Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Una citazione da un libro, ogni giorno

Notizie scientifiche e non, comunicazioni, auguri, AAA cercasi, vendo, compro, piccoli racconti, curiosità, idee, fantasie ecc. Un fuori tema soft, senza argomenti scottanti

Moderatori: Foto Utenteadmin, Foto UtentePaolino

3
voti

[91] Re: Una citazione da un libro, ogni giorno

Messaggioda Foto Utenteadmin » 13 giu 2018, 2:07

Poi, mentre si stava togliendo la cravatta, mi ha chiesto se gli avevo fatto quello stupido tema. E io gli ho detto che ce l'aveva nel suo stupido letto. Allora è andato lì e l'ha letto sbottonandosi la camicia. Stava impalato a leggere, accarezzandosi un po' il petto nudo e la pancia, con un'espressione veramente idiota sulla faccia. Si accarezzava la pancia e il petto in continuazione. Era pazzo di se stesso.


Il giovane Holden - J.D. Salinger - Traduzione di Matteo Colombo - Cap. 6 pag. 49 - ed. Einaudi, collana Super ST
Avatar utente
Foto Utenteadmin
176,4k 9 12 17
Manager
Manager
 
Messaggi: 11075
Iscritto il: 6 ago 2004, 13:14

4
voti

[92] Re: Una citazione da un libro, ogni giorno

Messaggioda Foto UtentePietroBaima » 16 giu 2018, 11:07

Keith Devlin - I numeri magici di Fibonacci - BUR Rizzoli -pag. 198 ha scritto:Ogni periodo storico produce degli individui che sono molto avanti rispetto ai loro tempi, ma che, tuttavia, appartengono anche alla loro epoca: la prima caratteristica permette loro di immaginare il possibile, la seconda di renderlo reale.
Generatore codice per articoli:
nomi
emoticon
citazioni
formule latex

Io capisco le cose per come le scrivete. Per esempio: K sono kelvin e non chilo, h.z è la costante di Planck per zepto o per la zeta di Riemann e l'inverso di una frequenza non si misura in siemens.
Avatar utente
Foto UtentePietroBaima
75,0k 6 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 8861
Iscritto il: 12 ago 2012, 1:20
Località: Londra

8
voti

[93] Re: Una citazione da un libro, ogni giorno

Messaggioda Foto Utenteadmin » 30 gen 2019, 19:27

C'è un dato che bisogna sempre tener presente e di cui si parla poco, e cioè che l'atmosfera che avvolge la Terra è estremamente sottile e vulnerabile. Già salendo sull'Everest gli alpinisti respirano con fatica a causa dell'aria rarefatta. A 20.000 metri d'altezza (ma anche molto prima) non si respira più. L'atmosfera contina a rarefarsi, e a circa 100 chilometri d'altezza ci sono solo molecole sparse. Poco sopra orbitano i satelliti. In altre parole, tutto è concentrato nei primi 100 chilometri.
Ora, 100 chilometri sono la distanza tra Roma e Civitavecchia. Se si guarda il globo terrestre, la distanza tra Roma e Civitavecchia è quasi impercettibile, è veramente un trattino minuscolo: ebbene, quello è lo spessore massimo dell'atmosfera che circonda la Terra! Un sottilissimo velo che avvolge il pianeta.
A forza di scaricarvi dentro sostanze inquinanti e gas serra, è evidente che prima o poi accadrà qualcosa. E' difficile fare previsioni precise, perché l'atmosfera è un sistema molto complesso che funziona in modi non esattamente calcolabili, in particolare su tempi lunghi, ma i segnali ci sono tutti.


da "Il mio lungo viaggio" di Piero Angela.
Avatar utente
Foto Utenteadmin
176,4k 9 12 17
Manager
Manager
 
Messaggi: 11075
Iscritto il: 6 ago 2004, 13:14

0
voti

[94] Re: Una citazione da un libro, ogni giorno

Messaggioda Foto UtenteEdmondDantes » 4 feb 2019, 22:28

Il moscone sbatte contro il vetro e torna indietro, sbatte una seconda volta con­tro il vetro e torna di nuovo indietro, sbatte ancora contro il vetro... finché muore con la sua <<aspetta­zione>> errata. Einstein, invece, fa morire la teoria al posto suo, perché è teso a far tesoro dei propri errori. Egli è stuzzicato dal piacere di trovare un errore nella propria teoria: sa che prima trova un errore, prima mette se stesso e la comunità scientifica nell'urgente necessità di trovare e provare una teoria migliore. Qui sta la ragione per cui la fisica va avanti: <<va avanti perché non sbaglia mai due volte allo stesso modo>> (R. Oppenheimer).


Le fonti della conoscenza e dell'ignoranza, Karl R. Popper, Società editrice il Mulino.

Potremmo parafrasare il concetto e dedicarlo ad alcuni studentelli (o presunti tali) che soggiornano nel nostro blog-forum...
Tristezza.
Il Conte di Montecristo

Se non studio un giorno, me ne accorgo io. Se non studio due giorni, se ne accorge il pubblico.
La scienza non è democratica e le sue leggi non si decidono per alzata di mano.
Non seguo il metodo Montessori.
Avatar utente
Foto UtenteEdmondDantes
8.572 8 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2644
Iscritto il: 25 lug 2009, 22:18
Località: Marsiglia

2
voti

[95] Re: Una citazione da un libro, ogni giorno

Messaggioda Foto Utentewruggeri » 5 feb 2019, 1:44

Non ricordo se l'ho già proposta... nel dubbio, dato che da stamattina l'ho in mente e proprio non vuole andar via, eccola qui:


[...]Ti vedo stupido, vedo tutti cretini, vedo la stupidità vincere[...]
[...]Distrutti dai nostri giganteschi intelletti: ragionare e ponderare e far niente. Gli idioti comandano, noi straparliamo[...]


Questo è Philip Dick ne "La trilogia di Valis".
Rispondo solo a chi si esprime correttamente in italiano.
Se non conosci un argomento, non parlarne.
Gli unici fatti sono quelli dimostrabili, il resto è opinione.
Non dirò una parola sulla politica e sul M5S, del quale aspetto solo l'estinzione.
Avatar utente
Foto Utentewruggeri
4.359 1 6 13
Master
Master
 
Messaggi: 845
Iscritto il: 25 nov 2016, 18:46

1
voti

[96] Re: Una citazione da un libro, ogni giorno

Messaggioda Foto Utentegvee » 7 feb 2019, 11:28

Una delle cose che Ford Prefect aveva sempre trovato difficile comprendere a proposito degli umani, era che questi avevano il vizio di affermare e ripetere cose assolutamente ovvie, come risultava evidente da frasi quali Che bella giornata! o Come sei alto! o Oddio, mi sembra che tu sia caduto in un pozzo profondo nove metri: ti sei fatto male? In un primo tempo Ford si era fatto una sua teoria per spiegare questo strano comportamento. Aveva pensato che le bocche degli esseri umani dovessero continuamente esercitarsi a parlare per evitare di rimanere inceppate. Dopo avere osservato e riflettuto alcuni mesi, Ford aveva abbandonato questa teoria per un’altra. Aveva pensato che se gli esseri umani non si esercitavano in continuazione ad aprire e chiudere la bocca, corressero il rischio di cominciare a far lavorare il cervello. Dopo un po’ aveva abbandonato anche questa teoria, considerandola eccessivamente cinica, e aveva deciso che in fondo gli esseri umani gli piacevano molto, anche se non poteva mai fare a meno di preoccuparsi e disperarsi davanti alla terribile quantità di lacune che le loro conoscenze resentavano.

Adam Douglas - Guida galattica per autostoppisti
Avatar utente
Foto Utentegvee
490 1 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 175
Iscritto il: 11 feb 2018, 20:34

1
voti

[97] Re: Una citazione da un libro, ogni giorno

Messaggioda Foto Utenteadmin » 14 feb 2019, 16:38

Non c'è storia che non sia capace di raccontare il mondo.
E non c'è uomo che non abbia una storia da raccontare.

Paolo Fresu - poesie jazz per cuori curiosi
Avatar utente
Foto Utenteadmin
176,4k 9 12 17
Manager
Manager
 
Messaggi: 11075
Iscritto il: 6 ago 2004, 13:14

Precedente

Torna a Magazine: notizie, presentazioni, annunci e molto altro

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite