Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

RL Carico Amplificatore operazionale

hi-fi, luci, suoni, effetti speciali, palcoscenici...

Moderatori: Foto UtenteIsidoroKZ, Foto UtentePaolino

0
voti

[1] RL Carico Amplificatore operazionale

Messaggioda Foto UtenteSilvione » 29 feb 2016, 18:23

Buonasera a tutti.
Sono alle prime armi e so poco e niente della materia perché sono un idraulico.
Mi piacerebbe conoscere meglio la resistenza di carico detta RL che è citata dai data-sheet degli amplificatori operazionali.
In base a che cosa si sceglie ?
Per esempio prendendo l'LM4562 leggo i seguenti dati:
RL = 600 Ω ±13.6
RL = 2k Ω ±14.0
RL = 10k Ω ±14.1
Verngo al dunque.
Ho un lettore Mp3 che ha un ingresso da 10k, vuole dire che per mettere in prova l'uscita dell'operazionale devo scegliere una resistenza di carico RL da 10k per valutare come si comporta l'operazionale con un carico in uscita che in questo caso è il lettore MP3.
E' Esatto ?
Grazie
Silvio
Avatar utente
Foto UtenteSilvione
5 2
 
Messaggi: 8
Iscritto il: 13 feb 2016, 10:59

0
voti

[2] Re: RL Carico Amplificatore operazionale

Messaggioda Foto Utenteobiuan » 29 feb 2016, 18:36

Ciao,

RL (che sta per R "Load", che significa appunto "carico") è la resistenza che l'operazionale "vede" alla sua uscita (verso, ovviamente, il riferimento).

Se devi accoppiare il tuo amplificatore con un ingresso cha ha Rin 10k, allora è giusto quanto dici, per provare l'amplificatore devi metterci una 10k di Rload. Però il "lettore mp3 con ingresso da 10k" mi lascia un po' perplesso...se è un lettore, a che gli serve l'ingresso? inoltre, questo valore di 10k (che potrebbero essere una Zin e non una Rin, cioè un'impedenza di ingresso e non una resistenza di ingresso) dove l'hai trovato?


Senza altre informazioni non mi sento di scrivere niente di più.
_______________________________________________________
Gli oscillatori non oscillano mai, gli amplificatori invece sempre

Io HO i poteri della supermucca, e ne vado fiero!
Avatar utente
Foto Utenteobiuan
5.824 2 10 12
Master
Master
 
Messaggi: 930
Iscritto il: 23 set 2013, 23:45

0
voti

[3] Re: RL Carico Amplificatore operazionale

Messaggioda Foto UtenteSilvione » 29 feb 2016, 19:09

Grazie per la risposta ed è sicuramente è come dici tu.
L'oggettino è questo con 22k e non 10k, ma penso che il concetto sia uguale.
http://www.7bd.com/pdfs/DR-02d.pdf
Prima di collegarlo vorrei mettere in prova il mio circuito con una resistenza che simula l'apparecchio e con il tester vedere se ho una tensione in uscita sia nella norma.
E' un semplice attenuatore quello che ho fatto.
Due resistenze che dividono la tensione e poi entrano dentro l'operazionale usato come inseguitore.
Grazie
Silvio
Avatar utente
Foto UtenteSilvione
5 2
 
Messaggi: 8
Iscritto il: 13 feb 2016, 10:59

0
voti

[4] Re: RL Carico Amplificatore operazionale

Messaggioda Foto UtenteIsidoroKZ » 1 mar 2016, 5:05

Silvione ha scritto:... la resistenza di carico detta RL che è citata dai data-sheet degli amplificatori operazionali. In base a che cosa si sceglie ?


La resistenza di carico non la si sceglie, non e` un resistore, un componente che si compra e si monta, ma e` la resistenza che lo stadio successivo fa vedere all'operazionale. Come dice Foto Utenteobiuan e` il carico, il circuito che viene collegato dopo, e che al suo ingresso presenta una certa resistenza.

QUello che si fa di solito e` verificare se l'operazionale ce la fa a pilotare la resistenza di ingresso dello stadio successivo. Nota resistenza, non componente fisico resistore che si compra!

Se l'operazionale ce la fa a pilotare la resistenza di ingresso del circuito successivo, tutto bene, finisce li`. Se invece la resistenza di ingresso del circuito successivo e` troppo bassa, ad esempio 500ohm che per un operazionale normale e` troppo bassa, allora o si modifica lo stadio successivo, o si usa un operazionale piu` "forzuto" oppure si mette uno stadio di mezzo fra operazionale e carico in grado di fornire la corrente richiesta dal carico con la sua bassa impedenza.

Nel tuo caso, se vuoi vedere se l'operazionale "ce la fa" a pilotare il carico, puoi mettere un resistore (oggetto fisico con due terminali, che compri, con le strisce colorate rosso-rosso-arancio :-) ) al posto del carico e misurare come si comporta l'operazionale.

Da notare due cose: l'operazionale con un carico di 22kohm si comporta sicuramente bene. Seconda cosa usare un tester per misurare quello che mi pare di capire sia un segnale audio non e` una buona cosa, tipicamente i tester non ce la fanno a fare misure attendibili di segnali audio.
Per usare proficuamente un simulatore, bisogna sapere molta più elettronica di lui
Plug it in - it works better!
Il 555 sta all'elettronica come Arduino all'informatica! (entrambi loro malgrado)
Se volete risposte rispondete a tutte le mie domande
Avatar utente
Foto UtenteIsidoroKZ
103,8k 1 3 8
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 18452
Iscritto il: 17 ott 2009, 0:00

0
voti

[5] Re: RL Carico Amplificatore operazionale

Messaggioda Foto UtenteSilvione » 1 mar 2016, 10:30

IsidoroKZ ha scritto:
Silvione ha scritto:Nel tuo caso, se vuoi vedere se l'operazionale "ce la fa" a pilotare il carico, puoi mettere un resistore (oggetto fisico con due terminali, che compri, con le strisce colorate rosso-rosso-arancio :-) ) al posto del carico e misurare come si comporta l'operazionale.

Spero di riuscire a spiegarmi in modo chiaro perché non ho capito del tutto la cosa.
Se per caso trovassi uno stadio successivo con questo ingresso

in questo stadio successivo vedo una resistenza da 47K
quindi significa che la RL che devo scegliere per simulare la resistenza di ingresso dello stadio successivo sarà di ?

grazie
Avatar utente
Foto UtenteSilvione
5 2
 
Messaggi: 8
Iscritto il: 13 feb 2016, 10:59

0
voti

[6] Re: RL Carico Amplificatore operazionale

Messaggioda Foto Utenteobiuan » 1 mar 2016, 11:41

La tua domanda era chiara, comunque la risposta in quel caso è 47k, non perché la R "vista" dall'operazionale sia di 47k, ma perché 47k è la R MINIMA che l'op vede quindi va bene come simulazione di "stress". In realtà, c'è un condensatore in serie (tralasciando che è un elettrolitico polarizzato nel modo sbagliato), quindi il carico visto dall'opa dipende dalla frequenza.

Ti ho chiesto le specifiche dell'mp3 (che ho visto solo ora, scusa) per verificare che l'ingresso dell'oggetto che vuoi collegare all'operazionale possa davvero essere simulato con una R. Ti faccio un esempio ripreso dal tuo circuito:



in questo caso...quale sarebbe la R di ingresso? ovviamente NON è una R ma una Z, cioè un impedenza. Cioè, per dirla in modo becero ma comprensibile, è una resistenza che dipende dalla frequenza e per l'esattezza tende a 0 per la frequenza che tende all'infinito.

Nelle specifiche che hai postato parlano di impedenza ma forniscono un solo valore in Ohm, da cui si può ricavare che l'impedenza è rappresentabile da una resistenza in tutto il range di frequenze di lavoro e quindi, in questo caso, per verificare il funzionamento del tuo opa puoi usare una R equivalente.

Attenzione che come ti ha fatto notare Foto UtenteIsidoroKZ, usare un tester per verificare l'ampiezza di un segnale audio non è una buona idea, a meno che tu non sappia esattamente quello che stai facendo e tu non abbia un generatore di funzioni sinusoidali.
_______________________________________________________
Gli oscillatori non oscillano mai, gli amplificatori invece sempre

Io HO i poteri della supermucca, e ne vado fiero!
Avatar utente
Foto Utenteobiuan
5.824 2 10 12
Master
Master
 
Messaggi: 930
Iscritto il: 23 set 2013, 23:45

0
voti

[7] Re: RL Carico Amplificatore operazionale

Messaggioda Foto UtenteSilvione » 3 mar 2016, 9:14

obiuan ha scritto:(tralasciando che è un elettrolitico polarizzato nel modo sbagliato)

Ciao, scusa per il ritardo.
Potresti spiegare meglio questa cosa del polarizzato
io sapevo che se la tensione è duale il verso è indifferente
altrimenti il polo positivo deve essere rivolto sempre verso l'operazionale
devo ricontrollare in uno dei vari testi che ho
sempre se non l'ho letto qualche mese fa direttamente dal forum.
Grazie

Ehm, ho un amico con apparecchiature varie e credo andrò a fargli visita. :cool:
Avatar utente
Foto UtenteSilvione
5 2
 
Messaggi: 8
Iscritto il: 13 feb 2016, 10:59

1
voti

[8] Re: RL Carico Amplificatore operazionale

Messaggioda Foto Utenteobiuan » 3 mar 2016, 17:48

Silvione ha scritto:io sapevo che se la tensione è duale il verso è indifferente
altrimenti il polo positivo deve essere rivolto sempre verso l'operazionale


La prima frase è giusta, se con tensione duale intendi un segnale perfettamente bilanciato rispetto al riferimento. Per la seconda, pensala così: se il circuito RC composto dalla capacità e dalla resistenza di ingresso ha una costante di tempo molto maggiore della frequenza minima del segnale, allora il condensatore si caricherà al valor medio del segnale di ingresso. Nel circuito che hai disegnato, l'elettrolilico sarebbe polarizzato correttamente per un segnale di ingresso a componente continua nulla o negativa.

Inoltre, tieni presente un 'altra cosa: il circuito che hai disegnato mette l'operazionale a funzionare con entrambi gli ingressi al riferimento. Questo implica che se l'operazionale non è alimentato in modo duale, quel circuito non funziona
_______________________________________________________
Gli oscillatori non oscillano mai, gli amplificatori invece sempre

Io HO i poteri della supermucca, e ne vado fiero!
Avatar utente
Foto Utenteobiuan
5.824 2 10 12
Master
Master
 
Messaggi: 930
Iscritto il: 23 set 2013, 23:45


Torna a Elettronica e spettacolo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti