Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Criteri di scelta dell'interruttore generale

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentelillo, Foto UtenteMASSIMO-G

0
voti

[1] Criteri di scelta dell'interruttore generale

Messaggioda Foto UtenteAndy15 » 17 mag 2017, 9:24

Salve,
scrivo questo post per capire quali sono i criteri tecnico-normativi per scegliere l'interruttore generale di un quadro. Nello specifico, se ad esempio ho un quadro con n. 3 partenze monofasi protette da n. 3 interruttori magnetotermici-differenziali da 16 A con Id=30 mA; volendo mettere come interruttore generale un magnetotermico la sua taglia deve essere almeno pari alla somma delle correnti degli interruttori ad esso sottesi? (Somma 48 A, quindi almeno un 50 A?).
Se volessi invece come generale un sezionatore o interruttore di manovra-sezionatore, che ragionamento devo seguire utilizzando l'esempio delle tre partenze da 16 A?
Grazie in anticipo
Ultima modifica di Foto UtenteWALTERmwp il 17 mag 2017, 9:29, modificato 1 volta in totale.
Motivazione: Titolo da maiuscolo a minuscolo
Avatar utente
Foto UtenteAndy15
0 4
 
Messaggi: 31
Iscritto il: 6 mar 2013, 11:51

2
voti

[2] Re: Criteri di scelta dell'interruttore generale

Messaggioda Foto UtenteMike » 17 mag 2017, 9:29

Come quadrista o come progettista?
Come quadrista, la norma CEI EN 61439 specifica i criteri con i quali calcolare le contemporaneità in mancanza di dati specifici del committente/progettista.
Come progettista si valuta in funzione della contemporaneità e utilizzazione dei carichi.
Il sezionatore deve avere una corrente nominale superiore alla somma dei dispositivi di protezione posti a monte, per esempio n.3 x 16A = 48A, quindi la prima taglia utile è un 50A. Ma non basta, devo assicurarmi che a monte il dispositivo di sezionamento sia protetto dal cortocircuito.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,6k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14212
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[3] Re: Criteri di scelta dell'interruttore generale

Messaggioda Foto UtenteAndy15 » 17 mag 2017, 10:53

Grazie per la risposta.
L'ottica è del progettista.
Le tre linee assorbono circa 12 A ciascuna. In questo caso come faresti la scelta del interruttore magnetotermico Generale? Il calcolo della contemporaneità?
Avatar utente
Foto UtenteAndy15
0 4
 
Messaggi: 31
Iscritto il: 6 mar 2013, 11:51

0
voti

[4] Re: Criteri di scelta dell'interruttore generale

Messaggioda Foto UtenteBlueElectrical » 17 mag 2017, 11:13

Non hai specificato la polarità del sistema.
Nel caso in cui fosse trifase, potrebbe andar bene anche un 4x20A o addirittura un 4x16A
Avatar utente
Foto UtenteBlueElectrical
65 1 2
New entry
New entry
 
Messaggi: 62
Iscritto il: 20 mar 2017, 18:15

0
voti

[5] Re: Criteri di scelta dell'interruttore generale

Messaggioda Foto UtenteAndy15 » 17 mag 2017, 11:43

Tre linee monofasi e l'interruttore generale trifase.
Avatar utente
Foto UtenteAndy15
0 4
 
Messaggi: 31
Iscritto il: 6 mar 2013, 11:51

1
voti

[6] Re: Criteri di scelta dell'interruttore generale

Messaggioda Foto UtenteBlueElectrical » 17 mag 2017, 12:06

Dando per scontato che i tre carichi monofasi sono distribuiti sulle tre fasi r,s,t, sono uguali, la corrente di impiego trifase è 12A: dunque può essere installato anche un 4x16A, io propenderei per un 4x20A per avere un po di margine di sicurezza.
Avatar utente
Foto UtenteBlueElectrical
65 1 2
New entry
New entry
 
Messaggi: 62
Iscritto il: 20 mar 2017, 18:15

0
voti

[7] Re: Criteri di scelta dell'interruttore generale

Messaggioda Foto UtenteMike » 17 mag 2017, 16:39

Confermo quanto scritto da Foto UtenteBlueElectrical, considerando un fattore di contemporaneità pari a 1, il caso peggiore. Bisogna inoltre verificare il tipo di carico, perché se è un carico fortemente induttivo, la corrente della termica potrà essere corretta ma quella magnetica potrebbe risultare bassa (se si usa un modulare curva C l'intervento è tra 8 o 10xIth) e intervenire intempestivamente in fase di avviamento.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,6k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14212
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[8] Re: Criteri di scelta dell'interruttore generale

Messaggioda Foto Utenteiosolo35 » 17 mag 2017, 16:51

Personalmente monterei come generale di quadro un sezionatore non un magnetotermico.
Per cui se metti come generale di quadro esempio un sezionatore da 20A a monte (sul quadro di partenza) dovrai installare un magnetotermico con taglia massima 20A.
Se il luogo è MA.R.C.IO bisogna proteggere anche contro il sovraccarico oltre che contro il cortocircuito.
Inoltre se la conduttura è tipo c dovrai affiancare al magnetotermico anche un differenziale con una Idn non superiore a 300mA anche ritardato od al massimo 1A se non fosse possibile usare il 300mA.
non ci sono problemi, ma solo soluzioni
Avatar utente
Foto Utenteiosolo35
41,7k 7 11 12
Master
Master
 
Messaggi: 3375
Iscritto il: 15 mar 2012, 15:34
Località: Trento


Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google Adsense [Bot] e 12 ospiti