3 8
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 19109
Iscritto il: 17 ott 2009, 0:00

0
voti

[3] Re: sensibilità mano realtà aumentata

Messaggioda Foto Utentealfix » 7 mar 2015, 19:34

Grazie della risposta,
ho omesso di dire una cosa importante: ovviamente so che il problema è difficile ma dal punto di vista software non ci dovrebbero essere problemi, non sono solo e all' occorrenza posso chiedere l' aiuto di diversi informatici che in laboratorio già dispongono di un guanto capace di "muoversi" in un ambiente virtuale, la mia domanda riguarda l' hardware per frenare questo guanto.
Quindi preciso meglio la domanda con quali componenti hardware posso lasciare la mia mano/guanto robotico libero di muoversi ed a un certo punto bloccarlo? Come implementare da un punto di vista hardware questi freni?
Avatar utente
Foto Utentealfix
0 2
 
Messaggi: 2
Iscritto il: 7 mar 2015, 17:15

0
voti

[4] Re: sensibilità mano realtà aumentata

Messaggioda Foto UtenteIsidoroKZ » 7 mar 2015, 19:54

nel filmato dicono che hanno presentato domanda di brevetto per il sistema di frenatura. Non so se sul loro sito dicano qualcosa di piu`. Potrebbe essere un elettromagnete con una leva che frena il cavo che va alla giuntura, oppure un motore passo passo che stringe una morsa che blocca il cavo, tanto non serve velocita` e neanche tanta corsa per muvere la ganascia. Non credo usino magnetostrizione o attuatori piezoelettrici.


Sto guardando il sito del produttore Sembra che il freno freni la prima articolazione, quella della falange. Ora guardo meglio.

Hanno un freno a disco, non modulabile, quindi solo on/off e il tutto e` applicato solo a pollice e indice. Non capisco se blocca solo la prima articolazione oppure toglie tutti i gradi di liberta` di movimento al dito.
Per usare proficuamente un simulatore, bisogna sapere molta più elettronica di lui
Plug it in - it works better!
Il 555 sta all'elettronica come Arduino all'informatica! (entrambi loro malgrado)
Se volete risposte rispondete a tutte le mie domande
Avatar utente
Foto UtenteIsidoroKZ
108,3k 1 3 8
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 19109
Iscritto il: 17 ott 2009, 0:00

0
voti

[5] Re: sensibilità mano realtà aumentata

Messaggioda Foto UtenteCandy » 8 mar 2015, 15:24

Mi intrometto perché IKZ ne sa sempre più dell'enciclopedia. Molti anni fa si parlava molto dei metalli a memoria di forma. Che fine hanno fatto? Di fronte ad impulsi elettrici localizzati tali da surriscaldare una zona risrtetta, non potrebbero aumentare il grado di resistenza alla deformabilità e, quindi, risultare di fatto come un ostacolo modulabile sia in forza che nella zona di applicazione della medesima?
Avatar utente
Foto UtenteCandy
32,5k 7 10 13
CRU - Account cancellato su Richiesta utente
 
Messaggi: 10129
Iscritto il: 14 giu 2010, 22:54

0
voti

[6] Re: sensibilità mano realtà aumentata

Messaggioda Foto Utentetipu91 » 12 mar 2015, 18:35

mi intrometto anche io... potresti usare uno esoscheletro ad aria compressa.. mi è venuta questa idea perche so che in giappone hanno ideato un esoscheletro leggerissimo che aiuta nei lavori di forza (esempio sollavere 5 sacchi di cemento) semplicemente bloccando la struttura con dei pistoni comandati ad aria compressa, quindi senza elettronica. ovviamente non avrai una vera e propria interfaccia aptica che restituisce sensazioni tattili, ma un freno 0-1 (o acceso o spento). tu naturalmente dovresti metterci anche la parte di controllo visto che devi interfacciarti con la realtà virtuale!!
ti allego il video dell'esoscheletro di cui parlo

Avatar utente
Foto Utentetipu91
1.015 6 13
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 229
Iscritto il: 12 nov 2012, 18:46
Località: Pisa


Torna a Automazione industriale ed azionamenti

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti