Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Taratura differenziali a valle fornitura

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentelillo, Foto UtenteMASSIMO-G

1
voti

[11] Re: Taratura differenziali a valle fornitura

Messaggioda Foto Utenteivano » 21 ott 2015, 23:12

se ne e' gia' parlato ma non trovo il post.
le norme attuali impongono ai distributori in regime TT ( tutti i distributori in BT) un valore massimo della RT
del neutro.
tale valore permette una sicura corrente di guasto non superiore ad un amper.
da qui l'imposizione massima di Idn max 1A nei sistemi alimentati in TT dai distributori

leggete questo: Ora grazie all'articolo 5.1.2 della CEI 0-21 si è chiarito definitivamente che la rete di distribuzione in BT costituisce un sistema TT e viene imposto che il distributore colleghi il neutro ad un impianto di terra avente resistenza <= a 170 ohm così da permettere l'intervento dei differenziali supponendone cautelativametne una corrente nominale d'intervento differenziale Idn = 1 A.
Avatar utente
Foto Utenteivano
706 3 4
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 971
Iscritto il: 7 set 2004, 22:27
Località: appiano gentile

1
voti

[12] Re: Taratura differenziali a valle fornitura

Messaggioda Foto UtenteMike » 22 ott 2015, 9:07

Sì, ma non obbliga alla taratura di Id a 1A, per la protezione dai contatti indiretti rimane competente la CEI 64-8.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,6k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14212
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[13] Re: Taratura differenziali a valle fornitura

Messaggioda Foto UtenteRomeo » 22 ott 2015, 10:12

ivano ha scritto:se ne e' gia' parlato ma non trovo il post.
le norme attuali impongono ai distributori in regime TT ( tutti i distributori in BT) un valore massimo della RT
del neutro.
tale valore permette una sicura corrente di guasto non superiore ad un amper.
da qui l'imposizione massima di Idn max 1A nei sistemi alimentati in TT dai distributori

leggete questo: Ora grazie all'articolo 5.1.2 della CEI 0-21 si è chiarito definitivamente che la rete di distribuzione in BT costituisce un sistema TT e viene imposto che il distributore colleghi il neutro ad un impianto di terra avente resistenza <= a 170 ohm così da permettere l'intervento dei differenziali supponendone cautelativametne una corrente nominale d'intervento differenziale Idn = 1 A.

Sono pienamente in sintonia con la tua deduzione ed aggiungo che un buon progettista deve tenere nel dovuto conto ciò che dice la norma C E I 0-21.
L'esperienza Insegna.
http://www.genioincompreso.com
Avatar utente
Foto UtenteRomeo
2.860 1 6 10
Expert
Expert
 
Messaggi: 407
Iscritto il: 6 feb 2007, 21:11
Località: Roma

Precedente

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 30 ospiti