Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Pilotare triac con microprocessore

Tipologie, strumenti di sviluppo, hardware e progetti

Moderatore: Foto UtentePaolino

0
voti

[11] Re: Pilotare triac con microprocessore

Messaggioda Foto UtenteEcoTan » 21 mag 2017, 8:18

Idea di Pierino su un argomento che non ho mai affrontato: non si potrebbe portare la sinusoide di rete a un ingresso analogico del micro, tramite un trasformatorino, e ottenere il rispetto dello zero crossing programmando opportunamente il firmware?
(forse sulla scheda non è previsto un ingresso analogico?)
Avatar utente
Foto UtenteEcoTan
5.340 4 10 13
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 3203
Iscritto il: 29 gen 2014, 8:54

0
voti

[12] Re: Pilotare triac con microprocessore

Messaggioda Foto UtentePaolino » 21 mag 2017, 9:31

L'idea di Foto UtenteGuidoB non l'ho mai sperimentata; gli unici contro che ci vedo sono le armoniche sparate in rete (dovute al fatto che non hai un controllo dallo zero), la necessità di utilizzare un fotoaccoppiatore sufficientemente veloce (ma potrebbe non essere un vero e proprio punto negativo).

Una domanda: pilotando il triac in tensione, non si rischia di avere delle perdite di efficienza del dispositivo stesso?

Ciao.

Paolo.
"Houston, Tranquillity Base here. The Eagle has landed." - Neil A.Armstrong

-------------------------------------------------------------

PIC Experience - http://www.picexperience.it
Avatar utente
Foto UtentePaolino
31,9k 8 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 4180
Iscritto il: 20 gen 2006, 11:42
Località: Vigevano (PV)

0
voti

[13] Re: Pilotare triac con microprocessore

Messaggioda Foto UtenteWALTERmwp » 21 mag 2017, 10:28

EcoTan ha scritto:(...) non si potrebbe portare la sinusoide di rete a un ingresso analogico del micro (...)
mi pare d'aver capito che non ha pin liberi ...

Saluti
W - U.H.F.
Avatar utente
Foto UtenteWALTERmwp
22,1k 4 8 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6402
Iscritto il: 17 lug 2010, 18:42
Località: le 4 del mattino

0
voti

[14] Re: Pilotare triac con microprocessore

Messaggioda Foto Utentesorecaro » 21 mag 2017, 11:39

Buongiorno e grazie per il vostro aiuto. Allora come ho detto non posso aggiungere/togliere componenti, quindi nessun trasformatorino o rivelatore di zero crossing. I triac che devo pilotare sono 8. Quello che non riesco a capire è come "dimmerare" il carico.
Non riesco a venirne a capo senza l'uso del zero crossing
Avatar utente
Foto Utentesorecaro
36 3 7
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 233
Iscritto il: 26 feb 2013, 19:30

1
voti

[15] Re: Pilotare triac con microprocessore

Messaggioda Foto Utenteboiler » 21 mag 2017, 12:16

sorecaro ha scritto: Non riesco a venirne a capo senza l'uso del zero crossing


Probabilmente perché non si può.
Il triac si accende quando vuoi tu e si spegne quanlo lo vuole la frequenza di rete. Senza sincronizzarsi con quest'ultima non puoi determinare il rapporto tra tempo acceso e tempo spento.

Ci sono momenti dove bisogna arrendersi all'evidenza e o si accetta di modificare in qualche modo la scheda o la si butta e la si rifà.

Boiler
Avatar utente
Foto Utenteboiler
15,1k 4 7 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2548
Iscritto il: 9 nov 2011, 12:27

0
voti

[16] Re: Pilotare triac con microprocessore

Messaggioda Foto Utentesorecaro » 21 mag 2017, 12:40

Hai perfettamente ragione, ma bisogna provarle tutte :-) :-) quasi sicuramente farò modificare la scheda
Avatar utente
Foto Utentesorecaro
36 3 7
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 233
Iscritto il: 26 feb 2013, 19:30

1
voti

[17] Re: Pilotare triac con microprocessore

Messaggioda Foto UtenteJAndrea » 21 mag 2017, 14:41

L'idea di GuidoB non l'ho mai sperimentata; gli unici contro che ci vedo sono le armoniche sparate in rete (dovute al fatto che non hai un controllo dallo zero), la necessità di utilizzare un fotoaccoppiatore sufficientemente veloce (ma potrebbe non essere un vero e proprio punto negativo).

Per la rete non cambia nulla, solamente il controllo dei passaggi per lo 0 viene fatto dal circuito di innesco e non dal micro stesso.
In alternativa, se si vuol rinunciare al controllo dello zero crossing, occorre utilizzare dei semiconduttori che a differenza dei triac abbiano anche capacità di spegnimento.
A quel punto si potrebbe semplicemente realizzare un controllo in PWM sovrapposto alla fondamentale.
Per il contributo armonico in rete prodotto, questo sarebbe molto più semplicemente filtrabile rispetto al circuito con tiristori, a patto di utilizzare una frequenza abbastanza distante dai 50hz per la modulazione...
Avatar utente
Foto UtenteJAndrea
2.857 2 5 9
Master
Master
 
Messaggi: 1525
Iscritto il: 16 giu 2011, 15:25
Località: Rovigo

0
voti

[18] Re: Pilotare triac con microprocessore

Messaggioda Foto UtenteWALTERmwp » 21 mag 2017, 14:47

sorecaro ha scritto:Hai perfettamente ragione, ma bisogna provarle tutte :-) :-) quasi sicuramente farò modificare la scheda
un piccolo monito per chi "ingegnerizza" senza concedere un minimo di margine e tolleranza.
Al netto dell'indisponibilità di pin la scheda sarebbe comunque destinata a modifiche, ma nelle scelte un po' di spare andrebbero sempre considerati, così come andrebbe previsto il rilevamento del passaggio dallo zero se ricorri a certi componenti.

Saluti
W - U.H.F.
Avatar utente
Foto UtenteWALTERmwp
22,1k 4 8 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6402
Iscritto il: 17 lug 2010, 18:42
Località: le 4 del mattino

0
voti

[19] Re: Pilotare triac con microprocessore

Messaggioda Foto Utentesorecaro » 21 mag 2017, 16:16

Walter purtroppo la scheda me l'hanno data così. Non l'ho costruita io ne tanto meno fatto schema o altro. L'unico pin disponibile che ho è il pin RA2 ( PIC 16f628a) ma non so se può essere utile per quello che devo fare. Ora leggo il Data sheet e poi vediamo
Avatar utente
Foto Utentesorecaro
36 3 7
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 233
Iscritto il: 26 feb 2013, 19:30

0
voti

[20] Re: Pilotare triac con microprocessore

Messaggioda Foto UtenteWALTERmwp » 21 mag 2017, 21:46

sorecaro ha scritto:(...) L'unico pin disponibile che ho è il pin RA2 ( PIC 16f628a) ma non so se può essere utile per quello che devo fare (...)
non è logico tu scriva di non averne a disposizione, privando gli utenti d'una informazione perché non sapresti come impiegare le risorse; elencale, valuteranno gli altri se ricorrervici, ti pare ?
A meno che tu non ti sia riproposto di coinvolgere in un esercizio mentale, un volo pindarico.

Saluti
W - U.H.F.
Avatar utente
Foto UtenteWALTERmwp
22,1k 4 8 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6402
Iscritto il: 17 lug 2010, 18:42
Località: le 4 del mattino

PrecedenteProssimo

Torna a Realizzazioni, interfacciamento e nozioni generali.

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti