Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Scarica di una batteria dalla V nominale ad una V generica

Circuiti e campi elettromagnetici

Moderatori: Foto UtenteIsidoroKZ, Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteEdmondDantes

1
voti

[11] Re: Scarica di una batteria dalla V nominale ad una V generi

Messaggioda Foto Utenterichiurci » 19 ott 2016, 12:06

Sbagli...

I datasheet dei costruttori seri, per lo meno per batterie "importanti", dicono tutto, danno grafici riferiti a particolari condizioni (es corrente di scarica, temperatura) e grafici che legano altre condizioni a quelle.

Quindi trovi come varia la scarica in temperatura, con l'invecchiamento e altro.

Io ho usato ben 72 celle da 3,2V 60Ah per la mia auto elettrica. Per scrupolo ho effettuato un test su alcune celle prima di montarle, test riportato in un mio articolo.

Il test ha evidenziato una capacità congruente con quella dichiarata, e anche l'andamento della tensione con la scarica. Leggetelo.

E' evidente che è un test amatoriale...ma mica tanto :mrgreen:

Quasi nessun privato fa un test del genere.

Quello che volevo evidenziare è che conoscere nel dettaglio la cella serve a capirci di più ed eventualmente scegliere gli adatti circuiti di controllo (o farseli come ho fatto io) MA... la tensione non solo è indicativa, e soprattutto va usata solo per impostare i valori di soglia dei circuiti di allarme.

Con più celle in serie, anche solo 3, non solo NON si deve scendere troppo come V media, ma per essere sicuri di non far danno bisogna monitorarle singolarmente per rilevare e intervenire su eventuali "sbilanciamenti".

Mai sentito parlare di equalizzazione?
Avatar utente
Foto Utenterichiurci
27,6k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 7607
Iscritto il: 2 apr 2013, 16:08

0
voti

[12] Re: Scarica di una batteria dalla V nominale ad una V generi

Messaggioda Foto Utentelelerelele » 19 ott 2016, 12:37

bene a sapersi, Foto Utenterichiurci, come dicevo non ho grande esperienza in merito.
:ok:
Avatar utente
Foto Utentelelerelele
2.191 3 7 8
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2510
Iscritto il: 8 giu 2011, 8:57
Località: Reggio Emilia

0
voti

[13] Re: Scarica di una batteria dalla V nominale ad una V generi

Messaggioda Foto Utenterichiurci » 19 ott 2016, 13:10

è un argomento che mi ha appassionato giocoforza :mrgreen:
Avatar utente
Foto Utenterichiurci
27,6k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 7607
Iscritto il: 2 apr 2013, 16:08

1
voti

[14] Re: Scarica di una batteria dalla V nominale ad una V generi

Messaggioda Foto UtenteLucaCassioli » 19 ott 2016, 15:30

strato ha scritto:Buongiorno a tutti, come da titolo, mi interesserebbe sapere come valutare il tempo di scarica di una batteria Li-ion dalla tensione nominale ad una tensione generica.
I mAh forniti dai costrutturi indicano, suppongo, in quanto tempo, prelevando una certa corrente, la batteria si scarica fino ad una tensione residua prossima a zero.

Alcune osservazioni:
1 - una batteria non viene mai scaricata fino a 0V, ma ha un range di tensione operativa.
2 - le litio con chimica LiFePO4 vanno da 2,8 a 3,4V (Delta = 1,6), ma in realtà il 90% della capacità sta tra 3,0 e 3,3 (Delta=0,3), e la curva di scarica è così piatta che non si può usare per determinare lo stato di carica (come invece si fa col piombo), serve una misurazione della corrente erogata. In compenso, la tensione molto stabile non richiede grandi stabilizztori di tensione.
3 - Le litio con chimica LiPo/LiCoO2 (comunemente chiamate genericamente "li-ion" perché furono le prime batterie al litio a entrare nel mercato dei telefonini nel 1991) vanno invece da 3,0 a 4,2 volt (delta=1,2V), col 90% di capacità tra 3,6 e 4,2V (Delta = 0,6).
4 - un condensatore si può scaricare fino a 0V senza che si danneggi, ma in compenso una tensione eccessiva anche di poco rispetto a quella nominale lo distrugge
5 - Una batteria da 12V avrà questi range di tensione rispettivamente se LiFePO4 (4 celle) o LiCoO2 (3 celle): 12V - 13,6V (3,0 - 3,3)
10,8V - 12,6V (3,6 - 4,2)
Avatar utente
Foto UtenteLucaCassioli
446 2 4
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 314
Iscritto il: 26 apr 2016, 19:12

0
voti

[15] Re: Scarica di una batteria dalla V nominale ad una V generi

Messaggioda Foto Utentelelerelele » 19 ott 2016, 15:54

richiurci ha scritto:è un argomento che mi ha appassionato giocoforza :mrgreen:

ed anche nel mio caso è così che ho imparato. :-)
Avatar utente
Foto Utentelelerelele
2.191 3 7 8
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2510
Iscritto il: 8 giu 2011, 8:57
Località: Reggio Emilia

0
voti

[16] Re: Scarica di una batteria dalla V nominale ad una V generi

Messaggioda Foto Utentestrato » 20 ott 2016, 0:16

Ok, grazie Foto Utenterichiurci e Foto UtenteLucaCassioli per le informazioni.
Quando ho detto " a nessuno è venuto in mente bla bla" probabilmente l'ho detto in fase di scazzatura, perché pretendevo di avere subito a portata di mano una trattazione generale ma esaustiva sulle batterie.E' un campo che non ho mai più di tanto approfondito (per non dire mai) e di conseguenza mi sono sentito frustrato all'idea di non trovare quello che mi serviva.
Forse ho fatto intendere diversamente..che le batterie non si possono scaricare fino a zero lo sapevo. Ho sbagliato perché ho presupposto che i mAh che forniscono i costruttori potessero essere in relazione alla batteria che, fornendo corrente, si scarica dalla tensione nominale alla tensione di soglia minima, prossima a zero.
La batteria la volevo prendere da ebay e ,data la mancanza di un datasheet consultabile online, volevo capire se ci fosse qualche calcolo che mi facesse prevedere, almeno in via qualitativa, in quanto tempo, erogando una certa corrente, la batteria si sarebbe scaricata dalla tensione nominale fino alla tensione minima per la regolazione col buck che volevo ottenere.
Avatar utente
Foto Utentestrato
978 4 7
Expert
Expert
 
Messaggi: 358
Iscritto il: 12 dic 2011, 22:41

1
voti

[17] Re: Scarica di una batteria dalla V nominale ad una V generi

Messaggioda Foto UtenteLucaCassioli » 20 ott 2016, 10:31

strato ha scritto:La batteria la volevo prendere da ebay e ,data la mancanza di un datasheet consultabile online, volevo capire se ci fosse qualche calcolo che mi facesse prevedere, almeno in via qualitativa, in quanto tempo, erogando una certa corrente, la batteria si sarebbe scaricata dalla tensione nominale fino alla tensione minima per la regolazione col buck che volevo ottenere.

Per tutte le batterie al piombo il datasheet è sempre più o meno lo stesso, e dice che gli Ah per cui sono date sull'etichetta sono calcolati a 0.05C, cioè se estrai una corrente minuscola, pari a 1/20 della capacità dichiarata.

peukert-hires.jpg

https://jumpjack.wordpress.com/2012/12/ ... al-piombo/

Cioè, considerando ad esempio una batteria da 10Ah:
estraendo 0.05*10=0.5A durerà 20 ore, quindi darà 0.5*20=10Ah
ma estraendo 0.2C, cioè 0.2*10=2A, durerà 4 ore, quindi darà 2*4=8Ah
estraendo 1C, cioè 10A, durerà mezz'ora, quindi fornirà 5Ah.

Le batterie al litio invece non hanno questo problema, forniscono praticamente gli stessi Ah a qualunque corrente.
Ultima modifica di Foto Utentealev il 20 ott 2016, 10:55, modificato 1 volta in totale.
Motivazione: Trasferita immagine in locale
Avatar utente
Foto UtenteLucaCassioli
446 2 4
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 314
Iscritto il: 26 apr 2016, 19:12

Precedente

Torna a Elettrotecnica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti