Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Impossibile riarmo differenziale "caldo"

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto Utentelillo, Foto UtenteMike, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago

0
voti

[1] Impossibile riarmo differenziale "caldo"

Messaggioda Foto UtenteMax2433BO » 20 dic 2015, 13:16

Buongiorno a tutti,

un mio collega mi ha raccontato che, a causa di un guasto ad uno scalda-biberon elettrico, gli è scattato l'interruttore differenziale in casa.

La cosa strana, a suo dire, è che l'interruttore in questione era, al tatto, caldo, e non si è potuto "riarmare" fino a quando non si è raffreddato (dopo poco più di una decina di minuti): è possibile un comportamento del genere?

Ho visto il quadro elettrico, ed effettivamente quello che mi ha indicato come interruttore differenziale (o differenziale magnetotermico) lo è (è l'unico con il classico pulsante di prova) e si trova, presumibilmente in testa, ad una casata di interruttori magnetici da 16 e 10 A dei quali nessuno è intervenuto.

Lo scalda-biberon era collegato ad una presa bipasso (presumo servita da uno dei magnetotermici da 16 A) tramite un riduttore/adattatore presa europea/shuko.

Per scrupolo, comunque, gli ho consigliato di sostituire l'adattatore, anche se con il nuovo scalda-biberon non ha più avuto problemi.

O_/ Max
Disapprovo quello che dite, ma difenderò fino alla morte il vostro diritto di dirlo [attribuita a Voltaire]

Sapere sia di sapere una cosa, sia di non saperla: questa è conoscenza. [Confucio, "I colloqui"]
Avatar utente
Foto UtenteMax2433BO
6.949 3 6 9
Master
Master
 
Messaggi: 2025
Iscritto il: 25 set 2013, 16:29
Località: Un puntino insignificante nell'universo!!

4
voti

[2] Re: Impossibile riarmo differenziale "caldo"

Messaggioda Foto Utenteattilio » 20 dic 2015, 20:11

l'elemento termosensibile degli interruttori magnetotermici non "sente" il surriscaldamento localizzato dovuto ad una connessione "sporca" (ovvero con resistenza di contatto tra presa e spina non trascurabile), non vi è nessuna sovracorrente nel circuito e quindi il dispositivo di protezione non può intervenire

questa è una delle più frequenti cause di incendio, la dissipazione di potenza localizzata fonde le plastiche fino ad incendiarle, successivamente si può sviluppare un corto fase/neutro o fase/terra con intervento delle protezioni, ma se l'innesco del fuoco è già sopraggiunto, c'è poco da fare

questo è un caso di qualche tempo fa, nessuna protezione intervenuta e grande spavento per gli inquilini che hanno visto il fuoco sulla calotta

Foto0686_640x480.jpg


tutto è nato probabilmente da un'adattatore non correttamente inserito, oppure non più in perfette condizioni

Foto0690_360x480.jpg
Foto0690_360x480.jpg (36.8 KiB) Osservato 1346 volte



cambiare un adattatore scadente o logoro è sicuramente opera buona, ma in questo caso non credo c'entri nulla col problema del tuo amico.
Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera


Salvatore Quasimodo
Avatar utente
Foto Utenteattilio
57,4k 8 12 13
free expert
 
Messaggi: 8385
Iscritto il: 21 gen 2007, 14:34

1
voti

[3] Re: Impossibile riarmo differenziale "caldo"

Messaggioda Foto UtenteMax2433BO » 24 dic 2015, 6:30

:ok: Grazie Foto Utenteattilio e scusami se ti ho dato riscontro solo ora, ma in questo periodo il lavoro è un disastro: sai quando inizi ma non sai quasi mai quando finisci...

... maledetto traffico pre-natalizio!! :twisted:

O_/ Max
Disapprovo quello che dite, ma difenderò fino alla morte il vostro diritto di dirlo [attribuita a Voltaire]

Sapere sia di sapere una cosa, sia di non saperla: questa è conoscenza. [Confucio, "I colloqui"]
Avatar utente
Foto UtenteMax2433BO
6.949 3 6 9
Master
Master
 
Messaggi: 2025
Iscritto il: 25 set 2013, 16:29
Località: Un puntino insignificante nell'universo!!


Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google Adsense [Bot] e 34 ospiti