Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Una citazione da un libro, ogni giorno

Notizie scientifiche e non, comunicazioni, auguri, AAA cercasi, vendo, compro, piccoli racconti, curiosità, idee, fantasie ecc. Un fuori tema soft, senza argomenti scottanti

Moderatori: Foto Utenteadmin, Foto UtentePaolino

4
voti

[101] Re: Una citazione da un libro, ogni giorno

Messaggioda Foto Utenteadmin » 16 dic 2019, 23:23

La capacità di comprendere prima di vedere è il cuore del pensiero scientifico.
Nell'antichità Anassimandro ha capito che il cielo continua sotto i nostri piedi, prima che le navi facessero il giro della terra.
All'inizio dell'era moderna Copernico ha capito che la Terra gira, prima che gli astronauti la vedessero girare dalla luna.
Così Einstein ha capito che il tempo non scorre uniforme, prima che gli orologi fossero abbastanza precisi per misurare la differenza.


Carlo Rovelli - L'ordine del tempo.
Avatar utente
Foto Utenteadmin
184,2k 9 12 17
Manager
Manager
 
Messaggi: 11375
Iscritto il: 6 ago 2004, 13:14

2
voti

[102] Re: Una citazione da un libro, ogni giorno

Messaggioda Foto Utenteluxinterior » 17 gen 2020, 9:50

Ieri paseggiata nottura col mio cane. Buio pesto in mezzo al nulla della campagna. A un tratto il cane si blocca e iniza a ringhiare. Attimo di paura poi dal buio profondo esce un'ombra..un altro somaro che come me passeggiava nei campi nel buio più totale. Rapido saluto e ognuno va per la sua. Mi ha fatto ricordare:

Se camminando di notte per strada e un uomo ci corre incontro, visibile da lontano, perché la strada è in salita e c’è la luna piena, non faremo nulla per trattenerlo, anche se è debole e lacero, anche se qualcuno lo insegue gridando, ma lo faremo continuare nella sua corsa.
È notte e non è colpa nostra se la strada sale sotto la luna piena, inoltre può darsi che i due abbiano inscenato l’inseguimento per gioco, forse entrambi inseguono un terzo, forse il primo viene inseguito senza colpa, forse il secondo ha intenzioni omicide e noi diventeremo complici dell’assassinio, forse i due non sanno nulla uno dell’altro e ciascuno corre, per suo conto, a letto, forse sono sonnambuli, forse il primo è armato.
E, da ultimo, non ci è lecito essere stanchi, non abbiamo bevuto tanto vino?
Che sollievo non vedere più neppure il secondo.
Franz Kafka
Avatar utente
Foto Utenteluxinterior
2.863 2 4 8
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 1683
Iscritto il: 6 gen 2016, 17:48

2
voti

[103] Re: Una citazione da un libro, ogni giorno

Messaggioda Foto Utenteluxinterior » 30 gen 2020, 11:47

Un classico:
Una volta Tanzan ed Ekido camminavano insieme per una strada fangosa. Pioveva ancora a dirotto.
Dopo una curva, incontrarono una bella ragazza, in chimono e sciarpa di seta, che non poteva attraversare la strada.
«Vieni, ragazza» disse subito Tanzan. Poi la prese in braccio e la portò oltre le pozzanghere.
Ekido non disse nulla finché quella sera non ebbero raggiunto un tempio dove passare la notte. Allora non poté più trattenersi. «Noi monaci non avviciniamo le donne» disse a Tanzan «e meno che meno quelle giovani e carine. È pericoloso. Perché l’hai fatto?».
«Io quella ragazza l’ho lasciata laggiù» disse Tanzan. «Tu la stai ancora portando con te?».
da 101 STORIE ZEN a cura di Nyogen Senzaki e Paul Reps, Edizioni Adelphi.
Avatar utente
Foto Utenteluxinterior
2.863 2 4 8
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 1683
Iscritto il: 6 gen 2016, 17:48

0
voti

[104] Re: Una citazione da un libro, ogni giorno

Messaggioda Foto UtenteEdmondDantes » 20 mar 2020, 23:30

Da qualche giorno sono stati sospesi anche i lavori di restauro di Notre-Dame de Paris.

Sul volto di questa vecchia regina delle nostre cattedrali, accanto a una ruga si scorge sempre una cicatrice. Tempus edax, homo edacior, che io tradurrei volentieri così: il tempo è cieco, l'uomo è stupido.


Victor Hugo, Notre-Dame de Paris.
Il Conte di Montecristo

Se non studio un giorno, me ne accorgo io. Se non studio due giorni, se ne accorge il pubblico.
La scienza non è democratica e le sue leggi non si decidono per alzata di mano.
Non seguo il metodo Montessori.
Avatar utente
Foto UtenteEdmondDantes
10,3k 8 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3077
Iscritto il: 25 lug 2009, 22:18
Località: Marsiglia

4
voti

[105] Re: Una citazione da un libro, ogni giorno

Messaggioda Foto Utenteadmin » 23 mar 2020, 18:14

L'idea della "piccola luna" nei "Principi matematici della filosofia naturale"

Immaginiamo - scrive Newton - che la Terra abbia molte lune, come Giove. Oltre alla Luna vera, immaginiamo dunque che esistano altre lune, in particolare che esista una piccola luna che orbita intorno alla Terra a una distanza minima, diciamo sfiorando la Terra, appena un po' più alta rispetto alle cime delle montagne. A che velocità viaggerebbe questa piccola luna? Una delle leggi che Keplero aveva trovato lega il raggio dell'orbita al periodo di rivoluzione. Poiché conosciamo il raggio dell'orbita della Luna (l'aveva misurato Ipparco nell'Antichità) e il suo periodo (un mese), possiamo calcolare con una semplice proporzione il periodo che avrebbe la piccola luna. La proporzione dà un periodo di un'ora e mezzo: la piccola luna farebbe un giro della terra ogni ora e mezzo.
Ora, un oggetto che gira in tondo non va dritto: cambia continuamente la direzione della sua velocità, e ogni cambiamento di velocità è una accelerazione. La piccola luna ha un'accelerazione verso il centro del cerchio su cui si muove. Questa accelerazione è facile da calcolare conoscendo il raggio e la velocità dell'orbita (a=v^2/r), e quindi possiamo calcolarla. Newton esegue il facile calcolo e il risultato è ... esattamente

9,8 metri al secondo per secondo!

Esattamente lo stesso numero dell'accelerazione misurata da Galileo per i corpi che cadono qui sulla Terra!
Una coincidenza? Non può essere, ragiona Newton. Se l'effetto è uguale - un'accelerazione verso il basso di 9,8 metri al secondo per secondo - la causa deve essere la stessa. E quindi la causa che fa girare la piccola luna sulla sua orbita deve essere la stessa causa che fa cadere i corpi sulla Terra.

La realtà non è come ci appare
Carlo Rovelli
Avatar utente
Foto Utenteadmin
184,2k 9 12 17
Manager
Manager
 
Messaggi: 11375
Iscritto il: 6 ago 2004, 13:14

1
voti

[106] Re: Una citazione da un libro, ogni giorno

Messaggioda Foto Utenteadmin » 12 apr 2020, 17:38

Se in qualche cataclisma tutta la conoscenza scientifica dovesse essere distrutta, e se fosse possibile trasmettere solo una frase per le prossime generazioni, quale affermazione potrebbe contenere il maggior numero di informazioni nel minor numero di parole?
Credo che sia l'ipotesi che tutte le cose sono fatte di atomi.
In questa frase è concentrata una quantità enorme di informazioni sul mondo, se solo poi usiamo un po' di immaginazione ed il pensiero.



Richard Feynman - La fisica di Feynman - ed. Zanichelli
Avatar utente
Foto Utenteadmin
184,2k 9 12 17
Manager
Manager
 
Messaggi: 11375
Iscritto il: 6 ago 2004, 13:14

1
voti

[107] Re: Una citazione da un libro, ogni giorno

Messaggioda Foto Utenteadmin » 16 apr 2020, 0:37

Era l'ora della pubblicità: sullo schermo, straccamente, si susseguivano incitamenti, consigli, lusinghe: comprate solo aperitivo Alfa, solo gelati Beta; comprate solo lucido Gamma per tutti i metalli; solo elmi Delta, dentifricio Epsilon, abiti fatti Zeta, olio Eta inodore per le vostre giunture, vino Teta... Nonostante la posizione disagiata e la corazza che le dava noia alle anche, Marta finì con l'addormentarsi, ma sognò di dormire coricata sulle scale di casa, per traverso, mentre accanto la gente saliva e scendeva senza curarsi di lei. Si svegliò allo sferragliare di Enrico sul pianerottolo: non si sbagliava mai, era fiera di riconoscere il suo passo da quello di tutti gli altri inquilini. Quando fu entrato, Marta si affrettò a rimandare a casa l'amico di Luciano, e apparecchiò la tavola per la cena. Faceva caldo, e del resto il telegiornale aveva annunciato che la pioggia di micrometeoriti attraversava un periodo di scarsa attività: perciò Enrico sollevò la visiera, e gli altri lo imitarono. Così era anche più agevole portare il cibo alla bocca, invece che attraverso la piccola valvola stellare che si sporcava sempre e poi puzzava. Enrico interruppe la lettura del giornale per annunciare: "Ho incontrato Roberto sulla metropolitana: era un pezzo che non ci vedevamo. Verrà stasera con Elena a trovarci."
Arrivarono verso le dieci, quando già i ragazzi erano a letto. Elena portava uno splendido completo in acciaio AISI 304, con saldature ad argon quasi invisibili e graziosi bulloncini a testa fresata; Roberto, invece, indossava una corazza leggera, di modello inusitato, flangiata lungo i fianchi e singolarmente poco rumorosa.


Protezione
Vizio di Forma - Primo Levi
Avatar utente
Foto Utenteadmin
184,2k 9 12 17
Manager
Manager
 
Messaggi: 11375
Iscritto il: 6 ago 2004, 13:14

0
voti

[108] Re: Una citazione da un libro, ogni giorno

Messaggioda Foto Utenterichiurci » 16 apr 2020, 9:18

Viene naturale leggere guanti e mascherine al posto delle corazze :cry:
Avatar utente
Foto Utenterichiurci
28,8k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 7873
Iscritto il: 2 apr 2013, 16:08

0
voti

[109] Re: Una citazione da un libro, ogni giorno

Messaggioda Foto Utenteadmin » 16 apr 2020, 10:27

Già.
Lo scenario che abbiamo davanti, mi ha fatto venire in mente il racconto di Primo Levi. L'ho riletto e ne ho riportato un pezzo.
Avatar utente
Foto Utenteadmin
184,2k 9 12 17
Manager
Manager
 
Messaggi: 11375
Iscritto il: 6 ago 2004, 13:14

1
voti

[110] Re: Una citazione da un libro, ogni giorno

Messaggioda Foto Utenteadmin » 25 apr 2020, 16:57

[..]
Il locomotore diesel sbuffa come un povero animale, e di solito i passeggeri scendono a camminare un po', per sgranchirsi le gambe ed evacuare sul terreno arido. Lungo tutta la strada non si vede un albero, né un arbusto, né un cespuglio, né un filo d'erba, né un animale, né un insetto, né un solo uccello. Solitudine, e ancora solitudine. Deserto, saline, fabbriche di salnitro abbandonate, scheletri di costruzioni degli inizi del secolo, veicoli mummificati, sembrano indicare che questa regione non è altro che un castigo, ma sotto un suolo arido, vive, incredibilmente, una delle più belle forme di vita.
È la radice di un lichene antico come il deserto, che sepolto una decina di centimetri sotto il terreno calcinato dai raggi solari, aspetta pazientemente il giorno dell'unica pioggia, sempre alla fine del mese di marzo, che scende per qualche minuto su quella terra maledetta.
Quell'acquazzone minimo cade, bagna la terra che assorbe l'acqua, e quasi subito le nubi svaniscono. Ma questo basta perché in poche ore tutto il deserto si trasformi in un giardino infinito di fiori intensamente rossi. Le rose di Atacama riescono a vivere solo un paio d'ore, poi il sole le brucia ed il vento spazza via i petali arsi.
[..]


Patagonia Express (Appunti Andini) - Luis Sepulveda
Avatar utente
Foto Utenteadmin
184,2k 9 12 17
Manager
Manager
 
Messaggi: 11375
Iscritto il: 6 ago 2004, 13:14

PrecedenteProssimo

Torna a Magazine: notizie, presentazioni, annunci e molto altro

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti