Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

ristrutturazione appartamento

Aggiornamenti, orientamento, lavoro, attività professionali, riviste, libri, strumenti EY, Tips and tricks, consigli e pareri generici

Moderatore: Foto Utenteadmin

0
voti

[1] ristrutturazione appartamento

Messaggioda Foto Utentearchimede45 » 30 dic 2016, 10:57

salve a tutti. anche se l'argomento non è inerente a elettro you, avrei bisogno , vista la professionalità che aleggia su questo forum, di alcuni consigli: ho acquistato per mio figlio un appartamento in quel di Vicenza. L'appartamento necessita di una totale ristrutturazione. Cosa conviene fare in questo caso? 1) assumere un geometra del posto , e con lui cercare i vari soggetti per eseguire le varie opere ? ( edili idraulici elettricisti serramentisti ecc.) oppure conviene affidarsi a una ditta di restauri che pensi a tutto lei ? Quale opzione presenta meno rischi tenendo presente che mio figlio non si intende minimamente di queste cose. 2) riscaldamento: si tratta di un appartamento 2°piano in un edificio di 4 piani (anni 70) con caldaia singola interna presumibilmente con canna fumaria comune (da accertare) in questo caso è conveniente prevedere il riscaldamento a pavimento? Ringrazio chi mi può dare consigli, e approfitto per augurare a tutto il FORUM un felice 2017 O_/ O_/
Avatar utente
Foto Utentearchimede45
143 1 1 4
New entry
New entry
 
Messaggi: 66
Iscritto il: 3 nov 2013, 11:33
Località: prato

1
voti

[2] Re: ristrutturazione appartamento

Messaggioda Foto Utenteiosolo35 » 30 dic 2016, 11:50

Il mio consiglio è di affidarsi ad un libero professionista del posto fatti fare un preventivo e fatti specificare tutti i lavori professionali che andrà ad eseguire sarà anche lui poi a consigliarti la maniera più corretta per andare avanti
non ci sono problemi, ma solo soluzioni
Avatar utente
Foto Utenteiosolo35
47,0k 7 11 12
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 3737
Iscritto il: 15 mar 2012, 15:34
Località: Trento

1
voti

[3] Re: ristrutturazione appartamento

Messaggioda Foto Utentelillo » 30 dic 2016, 11:56

ciao Foto Utentearchimede45,
il mio consiglio, che do sempre a tutti, è che avere il tecnico di parte è un vantaggio per chi deve aver a che fare con maestranze di ogni genere.
il tecnico di parte fa le tue parti, e quindi può proporre soluzioni che salvaguardano il tuo portafoglio, ma che soddisfano le tue esigenze.
l'impresa (elettrica, edile, climatizzazione e quant'altro), assolve ai propri interessi, e difficilmente potrebbe proporti soluzioni alternative se queste abbassano il loro fatturato. :roll:

per quanto riguarda le scelte tecniche bisognerebbe essere li per potersi esprimere, tuttavia da quanto scrivi tuo foglio si insedia in un appartamento sostanzialmente datato, del quale, pur non conoscendo le caratteristiche, immagino non abbia una grande inerzia termica.
personalmente ritengo che soluzioni di riscaldamento a bassa temperatura siano efficaci laddove la coibentazione dell'edificio abbia le caratteristiche per trattenerlo questo calore.
comunque ascoltiamo altri pareri più autorevoli....ad esempio mi viene in mente Foto Utenterichiurci.
Avatar utente
Foto Utentelillo
19,3k 7 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3852
Iscritto il: 25 nov 2010, 11:30
Località: Nuovo Mondo

0
voti

[4] Re: ristrutturazione appartamento

Messaggioda Foto UtenteTizianoLappa » 30 dic 2016, 12:06

Il mio non è certo un parere autorevole, ma posso dire che con il riscaldamento a pavimento mi trovo molto bene.
L'appartamento dove vivo si trova in un palazzo di due piani degli anni '50, costruito in parte alla "volemose bene".

Considerato che devi ristrutturare completamente, io approfitterei per l'installazione del riscaldamento a terra.
Valuta l'altezza del massetto dei pavimenti. Se è troppo poco potrebbe non bastare per l'installazione di questo tipo di impianto.
Non lo tengo nemmeno acceso tutto il giorno, ho programmato l'accensione della caldaia due volte al giorno.
La mattina (un paio di ore prima della sveglia abituale e per la durata di circa 4 ore) e la sera (un paio di ore prima del nostro rientro abituale e la faccio spegnere intorno alle 23).
Nonostante non sia il funzionamento consigliato (generalmente si consiglia di lasciare acceso il riscaldamento a pavimento tutto il giorno) ho riscontrato un bel risparmio sulle bollette e il confort in casa è migliore.

Dovrai prevedere cronotermostati in tutte le stanze.
Avatar utente
Foto UtenteTizianoLappa
637 1 2 6
Expert
Expert
 
Messaggi: 392
Iscritto il: 9 apr 2014, 10:57

0
voti

[5] Re: ristrutturazione appartamento

Messaggioda Foto UtenteBrugio » 30 dic 2016, 13:03

Il mio consiglio è di affidarti ad un professionista che ti rediga un progetto (con computo) e che ti segua la direzione lavori e la parte burocratica con i vari enti.

Al termine del progetto puoi farti fare diversi preventivi e valutare.
Ti consiglio di non tralasciare niente e di specificare il più possibile nel computo cosa chiedete alla ditta incaricata per evitare extra costi.

Ricorda (almeno questa è la mia esperienza) che se affidi tutto ad un'unica impresa non dovresti aver bisogno del PSC, se affidi a più imprese devi considerare i costi per il tecnico della sicurezza.
Avatar utente
Foto UtenteBrugio
35 2 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 229
Iscritto il: 15 feb 2010, 16:59

1
voti

[6] Re: ristrutturazione appartamento

Messaggioda Foto Utenterichiurci » 31 dic 2016, 1:19

provo a rispondere…. molto a grandi linee…

Tutto dipende da mille fattori: stato appartamento, quanto si pensa di tenerlo, budget… gusti personali.

I geometri poco o niente sanno (almeno la maggior parte) di un SERIO intervento per il risparmio energetico, ma dipende se vuoi farlo o no…

Se l'appartamento è interpiano magari basterà qualche piccolo intervento abbastanza economico, come il riempimento dell'intercapedine che io ho fatto da me.

Invece il riscaldamento a pavimento ha vantaggi (molti) ma anche qualche svantaggio, principalmente dà il massimo in case isolate perché è "lento" ed è ideale se lasciato sempre acceso con caldaia a condensazione… ma la casa deve essere isolata.

Per esempio..se si prevede un appartamento vuoto per molte ore al giorno..potrebbe convenire un classico risc a caloriferi, magari sovradimensionati per usare caldaia a condensazione.

E poi da quest'anno cambiano le tariffe elettriche..e andrebbe valutato anche il riscaldamento a pompa di calore…

e gli infissi?

Insomma… o ti rivolgi a seri professionisti (ripeto SE vuoi risparmiare sulle bollette e aumentare il confort) oppure basta anche un "qualsiasi" geometra.

Dimenticavo: ci sono detrazioni più alte per risparmio energetico, e soprattutto cerca di farti dare le bollette di riscaldamento vecchie, per capire se vale la pena investire in risparmio energetico o no
Avatar utente
Foto Utenterichiurci
30,6k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 8334
Iscritto il: 2 apr 2013, 16:08

0
voti

[7] Re: ristrutturazione appartamento

Messaggioda Foto Utenterichiurci » 31 dic 2016, 1:21

se vuoi approfondire ti consiglio un altro forum molto frequentato sul risparmio energetico:
http://www.energeticambiente.it/in-casa/
Avatar utente
Foto Utenterichiurci
30,6k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 8334
Iscritto il: 2 apr 2013, 16:08

0
voti

[8] Re: ristrutturazione appartamento

Messaggioda Foto Utentearchimede45 » 31 dic 2016, 15:21

Intanto vi ringrazio per le risposte: Sicuramente mi rivolgerò a un professionista del posto, il difficile sarà trovarne uno competente in una città sconosciuta, ma vedremo di fare il possibile. Per l'isolamento avremmo previsto un cappotto interno nelle pareti perimetrali, i vani sono grandi e non ne saremmo penalizzati dalla perdita di spazio, anche il pavimento esistente (palladiana) compreso il massetto verrà demolito. le domande sono: 1) avendo lo scarico fumi in comune con gli altri utenti, e quindi (a quanto ho capito) non posso mettere una caldaia a condensazione all'interno, è congruo prevedere il riscaldamento a pavimento? 2) spostando la caldaia all'esterno su un balcone (esposto a nord), è lecito avere lo scarico della eventuale caldaia a condensazione sotto al balcone dell'inquilino sovrastante o bisogna per forza andare sul tetto ? ( con le difficoltà immaginabili). Tutte queste risposte spero me le darà il professionista, ma vorrei avere le idee chiare :mrgreen: :mrgreen: Rinnovo a tutti i miei auguri di buon 2017 O_/
Avatar utente
Foto Utentearchimede45
143 1 1 4
New entry
New entry
 
Messaggi: 66
Iscritto il: 3 nov 2013, 11:33
Località: prato

0
voti

[9] Re: ristrutturazione appartamento

Messaggioda Foto UtenteTizianoLappa » 31 dic 2016, 17:18

Da quello che so, ma prendilo con un grande beneficio del dubbio, per le caldaie esterne possono esistere delle regole condominiali. Nel regolamento di condominio potrebbe essere esplicitamente vietato o consentito solo in alcuni posti (per esempio solo nelle pareti interne al palazzo, non visibili dalla strada).

Il riscaldamento a pavimento lavora a temperature, dell'acqua, più basse rispetto a un riscaldamento convenzionale. Normalmente si abbina alle caldaie a condensazione proprio perché queste hanno la loro massima efficienza a temperature basse (acqua tra i 40° e i 50°). Nessuno ti vieta di usare una caldaia tradizionale se ha la possibilità di regolare la temperatura dell'acqua dei riscaldamenti. Non è il sistema più efficiente da quello che so, ma non mi chiedere il perché.

Un professionista sicuramente saprà rispondere a queste domande.

Quando ho installato l'impianto di riscaldamento ho contattato direttamente il rappresentante. Molto disponibile, gli ho inviato la piantina di casa, specificando l'altezza disponibile dal solaio grezzo alle mattonelle, e mi ha risposto dopo poco con il progetto dell'impianto e la lista dei materiali necessari. In base alla mia esperienza posso dire che sono competenti e in grado di rispondere al meglio anche al tipo di caldaia da utilizzare.
Buon 2017 anche a te.
Avatar utente
Foto UtenteTizianoLappa
637 1 2 6
Expert
Expert
 
Messaggi: 392
Iscritto il: 9 apr 2014, 10:57

0
voti

[10] Re: ristrutturazione appartamento

Messaggioda Foto UtenteFranco012 » 31 dic 2016, 18:17

Puoi avere le risposte dal Decreto Legislativo 4 luglio 2014, n. 102.
archimede45 ha scritto:1) avendo lo scarico fumi in comune con gli altri utenti, e quindi (a quanto ho capito) non posso mettere una caldaia a condensazione all'interno [...]

E' ammessa la sostituzione di una caldaia a camera aperta che già scaricava in una canna fumaria collettiva condominiale (le caldaie a condensazione non si possono usare, in quanto i fumi sono più corrosivi delle caldaie non a condensazione).
2) spostando la caldaia all'esterno su un balcone (esposto a nord), è lecito avere lo scarico della eventuale caldaia a condensazione sotto al balcone dell'inquilino sovrastante

Le caldaie installate su balcone sono equiparate a quelle con scarico a parete, che già dal 2013 (Legge 3 agosto 2013, n. 90), non possono più scaricare a parete, ma solo sul tetto, a meno di qualche eccezione (edifici storici, impossibilità tecnica di raggiungere il tetto con lo scarico dei fumi). Inoltre, eventuali scarichi a parete già esistenti devono avere distanze minime dagli altri balconi e aperture.
In rete puoi trovare le relative tabelle, tipo questa:

Distanze.png
Distanze minime.
Avatar utente
Foto UtenteFranco012
3.791 2 3 6
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 1727
Iscritto il: 8 ago 2015, 19:40
Località: Sardegna

Prossimo

Torna a Informazioni varie più o meno utili

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti