Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Delibera 180/2013/R/EEL

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMike, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago

1
voti

[71] Re: Delibera 180/2013/R/EEL

Messaggioda Foto Utenteadmin » 23 apr 2017, 10:59

I valori da inserire nella formula sono quelli medi mensili, come le potenze che inserisci nelle tue tabelle, presumo (altrimenti quali inserisci?) ed il calcolo del fattore di potenza da ottenere serve sempre a dimensionare la potenza della batteria di condensatori
limit ha scritto:peraltro seguendo per uno solo momento questo filo che non condivido da rilevare che anche l'energia attiva del fotovoltaico cambia continuamente e può scendere repentinamente a zero per cui con quella formula puoi passare nel quadrante vietato

Me lo puoi far vedere il perché?
Avatar utente
Foto Utenteadmin
173,7k 9 12 17
Manager
Manager
 
Messaggi: 11004
Iscritto il: 6 ago 2004, 13:14

5
voti

[72] Re: Delibera 180/2013/R/EEL

Messaggioda Foto Utenteadmin » 23 apr 2017, 11:36

In pratica la centralina con il valore impostato con i tuoi calcoli funziona in modo completamente diverso e molto più intelligente di quando è impostata con il valore che deriva dai miei calcoli.
Quindi dici che riconosce il metodo con cui è impostato il valore di taratura ed agisce di conseguenza: se è calcolato con il tuo metodo del medio massimo canonico lavora quasi in real time, mentre se calcolato con il mio metodo si disinteressa dell'andamento in tempo reale.
Non sapevo esistesse un algoritmo che dato un numero sapesse distinguere il metodo di calcolo che l'ha prodotto. Devo dire che sono rimasto molto indietro.

Come si calcola il medio massimo canonico?
Puoi dirmi dove si trova questa definizione?

Sono due nuove domande, lo so.
Dovresti ancora rispondere alle precedenti (senza modificarle)

1-Quando alle due colonne della potenza attiva e di quella reattiva che ti hanno permesso di ricavare un determinato fattore di potenza, aggiungi la riga del fotovoltaico che ha potenza attiva negativa e reattiva nulla, il fattore di potenza che ottieni dalle due colonne è uguale o diverso dal precedente in cui mancava la riga del fotovoltaico?[96]
2-L'impianto fotovoltaico ha un minimo rilievo?[107]
3-
limit ha scritto:peraltro seguendo per uno solo momento questo filo che non condivido da rilevare che anche l'energia attiva del fotovoltaico cambia continuamente e può scendere repentinamente a zero per cui con quella formula puoi passare nel quadrante vietato

Me lo puoi far vedere il perché?[113]

Già che ci sono ne aggiungo qualche altra
limit ha scritto:i miei calcoli, che peraltro non sono MIEI sono quando di più standard esiste, servono a dimensionare la capacità dei condensatori

Mentre i miei a cosa servirebbero?
Pensi non ci sia nessuno che adopera le mie formule "non standard" come lo è invece il tuo metodo?
Le formule che tutti i testi riportano per il calcolo del rifasamento sono "non standard"?
Dov'è descritto lo standard di calcolo cui ti riferisci?
Qual è l'enorme differenza tra l'usare le formule "non standard" e la compilazione delle tue due colonne?
Quelli che adoperano formule come le mie e le scrivono anche su testi abbastanza qualificati che tipi sono?
Avatar utente
Foto Utenteadmin
173,7k 9 12 17
Manager
Manager
 
Messaggi: 11004
Iscritto il: 6 ago 2004, 13:14

6
voti

[73] Re: Delibera 180/2013/R/EEL

Messaggioda Foto Utenteadmin » 24 apr 2017, 0:11

Se la formula teorica non serve, perché non c'è nulla da dire sulla teoria?
Le potenze nella formula sono valori medi mensili non istantanei. Il cartellino solare e le pause pranzo degli operai sono comprese nella media.
Dovresti scrivere a Tuttonormel ed al GSE perché rivedano le loro idee sul rifasamento: purtroppo usano ancora quella formula nelle loro pubblicazioni.

PS:
limit ha scritto:al minimo se ti va più che molto bene avrai il cos.phi troppo basso d'estate e capacitivo in invermo

mi puoi far vedere il perché, con dei numeri?
Avatar utente
Foto Utenteadmin
173,7k 9 12 17
Manager
Manager
 
Messaggi: 11004
Iscritto il: 6 ago 2004, 13:14

6
voti

[74] Re: Delibera 180/2013/R/EEL

Messaggioda Foto Utenteadmin » 24 apr 2017, 0:46

lomit ha scritto:semplicente è messo in condizine di lavorare meglio

Come si manifesta questa condizione? Dipende dal valore di taratura?
limit ha scritto:campionando ogni minuto e gestendo un buffer degli ultimi 15 campionamenti da cui si calcola la media

Quindi la taratura va cambiata ogni 15 minuti?
limit ha scritto:tutto deriva dal fatto che la potenza reattiva crea grossi problemi sia nella distribuzione che nella trasformazione dell'energia elettrica

Ah, non lo sapevo :(
limit ha scritto:la risposta rigorosa è che qualsiasi cosa togli o aggiungi da quella tabella viaria qualcosa, E, di conseguenza, ANCHE un impianto fotovoltaico

Quindi il fotovoltaico fa cambiare o no il fattore di potenza?
limit ha scritto:tutti gli impianti hanno un minimo o grande rilievo in relazione al rapporto da tra loro dimensione elettrica e quella globale dell'impianto

Ah, interessante, non ci avevo pensato. Io credevo che tutti gli impianti fossero uguali
limit ha scritto:quando ho un attimo vedo comunque di mettere giù qualcosa

Ok, aspetterò, sperando di capire qualcosa: finora io non ci sono riuscito. Spero ci siano riusciti gli altri.

Io mi limiterò a scrivere, se ritrovo la voglia, un articoletto in cui riunisco quanto sostenuto finora, che è quanto ho letto nei libri di Tuttonormel.
Aggiungo solo che quando leggo quei libri mi sembra di capire qualcosa, quando leggo le tue considerazioni mi sembra di non capire nulla.
Avatar utente
Foto Utenteadmin
173,7k 9 12 17
Manager
Manager
 
Messaggi: 11004
Iscritto il: 6 ago 2004, 13:14

6
voti

[75] Re: Delibera 180/2013/R/EEL

Messaggioda Foto UtenteGoofy » 24 apr 2017, 8:35

Per chi, come me, si fosse perso dopo 12 pagine di discussione segnalo la spiegazione contenuta nel Quaderno Tecnico n.8 della ABB, riferito allo schema con rifasamento a valle del punto di parallelo rete / fotovoltaico.

QT08_ABB.pdf
(48.1 KiB) Scaricato 46 volte
Avatar utente
Foto UtenteGoofy
5.228 2 4 6
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 1635
Iscritto il: 10 dic 2014, 20:16

11
voti

[76] Re: Delibera 180/2013/R/EEL

Messaggioda Foto UtenteGuerra » 24 apr 2017, 15:04

Limit, ti atteggi ad esperto di rifasamento, ma è evidente che non lo sei. Era sufficiente lo ammettessi anziché tirare per le lunghe una discussione sempre meno interessante. Admin ti ha fatto domande precise, tu hai sviato parlando di cose tue, campionamenti, qua e là qualche banalità di elettrotecnica per dimostrare ... Cosa?
Alla fine tante parole, nessuna risposta, solo altre discussioni che nulla hanno di attinente.
Nessuna evidenza tecnica e scientifica. Solo parole per svicolare alle uniche precise domande fatte, alle quali non vuoi e a questo punto non sai rispondere.
"Le domande non sono mai indiscrete. Le risposte lo sono a volte"
Per qualche dollaro in più
Avatar utente
Foto UtenteGuerra
34,4k 6 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 4735
Iscritto il: 14 apr 2010, 16:38

4
voti

[77] Re: Delibera 180/2013/R/EEL

Messaggioda Foto Utenteattilio » 24 apr 2017, 20:43

io ho avuto sempre l'impressione che alla fine si preferisce montare un solo rifasatore a monte di tutto, per economizzare e centralizzare [due termini che noto essere sempre molto in voga, almeno nella mia realtà]
economizzare non solo nell'immediato, ma nelle manutenzioni, etc..
centralizzare perché... perché?

è tutta una costante ricerca di compromessi

partendo "al contrario" è cosa banale dire che in molti casi, un sistema di rifasamento distribuito per utenze o gruppi di utenze omogenee nel funzionamento standard, sia la soluzione ideale

ma a che costi?

nessuna installazione è fine a se stessa, men che meno lo è all'apologia (tra virgolette) elettrotecnica

esiste una linea di confine in cui il compromesso diventa limitante e la variabilità dei sistemi è tale che si deve scegliere la strada più realistica


mi sono sempre chiesto perché il rifasamento è quasi sempre delegato all'impianto e non sia presente di "default" nella macchina [qualunque macchina elettrica essa sia, anche il banale motore asincrono da 7,5 kW per capirci] o nel macchinario [di cui il costruttore conosce bene il funzionamento]

poi dopo tante "finezze" sappiamo che nella maggior parte dei casi, il mono-rifasatore-a-monte-di-tutto alla fine purché non dimensionato a vacca fa il suo lavoro

poi per esempio, ho visto alcuni impianti con carichi pendolanti (variazioni rapide, inserzioni e disinserzioni frequenti, etc.) e non ricordo di avere mai visto gruppi di rifasamento statici
con il regolatore che inserisce/disinserisce i gradini in inseguimento... ma non mi sono mai messo a fare il conto se alla fine ciò ripaga [anche, anzi soprattutto in termini economici]


preciso che non ho alcuna esperienza nella Progettazione di gruppi di rifasamento e che le mie sono più che altro elucubrazioni per quanto visto in giro
Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera


Salvatore Quasimodo
Avatar utente
Foto Utenteattilio
57,3k 8 12 13
free expert
 
Messaggi: 8449
Iscritto il: 21 gen 2007, 14:34

8
voti

[78] Re: Delibera 180/2013/R/EEL

Messaggioda Foto Utenteadmin » 25 apr 2017, 23:07

Desideravo far presente, in particolare a [user]UtenteCancellato[/user], che ho scritto e pubblicato oggi l'articoletto cui accennavo in [119] per giustificare in maniera più rigorosa le affermazioni fatte in questo 3D.
Tra l'altro si può vedere che anche con la centralina a monte possono esserci problemi perché potrebbe essere necessario aumentare la capacità della batteria di condensatori.
Se poi aggiungiamo i problemi che possono sorgere per la distorsione armonica introdotta dall'inverter, beh, direi che nessuno dovrebbe pensare che l'allacciamento di un impianto fotovoltaico non influisca sulla centrale di rifasamento.
Io penso che qualche scusa a Foto UtenteGuerra dovrebbe essere dovuta da parte tua, UtenteCancellato.
E forse dovresti essere anche un po' più critico sulle tue certezze.
Io non ne ho quasi mai, ad ogni modo cerco di ragionare sul problema con le conoscenze che dovrei avere e con gli strumenti di cui dispongo. Cerco di fare del mio meglio, ma non sono un genio e potrei benissimo commettere degli errori. Perché gli errori possono annidarsi anche dentro le nostre più grandi certezze.
Avatar utente
Foto Utenteadmin
173,7k 9 12 17
Manager
Manager
 
Messaggi: 11004
Iscritto il: 6 ago 2004, 13:14

5
voti

[79] Re: Delibera 180/2013/R/EEL

Messaggioda Foto Utenteadmin » 26 apr 2017, 10:37

limit ha scritto:l'ho letto
e condivido quasi tutto

Incredibile, in base alla discussione mi aspettavo quasi niente.
A ogni modo il quasi dice poco: devi dire cosa di preciso non condividi. Come ti ho detto nel messaggio precedente io non ho certezze ed aspetto che mi si dica dove ci sono eventualmente errori. Non è detto che arrivi a capirli, ma mi sforzerò di farlo.
limit ha scritto:in particolare condivido particolarmente le conclusioni

molto strano anche perché smentiscono la tua affermazione che non si deve fare nulla sulla centralina di rifasamento, se correttamente installata, cioè a monte di tutto, nella posizione indubbiamente migliore.
Infatti ho scritto che la capacità dei condensatori può essere insufficiente e, poco fa, ho aggiunto l'esempio numerico che dimostra che anche il fattore di potenza 0,98 che è la tua taratura preferita, può averti portato a dimensionare una batteria di condensatori di capacità insufficiente.
limit ha scritto:curioso che Foto UtenteGuerra d'accordo su tutto

Sinceramente, limit, trovo più curioso che lo sia tu
limit ha scritto:lo invito a rileggersi questa discussione e rileggersi le conclusioni dell'articolo

Consigliabile che lo faccia anche tu
limit ha scritto:non sto ad aggiungere altro visto che qualcuno le ritiene "polemiche"

Invece di qualcuno puoi anche scrivere nick e cognick

limit ha scritto:ottimo il tuo articolo


Grazie, ma era fondamentalmente per far vedere come si devono sostenere le proprie posizioni in campo tecnico. Poi ci si può sbagliare nello sviluppo, ma quella è la strada: i fiumi di parole, i voli pindarici, le similitudini e le battute non bastano.
limited ha scritto:dovresti aggiungere il quarto caso, quello cui io ho continuato a fare riferimento in questa discussione e che indirettamente prospeta anche Massimo

Ecco qui si manifesta la mia incapacità: non so al momento quale sia il quarto caso. Io non l'ho individuato sotto la montagna delle tue parole.
Avatar utente
Foto Utenteadmin
173,7k 9 12 17
Manager
Manager
 
Messaggi: 11004
Iscritto il: 6 ago 2004, 13:14

Precedente

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 28 ospiti