Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Sensore induttivo

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto Utentecarloc, Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteDirtyDeeds, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto UtenteBrunoValente

0
voti

[1] Sensore induttivo

Messaggioda Foto Utenteilluminor » 31 mag 2016, 13:40

Buon giorno,

vi contatto per chiedere come potrei fare per sperimentare un Sensore Ottico Induttivo (se cosi si chiama) allego immagine simile.

Vorrei far si che quando avvicino un ogetto metallico un piccolo autoparlante emetesse un suono.

Allegherei uno schemino ma son sicuro di postarlo sbagliato quindi evito di postare schema errato se qualcuno mi posterebbe qualcosa per poi vederlo assieme.

EDIT Foto Utentealev: modificato tipo di sensore
Allegati
images.jpg
images.jpg (6.61 KiB) Osservato 2990 volte
Avatar utente
Foto Utenteilluminor
32 1 3 7
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 413
Iscritto il: 10 mag 2012, 17:54

0
voti

[2] Re: Sensore induttivo

Messaggioda Foto Utentealev » 31 mag 2016, 13:46

Nel titolo dici "Sensore induttivo" e poi nel testo "Sensore Ottico"

Sono due dispositivi differenti, potresti dire qual è la sigla di questo sensore :?:
Avatar utente
Foto Utentealev
4.160 2 8 12
free expert
 
Messaggi: 4140
Iscritto il: 19 lug 2010, 14:38
Località: Altrove

0
voti

[3] Re: Sensore induttivo

Messaggioda Foto Utenteilluminor » 31 mag 2016, 14:02

Sicuramente ho sbagliato scrivere sul testo è induttivo non ottico, pultroppo non ho nessuna sigla e o bigliettino di identificazione lo avrei posto volentieri ma non c'è.

l'unica cosa è stato inserire un immagine identica l'immagine è identica al sensore che ho.
Di più non saprei cosa fare.
Avatar utente
Foto Utenteilluminor
32 1 3 7
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 413
Iscritto il: 10 mag 2012, 17:54

2
voti

[4] Re: Sensore induttivo

Messaggioda Foto Utentemir » 31 mag 2016, 14:13

La sigla di quel micro induttivo,è serigrafata sul micro stesso
prossimit.jpg
prossimit.jpg (14.24 KiB) Osservato 2974 volte

è un micro per applicazioni industriali.
Avatar utente
Foto Utentemir
61,2k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 20584
Iscritto il: 19 ago 2004, 21:10

0
voti

[5] Re: Sensore induttivo

Messaggioda Foto Utentelelerelele » 31 mag 2016, 16:21

Non hai specificato quali sono le tue conoscenze.......dipende tutto da quanto conosci in campo elettronico.

se non ne hai probabilmente il sistema migliore è comperare un buzzer elettronico che collegherai al sensore, ed alimenti il tutto con pile.....devi però sapere la tensione di alimentazione del sensore.

saluti.
Avatar utente
Foto Utentelelerelele
2.409 3 7 8
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2772
Iscritto il: 8 giu 2011, 8:57
Località: Reggio Emilia

0
voti

[6] Re: Sensore induttivo

Messaggioda Foto Utentealev » 31 mag 2016, 16:38

far si che quando avvicino un ogetto metallico un piccolo autoparlante emetesse un suono

Avvicini un oggetto metallico a cosa (sensore a parte) :?:
Magari non è neppure necessario prendere un sensore ed è sufficiente una calamita ed un microswitch+batteria collegati ad un buzzer elettronico
Avatar utente
Foto Utentealev
4.160 2 8 12
free expert
 
Messaggi: 4140
Iscritto il: 19 lug 2010, 14:38
Località: Altrove

5
voti

[7] Re: Sensore induttivo

Messaggioda Foto Utentemir » 2 giu 2016, 13:25

Qualche info sui proximity .
Il sensore che che Foto Utenteilluminor ha postato, è un sensore induttivo e rientra nella grande famiglia dei sensori noti come interruttori di prossimità, della quale ne fanno parte quelli di tipo induttivo,capacitivo,ad ultrasuoni e fotoelettrici ...sono molto utilizzati nel campo dell'automazione per la rilevazione di stato di attuatori o parti meccaniche in movimento.
Per funzionare necessitano di una fonte di alimentazione stabile e priva di disturbi elettrici, e con ampiezze di tensione pari a 12 e 24 Vdc oppure 110/120 Vac ed anche 230/240 Vac e sono in grado di funzionare nei campi di alimentazione 10/30 Vdc, 20/130 Vac, 90/150 Vac, per quelli funzionati in ac possono essere alimentati direttamente dalla linea di alimentazione per mezzo di un trasformatore, mentre quelli funzionanti in dc dovranno utilizzare un alimentatore ac/dc.
Per quanto riguarda le uscite che in genere forniscono gli interruttori di prossimità possono essere di tipo elettromeccanico (utilizzo di un relè) e di tipo a stato solido. Il tipo di uscita digitale utilizza un transistore o un transistore ad effetto di campo, o un tiristore. Quest'ultimi sono da preferire ai primi per commutare intensità di corrente e tensione di ampiezza bassa e per numerose commutazioni. Il tipo a relè elettromeccanico introduce il fattore di usura dei contatti e della meccanica rendendoli inadatti per commutazioni frequenti e dove serva un tempo di risposta rapido.
I contatti che possono fornire sono del tipo NO (normalmente aperto) o NC (normalmente chiuso), di tipo unipolare o bipolare, ed offrono su questi contatti di uscita un adeguato isolamento galvanico.
In genere si hanno due tipologie di interruttore di prossimità , per quelli del tipo a stato solido e funzionanti in dc, quelli di tipo pnp e quelli di tipo npn, in relazione al tipo di transistor che utilizzano ed al tipo di schema che poi si andrà ad utilizzare,uno schema rappresentativo di collegamento di un interruttore di prossimità può essere...

..dove nel caso del tipo PNP il carico sarà collegato fra l'uscita del proximity ed il negativo di alimentazione, mentre nel caso di un tipo NPN il carico si vedrà collegato fra l'uscita del proximity ed il positivo di alimentazione.
Questo genere di interruttori di prossimità, forniscono un'intensità di corrente di commutazione dell'ordine di 100 mA con tempi di risposta molto elevati, ed hanno una bassissima corrente di dispersione; prestazioni e caratteristiche migliori sono offerte da quelli che utilizzano i transistor di tipo FET o ancora meglio se MOSFET.

OT... sarò accusato di esser prolisso ..ben venga :D
Avatar utente
Foto Utentemir
61,2k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 20584
Iscritto il: 19 ago 2004, 21:10

1
voti

[8] Re: Sensore induttivo

Messaggioda Foto UtenteCandy » 2 giu 2016, 13:30

Non hai bisogno di alcun generatpore di beep, che sarebbe un tantino complesso da realizzare, se non acquistantone uno predisposto. Basta osservare il LED a bordo del sensore. Quando commuta ad ON, il LED si accende.
Avatar utente
Foto UtenteCandy
32,5k 7 10 13
CRU - Account cancellato su Richiesta utente
 
Messaggi: 10131
Iscritto il: 14 giu 2010, 22:54

1
voti

[9] Re: Sensore induttivo

Messaggioda Foto Utentealev » 2 giu 2016, 13:31

sarò accusato di esser prolisso ..ben venga

Foto Utentemir, lo sappiamo che ti piace giocare con FidoCadJ ;-) :mrgreen:

Sintesi chiara ed efficace, comunque :ok: , chissà se Foto Utenteilluminor ci illumina su quello che vuole fare e come vuole farlo :?:
Avatar utente
Foto Utentealev
4.160 2 8 12
free expert
 
Messaggi: 4140
Iscritto il: 19 lug 2010, 14:38
Località: Altrove

1
voti

[10] Re: Sensore induttivo

Messaggioda Foto Utentemir » 2 giu 2016, 13:36

Candy ha scritto: Basta osservare il LED a bordo del sensore.

E' vero, sul corpo del sensore è presente un diodo led che indica lo stato di uscita attivo, ma ti assicuro che non è molto comodo da vedere se installato su un supporto, a meno di non essere nelle vicinanze del micro. In tal senso può sfruttare la stessa uscita per indicarne lo stato di funzionamento. ;-)
Ma come dice giustamente Foto Utentealev ..
alev ha scritto:se illuminor ci illumina su quello che vuole fare e come vuole farlo :?:


alev ha scritto:lo sappiamo che ti piace giocare con FidoCadJ ;-) :mrgreen:


si nota? .. :mrgreen:
Avatar utente
Foto Utentemir
61,2k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 20584
Iscritto il: 19 ago 2004, 21:10

Prossimo

Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot], Google Feedfetcher e 40 ospiti