Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Tesi su ATEX

Impiantistica dedicata alla sicurezza antincendio, iter procedurali e sicurezza nel luogo di lavoro

Moderatori: Foto UtenteMike, Foto Utenteiosolo35

0
voti

[41] Re: Tesi su ATEX

Messaggioda Foto UtenteRenzo87 » 8 feb 2017, 18:21

Mike, mi potresti dare qualche dritta? :lol:
Avatar utente
Foto UtenteRenzo87
15 4
New entry
New entry
 
Messaggi: 76
Iscritto il: 15 giu 2010, 12:14

0
voti

[42] Re: Tesi su ATEX

Messaggioda Foto UtenteMike » 8 feb 2017, 18:54

Eh, avessi capito la domanda, volentieri :lol:
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,9k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14279
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[43] Re: Tesi su ATEX

Messaggioda Foto UtenteRenzo87 » 8 feb 2017, 19:06

Sì, non mi sono espresso bene. Vorrei riportare sulla tesi un esempio riguardante l'installazione di sensori per il modo di protezione Ex "id". Ho capito soltanto che quando si hanno sensori, trasmettitori di segnale e costruzioni associate, nel caso di una sorgente unica di alimentazione, l'intero sistema assume la classificazione dell'apparecchiatura che presenta l'identificativo della categoria più alta (es. se ho ia, ib e ic, l'assieme è considerato ic). La mia domanda è: quale procedura devo seguire per mettere in pratica dei calcoli che portano alla scelta dei parametri dei cavi? La norma 60079-25 a un certo punto, quando introduce i metodi di limitazione della corrente (trapezoidale, rettangolare), dice espressamente che i calcoli effettuati da quel punto in poi riguardano esclusivamente gli apparecchi del gruppo II. O_/
Avatar utente
Foto UtenteRenzo87
15 4
New entry
New entry
 
Messaggi: 76
Iscritto il: 15 giu 2010, 12:14

1
voti

[44] Re: Tesi su ATEX

Messaggioda Foto UtenteMike » 8 feb 2017, 19:21

... della categoria più alta più bassa come barriera di sicurezza, ovvero declassa tutto il sistema.

I calcoli normalmente li adotti solo per associare i componenti già certificati dal costruttore e quindi con riportate tutte le caratteristiche e verifichi che l'insieme trasmettitore/barriera-cavo o trasmettitore-cavo-barriera siano coordinati; le modalità di calcolo erano riportate nell'allegato A della EN 60079-1. In questo modo puoi arrivare al massimo ad un sistema "ib". Per i sistemi "ia" non ci sono alternative, vanno fatte le prove in laboratorio con lo strumento scintillatore.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,9k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14279
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[45] Re: Tesi su ATEX

Messaggioda Foto UtenteRenzo87 » 8 feb 2017, 19:37

Ok, quindi mi pare di capire che per i silos (zona 20) occorra un sistema certificato come assieme Ex ia. Grazie, gentilissimo come al solito :ok:
Avatar utente
Foto UtenteRenzo87
15 4
New entry
New entry
 
Messaggi: 76
Iscritto il: 15 giu 2010, 12:14

1
voti

[46] Re: Tesi su ATEX

Messaggioda Foto UtenteMike » 9 feb 2017, 12:18

:ok: O_/
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,9k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14279
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[47] Re: Tesi su ATEX

Messaggioda Foto UtenteRenzo87 » 13 feb 2017, 10:21

Ciao Mike, avrei un dubbio che dovrei sciogliere quanto prima. Nella guida 31-56, nell'appendice GD.3 vengono proposti dei calcoli per la determinazione della distanza di riferimento d0. Ad un certo punto si parla di emissioni a bassa velocità (da sistemi a pressione atmosferica), ed emissioni a bassa velocità ( da sistemi in pressione). Io ho interpretato le definizioni pensando che i sistemi in pressione fossero quelli relativi a sistemi di trasporto in pressione, ma mi viene il dubbio che si parli di ambienti in pressione. Questo perché dal grafico per il calcolo con velocità. Mi potresti illuminare, gentilmente? Grazie.

P.S. Ho scoperto l'esistenza della guida 31-108 alla norma 31-33. Forse un po' troppo tardi :cry:
Avatar utente
Foto UtenteRenzo87
15 4
New entry
New entry
 
Messaggi: 76
Iscritto il: 15 giu 2010, 12:14

1
voti

[48] Re: Tesi su ATEX

Messaggioda Foto UtenteMike » 13 feb 2017, 14:50

Renzo87 ha scritto: Mi potresti illuminare, gentilmente?


Può essere sia un recipiente che un ambiente, serve per determinare l'estensione a seconda che il recipiente o l'ambiente non è a pressione atmosferica (e quindi non si applica l'atex). Per esempio ho un ambiente/recipiente mantenuto artificialmente in sovrapressione, se supera quella atmosferica non si applica l'atex all'interno ma solo all'esterno in caso di funzionamento ordinario (SE di tipo 1) o perdita per guasto (SE di tipo 2).

Renzo87 ha scritto:P.S. Ho scoperto l'esistenza della guida 31-108 alla norma 31-33. Forse un po' troppo tardi :cry:


L'esperienza insegna che prima di affrontare qualsiasi problematica ci si documenta sul campo di applicazione e normativa applicabile ;-)
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,9k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14279
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[49] Re: Tesi su ATEX

Messaggioda Foto Utentelillo » 16 feb 2017, 12:52

Foto UtenteRenzo87 ha scritto:P.S. Ho scoperto l'esistenza della guida 31-108 alla norma 31-33. Forse un po' troppo tardi

potresti consultare innanzitutto il sito del CEI, anche se non sei abbonato puoi effettuare una ricerca per comprendere se una particolare norma o guida esiste: la ricerca è versatile (per nome, per parole chiave, per numero norma).
se sei abbonato puoi anche consultarle.
non ti nascondo che trovo molto utile e rapido (i webmaster del sito del CEI lo hanno fatto un po pesantino :lol: ), il sito della SCAME (http://www.scame.com/it/infotec/norme/norme.asp).
Avatar utente
Foto Utentelillo
18,8k 7 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3683
Iscritto il: 25 nov 2010, 11:30
Località: Nuovo Mondo

0
voti

[50] Re: Tesi su ATEX

Messaggioda Foto UtenteMike » 16 feb 2017, 14:42

lillo ha scritto:....trovo molto utile e rapido (i webmaster del sito del CEI lo hanno fatto un po pesantino :lol: ), il sito della SCAME (http://www.scame.com/it/infotec/norme/norme.asp).


Anch'io, chiedo a Foto UtenteRaffaeleGreco di informare il webmaster del CEI :mrgreen:
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,9k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14279
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

PrecedenteProssimo

Torna a Sistemi di sicurezza ed antincendio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti