Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Dubbio su trasformatore di isolamento e norme Cei

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentelillo, Foto UtenteMASSIMO-G

0
voti

[81] Re: Dubbio su trasformatore di isolamento e norme Cei

Messaggioda Foto Utentealexcagliari » 8 mag 2015, 8:45

Ti posso chiedere il motivo?
Sto prendendo in esame tutte le opposizioni/consigli..
Avatar utente
Foto Utentealexcagliari
10 3
New entry
New entry
 
Messaggi: 55
Iscritto il: 5 mar 2015, 23:19
Località: Cagliari

0
voti

[82] Re: Dubbio su trasformatore di isolamento e norme Cei

Messaggioda Foto Utentealexcagliari » 10 mag 2015, 8:22

Foto Utenteattilio sorry
Ho bisogno di te :D
Avatar utente
Foto Utentealexcagliari
10 3
New entry
New entry
 
Messaggi: 55
Iscritto il: 5 mar 2015, 23:19
Località: Cagliari

0
voti

[83] Re: Dubbio su trasformatore di isolamento e norme Cei

Messaggioda Foto Utentecore » 10 mag 2015, 9:03

perché non proteggere il secondario con due fusibili per abbattere i costi?
Avatar utente
Foto Utentecore
718 3 9
Expert
Expert
 
Messaggi: 664
Iscritto il: 15 nov 2013, 16:07

0
voti

[84] Re: Dubbio su trasformatore di isolamento e norme Cei

Messaggioda Foto Utenteattilio » 10 mag 2015, 10:36

i fusibili di solito si preferiscono a monte del trasformatore, fanno un'ottima protezione dal cortocircuito, in questo caso anche se non sono ancora chiari i dati di targa del trasformatore (si è parlato di 2 kVA, ma è realmente quella la potenza apparente?), sembra verificato che a monte la protezione è assicurata dal magnetotermico C20 della linea prese

a questo punto la soluzione più economica è di prevedere solo un magnetotermico al secondario per proteggere linea e trasformatore dal sovraccarico

nella specifica applicazione, usare dei fusibili non porterebbe il benché minimo beneficio, nemmeno dal punto di vista economico,
quindi come dicevo prima, basta una magnetotermico curva C di corrente in linea con la nominale del trasformatore, ricordandoci che parliamo di un rapporto V1/V2 di 1:1,
la mia alternativa, era di mettere un'unica protezione ben dimensionata al primario, ad esempio un magnetotermico da 13 A in curva D (fatta salva la verifica dei dati di targa del trasformatore), in modo da utilizzarlo anche come interruttore generale di tutto il quadro ed evitare l'inserzione e il sezionamento tramite spina, ma lo ripeto è solo una mia personale preferenza

tutto questo, ripeto, a prescindere dal discorso sul differenziale

saluti
Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera


Salvatore Quasimodo
Avatar utente
Foto Utenteattilio
58,0k 8 12 13
free expert
 
Messaggi: 8501
Iscritto il: 21 gen 2007, 14:34

0
voti

[85] Re: Dubbio su trasformatore di isolamento e norme Cei

Messaggioda Foto Utentepaolo a m » 10 mag 2015, 18:09

Attilio ha scritto:sembra verificato che a monte la protezione è assicurata dal magnetotermico C20 della linea prese

Non ho letto tutta la discussione, ma, ho capito male o siamo in presenza di prese (che suppongo di tipo civile 10 o 16 A) protette da un magnetotermico da 20A?
Avatar utente
Foto Utentepaolo a m
4.573 1 2 4
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 1565
Iscritto il: 23 apr 2008, 8:55

0
voti

[86] Re: Dubbio su trasformatore di isolamento e norme Cei

Messaggioda Foto Utenteattilio » 10 mag 2015, 18:16

hai capito bene, chissà per quale motivo poi!?
-forse tra un po' scopriamo che ha un contratto da 4,5 o più kW (io mi sono già dimenticato se questa informazione sia stata data)
Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera


Salvatore Quasimodo
Avatar utente
Foto Utenteattilio
58,0k 8 12 13
free expert
 
Messaggi: 8501
Iscritto il: 21 gen 2007, 14:34

0
voti

[87] Re: Dubbio su trasformatore di isolamento e norme Cei

Messaggioda Foto Utentepaolo a m » 10 mag 2015, 18:22

Ok. Ma se tra le prese (civili, massimo 16A) e la protezione da 20A non vi è altro, la protezione delle prese non è garantita. E questo indipendentemente dalla potenza contrattuale.
Avatar utente
Foto Utentepaolo a m
4.573 1 2 4
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 1565
Iscritto il: 23 apr 2008, 8:55

0
voti

[88] Re: Dubbio su trasformatore di isolamento e norme Cei

Messaggioda Foto Utenteattilio » 10 mag 2015, 18:35

la supposizione sulla potenza era relativa al fatto che abbiano messo un C20 per le prese, classica soluzione "della domenica" che elimina il problema immediato e vanifica di molto la protezione dai sovraccarichi,
come dire: meglio un incendio domani che un interruttore che stacca in continuazione oggi :?

via MP, l'utente mi riferiva di circuiti promiscui, quindi credo che tutto l'impianto sia un po' da rivedere
Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera


Salvatore Quasimodo
Avatar utente
Foto Utenteattilio
58,0k 8 12 13
free expert
 
Messaggi: 8501
Iscritto il: 21 gen 2007, 14:34

0
voti

[89] Re: Dubbio su trasformatore di isolamento e norme Cei

Messaggioda Foto Utentealexcagliari » 11 mag 2015, 17:21

Attilio ha scritto:i fusibili di solito si preferiscono a monte del trasformatore, fanno un'ottima protezione dal cortocircuito, in questo caso anche se non sono ancora chiari i dati di targa del trasformatore (si è parlato di 2 kVA, ma è realmente quella la potenza apparente?), sembra verificato che a monte la protezione è assicurata dal magnetotermico C20 della linea prese

a questo punto la soluzione più economica è di prevedere solo un magnetotermico al secondario per proteggere linea e trasformatore dal sovraccarico


Ecco i dati di targa, mi è appena arrivato il trafo:
(ho oscurato per ragioni di privacy commerciali la marca ed i riferimenti della società)

Immagine

Attilio ha scritto:hai capito bene, chissà per quale motivo poi!?
-forse tra un po' scopriamo che ha un contratto da 4,5 o più kW (io mi sono già dimenticato se questa informazione sia stata data)


Foto Utenteattilio, delle volte mi fai perdere i lumi..prima sembri convinto di una soluzione, poi la smonti..non ti seguo più..Ho chiesto solo a mo di riepilogo come e cosa collegare al trafo e poi torni indietro sui tuoi passi..A casa ho un contratto da 4,5 kW, cosa centra?

Attilio ha scritto:la supposizione sulla potenza era relativa al fatto che abbiano messo un C20 per le prese, classica soluzione "della domenica" che elimina il problema immediato e vanifica di molto la protezione dai sovraccarichi,
come dire: meglio un incendio domani che un interruttore che stacca in continuazione oggi :?

via MP, l'utente mi riferiva di circuiti promiscui, quindi credo che tutto l'impianto sia un po' da rivedere


Non può essere che l'elettricista che è venuto presso il mio domicilio abbia installato un C20 in modo pesato?

Foto Utenteattilio Mi serve quindi questo per proteggere il secondario del trasformatore?
http://www.catalogo.bticino.it/#BTI-FA82C16-IT
Avatar utente
Foto Utentealexcagliari
10 3
New entry
New entry
 
Messaggi: 55
Iscritto il: 5 mar 2015, 23:19
Località: Cagliari

0
voti

[90] Re: Dubbio su trasformatore di isolamento e norme Cei

Messaggioda Foto Utentecore » 11 mag 2015, 18:50

da 16A?
Ecco i dati di targa, mi è appena arrivato il trafo:
(ho oscurato per ragioni di privacy commerciali la marca ed i riferimenti della società)

lo hai già fatto prima :lol:

due portafusibili e fusibili costano meno?
Avatar utente
Foto Utentecore
718 3 9
Expert
Expert
 
Messaggi: 664
Iscritto il: 15 nov 2013, 16:07

PrecedenteProssimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 20 ospiti